Inviare un messaggio

In risposta a:
Le "radici" dell’Europa , l’Italia ....

LA "SINISTRA", LA "SICUREZZA", E LA "PEDAGOGIA DEL DISUMANO". DALL’ACCOGLIENZA ALLA PERSECUZIONE DELL’ALTRO. LE VITE DI SCARTO. Un commento di Marco Revelli, segnalato da don Aldo Antonelli - a cura di pfls

mercoledì 5 settembre 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] Già una volta, in fondo, è stato così: prima si è fatta la «recinzione delle terre», e poi le «leggi contro i vagabondi». Si chiamava «accumulazione originaria». Ora che la nuova recinzione delle terre realizzata con la privatizzazione selvaggia dello spazio pubblico e dei relativi beni comuni sopravvissuti, va accumulando nelle nostre città la massa informe delle «vite di scarto», degli sradicati, dei fuori-luogo, si pone a un nuovo livello il problema di «sorvegliare e punire». O di (...)

In risposta a:

> LA "SINISTRA", LA "SICUREZZA", E LA "PEDAGOGIA DEL DISUMANO". DALL’ACCOGLIENZA ALLA PERSECUZIONE. LE VITE DI SCARTO. ... Microcriminalità, sicurezza e politiche del centrosinistra - di ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI

venerdì 7 settembre 2007

Microcriminalità, sicurezza e politiche del centrosinistra.*

TOLLERANZA ZERO?

La recente, ridicola, se non fosse drammatica, ordinanza del Sindaco di Firenze contro i lavavetri e la ancora più recente richiesta dei Sindaci di Bologna e ancora di Firenze di attribuire poteri di polizia ai Sindaci, accompagnate dalle continue iniziative "securitarie" promosse dai Sindaci del Centro Sinistra, dimostrano ancora una volta come sia in atto un tentativo della sinistra di accreditarsi rispetto al concetto di sicurezza, normalmente ritenuto patrimonio della destra.

Ci pare necessario fare chiarezza su questo primo punto: l’istanza di sicurezza dei cittadini, di per sé, non è concetto né di destra, né di sinistra, ma esprime semplicemente la condivisibile richiesta di una vita possibilmente tranquilla; ciò che deve costituire la differenza tra destra e sinistra, invece, è il contenuto del concetto di sicurezza ed i modi per ottenerla. Ed è qui che, invece, si stanno verificando cedimenti inaccettabili da parte della sinistra in generale, e dei Sindaci eletti da quello schieramento, in particolare.

E’ recente la preoccupata dichiarazione, sul punto, del Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Torino, Caselli, che ha affermato ’le differenze politiche si stanno affievolendo. Si fa a gara nellŽappiattirsi sulle posizioni con venature populistiche, ad accantonare ad esempio la difesa dei diritti sociali nel nome supremo della sicurezza, ad assecondare le paure e le insicurezze della gente e le sue percezioni esasperate’. E’ profondamente errato cavalcare la difesa della sicurezza ad ogni costo, come strumento per acquisire consenso popolare, occorre ribadire con forza che, se siamo d’accordo che vi sia uno sforzo da parte dello Stato per garantire maggior sicurezza a tutti i cittadini, mai si potrà accettare che, per quella ragione e per quello scopo, si limitino le libertà individuali di alcuni cittadini, ovviamente i meno tutelati ed i meno abbienti.

L’ordinanza del Sindaco di Firenze è emblematica del suo scopo elettoralistico: per dimostrare che il Sindaco è in sintonia con quei cittadini che hanno subito aggressioni da parte di lavavetri, si arriva ad affermare che il mestiere di lavavetri è vietato sino al 31 ottobre 2007, con il che affermando implicitamente che, prima dell’ordinanza e dopo il 31/10, l’attività poteva e potrà essere liberamente svolta, senza necessità di licenza alcuna!

L’ordinanza, dunque, non può che essere stata emessa in un tentativo di captatio benevolentiae della pubblica opinione.

Comunque, a parte il discorso sulla veramente dubbia legittimità di quell’ordinanza, rispetto alla quale sarà possibile l’impugnazione avanti il TAR, ciò che ci preoccupa vivamente come Giuristi Democratici è la filosofia sottesa a questo tipo di provvedimenti; occorre un’inversione di tendenza, che vada incontro alle esigenze dei cittadini, senza porre in pericolo i diritti di nessuno e senza ricorrere a strumenti tanto inefficaci, quanto vessatori; ed in questo senso, crediamo che le forze della Sinistra debbano operare un serio esame di coscienza e riappropriarsi di quella difesa dei diritti sociali che dovrebbe costituire, come in passato, il loro fiore all’occhiello.

06/09/2007

ASSOCIAZIONE NAZIONALE GIURISTI DEMOCRATICI -Pubblicato da: Redazione | 06/09/2007 20:19 |


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: