Poster un message

En réponse à :
Fedi e lotta per il monopolio di "Dio"

EBRAISMO, MESSAGGIO EVANGELICO, E CATTOLICESIMO. "ERBE AMARE. IL SECOLO DEL SIONISMO". Un libro di Ariel S. Levi di Gualdo, recensito da Andrea Tornielli - a cura di pfls

lundi 3 décembre 2007 par Maria Paola Falchinelli
Quelle preghiere della discordia
di Andrea Tornielli*
I rabbini capi di Gerusalemme, guide spirituali delle comunitÓ sefardita e aschenazita, hanno scritto a Papa Benedetto XVI per chiedere la modifica della preghiera del Venerdý Santo presente nell’antico messale appena liberalizzato dal Motu proprio, nel quale si prega per la conversione degli ebrei chiedendo a Dio di sottrarre « quel popolo... alle sue tenebre » e di rimuoverne « l’accecamento » (termine mutuato da una delle lettere di (...)

En réponse à :

> EBRAISMO, MESSAGGIO EVANGELICO, E CATTOLICESIMO. "ERBE AMARE. IL SECOLO DEL SIONISMO". Un libro di Ariel S. Levi di Gualdo, recensito da Andrea Tornielli - a cura di pfls

dimanche 21 octobre 2007

Al di lÓ che questionare sulle origini religiose dell’autore, pur negando a detta revoca il valore di argomento, non si leggono smentite a quanto da questi sostenuto. Il fatto che il Talmud sia un testo esteso e dalla difficile ermeneutica non smentisce una iota di quanto scritto nel libro in oggetto.

Parimenti non si vede dove stia la pretesa ambiguitÓ dell’autore, a meno di dire che la conversione religiosa sia segno di ambivalenza, affermazione ben pi¨ discutibile, inesatta, pericolosa e fastidiosa di quanto si vorrebbe fossero le posizioni dell’autore a proposito di quanto detto sul Talmud.

Gli epiteti ingiuriosi rivolti a Cristo e Sua Madre non saranno un fatto rivelante per chi in Essi non crede, certo rilevano per chi Ŕ cristiano. E’ curioso osservare come si cerchi di ovviare ad un fatto documentato, quale la presenza di insulti alla fede cristiana, pretendendo di ridicolizzare chi li rende noti in quanto che non-esperto di lingua ebraica. Si potrebbe far notare allo stesso modo ai solerti rabbini richiedenti l’espunzione della preghiera del venerdý santo che, se conoscessero il latino, saprebbero come per-fidis significhi letteralmente contro la fede, dunque non credenti il Verbo cristiano, cosa che esattamente descrive la loro condizione, e non banalmente "perfidi". Nessuno per˛ si attarda a pretendere una minima conoscenza del latino da parte di costoro per squalificarne le richieste, come invece usa fare il solerte S. nel proprio commento.

Distinti saluti

Giampaolo Ghilardi


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :