Inviare un messaggio

In risposta a:
La Sapienza dell’Europa ....

LE MOUVEMENT ÉTUDIANT. LA FRANCIA SI RIBELLA ALLA LEGGE DI SARKOZY. Più di 40 delle 85 università francesi sono bloccate, e la protesta sta allargandosi ai licei - a cura di pfls

Il quotidiano francese "Nouvel Observateur" segue la situazione ora per ora.
sabato 24 novembre 2007 di Maria Paola Falchinelli
[...] In una manifestazione a Parigi giovedì migliaia di studenti hanno sfilato insieme universitari e liceali per chiedere «diplomi nazionali e ritiro della legge». Il presidente della Federazione indipendente e democratica liceale, Tristan Rouquier, ha chiesto che vengano fatte delle manifestazioni studentesche unitarie in tutte le città il prossimo 29 novembre. I liceali - ha aggiunto - «sono i primi colpiti da questa legge» e chiedono che l’accesso all’università sia frutto di una (...)

In risposta a:

> LE MOUVEMENT ÉTUDIANT. LA FRANCIA SI RIBELLA ALLA LEGGE DI SARKOZY. Più di 40 delle 85 università francesi sono bloccate, e la protesta sta allargandosi ai licei --- Appello del coordinamento nazionale delle università di Rennes (11 nov. 2007).

venerdì 23 novembre 2007

Doc.

APPELLO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE DELLE UNIVERSITA’ DI RENNES *

Noi, studenti riuniti in coordinamento nazionale, rappresentanti le assemblee generali delle università, constatiamo che la mobilitazione contro la LRU e gli attacchi del governo si allarga ogni settimana di più. Più di 50 assemblee generali hanno avuto luogo questa settimana, riunendo decine di migliaia di studenti. Più di 25 università sono in sciopero, di cui più di 15 hanno votato a stragrande maggioranza il blocco e la sospensione totale dei corsi. La mobilitazione degli studenti si annuncia massiccia dunque. Assemblee generali sono previste questa settimana in quasi tutte le università.

Rifiutiamo la LRU perché mira a smantellare il servizio pubblico di insegnamento superiore, colpito da più di 30 anni attraverso numerosi progetti di leggi, legge Faure, Progetto Di Waquet, Piano U3M, LMD, Legge di Ammodernamento delle Università il cui obiettivo principale è mettere in concorrenza le università su scala sia mondiale che nazionale. La LRU va verso la privatizzazione delle università, aumentando così il peso delle imprese e del privato. Le università potranno essere gestite come le imprese dai presidenti onnipotenti e dai consigli di amministrazione con un controllo democratico ancora minore. Così, le università saranno messe in concorrenza e come conseguenza avremo tagli del finanziamento ai rami meno produttivi o considerati non redditizi, una degradazione delle condizioni di studio nelle università, ed un aumento della selezione verso gli studenti. La legge instaura una preselezione dei liceali all’entrata dell’università e facilita l’aumento delle spese di iscrizione. Chiamiamo tutti i liceali a mobilitarsi ed a bloccare le loro Facoltà. Inoltre il personale insegnante e non insegnante sarà reso precario e gestito direttamente dalla presidenza delle università : è l’abolizione del loro statuto che è programmata. Poiché questa riforma non è né negoziabile, né emendabile sia a livello nazionale che locale, esigiamo la sua abrogazione.

La LRU è solamente una delle misure che si inseriscono nella logica globale dell’abolizione dell’istruzione, dei servizi pubblici, e l’insieme dei diritti sociali. Esigiamo un’inquadratura nazionale dei diplomi, un aumento degli aiuti sociali e del bilancio dell’insegnamento superiore, così come la soppressione delle spese di iscrizione. In particolare, esigiamo il ristabilimento dei 22.000 posti di funzionari soppressi questo anno di cui i 11.200 nell’istruzione nazionale. Esprimiamo la nostra solidarietà con le lotte dei lavoratori dipendenti che si svolgono in questo momento e con le loro rivendicazioni : contro la restaurazione dei regimi speciali e per il ritorno alle 37,5 annualità per tutti ; contro le franchigie mediche ; contro la precarizzazione degli statuti della funzione pubblica. Questa solidarietà non deve essere una vana parola, ma impegna tutti i protagonisti delle lotte sociali a lavorare ed a lottare insieme. Denunciamo anche la stigmatizzazione degli immigrati ed esigiamo in particolare l’abrogazione delle leggi anti-immigrati, la legge Hortefeux, la regolarizzazione di tutti coloro che non hanno il permesso di soggiorno e la chiusura dei centri di detenzione, e la fine delle retate. Al rullo compressore del governo opponiamo la convergenza delle lotte di tutti i settori attaccati che unica potrà farlo cedere.

Il governo fa chiudere le università bloccate e manda i CRS in quelle occupate. Alla mobilitazione, il governo risponde con le pseudo promesse e con la repressione nelle università, chiamiamo al boicottaggio e al blocco delle commissioni per l’attuazione della LRU. Condanniamo fermamente le chiusure amministrative e le azioni della polizia. Di fronte ai referendum organizzati dalle amministrazioni noi affermiamo la sola legittimità delle Assemblee Generali e dei comitati di scioperi per decidere le successive azioni del movimento. Le votazioni segrete devono essere impedite perché nuocciono al movimento.

Chiamiamo la popolazione a sostenere la nostra mobilitazione, quella dei ferrovieri e lo sciopero del 20 novembre nella funzione pubblica. È’ con una lotta di tutti e per tutti, che potremo fare cedere il governo. Chiamiamo gli studenti a mettersi da ora in sciopero, a costruire la lotta con picchetti di scioperanti, blocco ed occupazione; a discutere e convincere chi li circonda per costruire un movimento ancora più massiccio. Chiamiamo tutto il personale delle università a unirsi a noi nello sciopero. Chiamiamo tutti ad una giornata nazionale di azione di blocco delle stazioni martedì 13 Novembre. Chiamiamo a manifestare con i ferrovieri il 14 o il 15 novembre nelle varie città. Chiamiamo a manifestare massicciamente il 20 novembre a fianco dei lavoratori del pubblico impiego. Chiamiamo i lavoratori del settore pubblico come del privato ad approfittare di queste date per unirsi a noi nello sciopero, perché solo tutti insieme, studenti e lavoratori, potremo far cedere il governo. Il coordinamento rifiuta la mediazione di qualsiasi sindacato od organizzazione col governo perché l’obiettivo è costruire un rapporto di forza che è l’unico mezzo per soddisfare le nostre rivendicazioni.

11 novembre 2007

www.sud-etudiant.org

* Fonte: megafonorosso


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: