Poster un message

En réponse à :
Pianeta Terra, 2008. Al "via" la costruzione di una torre anti-babelica....

ITALIA : PISA PER SAN SUU KYI. Un grande manifesto che ritrae il premio Nobel, con la richiesta di democrazia e libertÓ per la Birmania, Ŕ stato fatto scendere dal quarto anello della Torre di Pisa - a cura di pfls

mardi 1er janvier 2008 par Maria Paola Falchinelli
TORRE DI PISA, MANIFESTO DI SAN SUU KYI *
PISA - Campeggia anche dalla Torre di Pisa l’immagine di Aung San Suu Kyi, leader del movimento democratico birmano e premio Nobel per la pace.
Un grande manifesto che ritrae il premio Nobel, con la richiesta di democrazia e libertÓ per la Birmania, Ŕ stato fatto scendere dal quarto anello della Torre pendente dal sindaco di Pisa Paolo Fontanelli, dall’arcivescovo Alessandro Plotti e dal presidente dell’Opera della Primaziale Pier Francesco (...)

En réponse à :

> ITALIA : PISA PER SAN SUU KYI. Un grande manifesto che ritrae il premio Nobel, con la richiesta di democrazia e libertÓ per la Birmania, Ŕ stato fatto scendere dal quarto anello della Torre di Pisa - .... Birmania, San Suu Kyi esce di casa. Colloquio con un membro del regime.

vendredi 11 janvier 2008


-  Il premio Nobel per la Pace Ŕ stata scortata da uomini armati
-  Misteriosa esplosione a Naypyidaw, la nuova capitale del Paese

-  Birmania, San Suu Kyi esce di casa
-  Colloquio con un membro del regime

RANGOON - L’hanno prelevata dalla villetta dove Ŕ costretta a vivere. Portata a colloquio con un esponente del governo. Aung San Suu Kyi, la leader dell’opposizione birmana che ha trascorso agli arresti domiciliari la maggior parte degli ultimi dieci anni, Ŕ ha lasciato la sua casa all’alba, scortata da uomini armati.

Il premio Nobel per la Pace 1991 Ŕ stata condotta da un convoglio militare a una vicina foresteria dell’esercito. Un luogo utilizzato per incontri ufficiali. Ad attenderla c’era il ministro del Lavoro, il generale a riposo Aung Kyi, rappresentante della giunta al potere. Tocca a lui tenere i contatti con Suu Kyi.

L’incontro rientra negli impegni concordati dall’inviato speciale delle Nazioni Unite, Ibrahim Gambari, con il capo della giunta, generale Than Shwe. In realtÓ, per˛, l’impegno Ŕ stato rispettato soltanto di rado. Dopo una serie di faccia a faccia iniziali, infatti, l’appuntamento Ŕ spesso saltato. Il colloquio di oggi, su cui viene mantenuto il pi¨ stretto riserbo, sarebbe il quarto. Impossibile, per˛, conoscerne i contenuti.

Esplosione, un morto. Stamattina una donna Ŕ morta a causa dello scoppio di una bomba all’interno della toilette della stazione ferroviaria di Naypyidaw, la nuova capitale (precedentemente era Rangoon, 380 chilometri pi¨ a sud). In Birmania gli attentati sono in realtÓ piuttosto frequenti, e i militari spesso ne attribuiscono la responsabilitÓ agli attivisti dei gruppi di opposizione che lottano per l’introduzione della democrazia nel Paese asiatico.

* la Repubblica, 11 gennaio 2008.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :