Inviare un messaggio

In risposta a:
2008. Lavoro insicuro? Vincano i diritti

MORTI BIANCHE. All’Italia il terribile primato europeo delle vittime sul lavoro. Messaggio del Presidente Napolitano al Presidente dell’Inca-Cgil - a cura di Federico La Sala

martedì 5 febbraio 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] La campagna di comunicazione che presenta oggi l’Inca-Cgil, importante componente del movimento sindacale e del mondo del lavoro, offre un prezioso contributo per la diffusione e l’affermazione di una radicata cultura sulla salute e sulla sicurezza nel lavoro. Auspico che lo slogan della vostra campagna ’Lavoro insicuro? Vincano i diritti’, il disegno strappato del bambino che trasmette con efficacia le tragiche conseguenze, anche familiari, del ’lavoro insicuro’, le varie iniziative (...)

In risposta a:

> MORTI BIANCHE. ---- Giuseppe Cecere, Antonio Di Matteo e Vincenzo Musso alla Dsm di Capua. La figlia di una vittima: "Erano trattati come schiavi".

domenica 12 settembre 2010

MORTI BIANCHE

-  Capua, la figlia di una vittima
-  "Erano trattati come schiavi"

Le lacrime della donna: "E’ da ieri che siamo qui e nessuno si degnato di dire ci dispiace". Oggi tutti i dipendenti sono stati convocati per prendere parte ad un’assemblea alla quale parteciperanno anche di alcuni vertici dell’azienda

Davanti all’azienda di Dsm la rabbia dei parenti dei tre operai morti ieri mattina si sente tutta. Urla la figlia di Giuseppe Cecere, uno dei tre operai morti ieri nello stabilimento Dsm di Capua, nel Casertano. Parole di disperazione, di chi si sente abbandonato. "Li comandavate come schiavi - dice la figlia del 52enne - . E’ da ieri che siamo qui e nessuno si degnato di dire ci dispiace".

"Devono parlare i testimoni", dice la cognata di Giuseppe Cecere. Cecere proprio di Capua e la sua abitazione si trova esattamente di fronte allo stabilimento dove morto. La cognata aggiunge: "I testimoni devono far giustizia, ci devono dire come sono andate le cose". E poi un dettaglio che rende ancora pi tragico quanto avvenuto: "Giuseppe, li dentro, aveva tanta paura di morire".

Il giorno dopo la morte di Giuseppe Cecere, Antonio Di Matteo e Vincenzo Musso alla Dsm di Capua, i dipendenti dell’azienda non hanno alcuna voglia di parlare. Le vittime lavoravano per una ditta esterna di Afragola e sono stati investiti dalle esalazioni. Stavano lavorando in ore di straordinario e sono stati investiti dai fumi tossici provenienti dal silos, probabilmente dovuti ad un processo di fermentazione che si innescato quando l’hanno aperto.

Oggi tutti i dipendenti sono stati convocati per prendere parte ad un’assemblea alla quale parteciperanno anche di alcuni vertici dell’azienda arrivati direttamente dall’Olanda.

Se a qualcuno si prova a chiedere se all’interno della Dsm siano rispettate le norme relative alla sicurezza, in tanti, tutti, rispondono con il silenzio. "Non vogliamo parlare", la prima risposta, poi qualcuno aggiunge anche "ci hanno detto di non parlare".

Questa mattina davanti ai cancelli dell’azienda del Casertano si presentato anche un ex dipendente che ha lavorato qui per 40 anni. Giuseppe D’Este lo dice senza se e senza ma: "I lavoratori delle ditte esterne qui sono considerati di serie B, un p come una merce". Ma c’ anche chi, tra i dipendenti ci tiene a precisare: "Qui la sicurezza il fiore all’occhiello, quanto successo stato solo un brutto incidente".

* la Repubblica, 12 settembre 2010


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: