Poster un message

En réponse à :
EUROPA. Memoria della Libertà e della Liberazione ...

ELEZIONI. PARTITI E "LOGO" : "FORZA ITALIA" HA FATTO "SCUOLA AL CENTRO". E’ NATO UN "NUOVO" PARTITO : "LA ROSA BIANCA" DI BACCINI, PEZZOTTA E TABACCI. In Italia, però, esiste già un’associazione prestigiosa che si chiama Rosa Bianca. Contro l’appropriazione del Nome, la Voce di Fiore esprime la sua massima solidarietà all’Associazione - a cura di pfls

Nome che si ispira, come è noto, alla memoria della Weisse Rose tedesca, il gruppo di studenti oppositori del nazismo, e condannati a morte dal Fuhrer.
mardi 12 février 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] Ad animare la battaglia per la tutela del nome, nella sua versione italiana, è la presidente dell’associazione, Grazia Villa. Che per sostenere le ragioni sue e del gruppo che rappresenta sta organizzando campagne via mail, e iniziative di protesta varie. "In qualità di presidente della Rosa Bianca - ha scritto - associazione di cultura e formazione politica, esistente e operante in Italia dai primi anni Ottanta, apprendo con vivo stupore la notizia dell’utilizzo del nome per la (...)

En réponse à :

> Contro l’appropriazione del Nome ... "Famiglia cristiana" contro "famiglia di mammasantissima". Il settimanale cattolico contro l’accordo Udc-Rosa Bianca : era meglio soggetto nuovo : occasione sciupata.

mercredi 12 mars 2008

* Corriere della Sera > * Politica > * Famiglia Cristiana critica l’Udc di CasiniE lui promette : « Faremo la Costituente »

* Politica * Diminuisci dimensione testo * Aumenta dimensione testo * Print * Segnala questa pagina * Mobile * RSS feed

Attacco a Cuffaro : « Perché la presenza di certi candidati ? »

-  Famiglia Cristiana critica l’Udc di Casini
-  E lui promette : « Faremo la Costituente »

Il settimanale cattolico contro l’accordo Udc-Rosa Bianca : era meglio soggetto nuovo : occasione sciupata

ROMA - « "Coatti" al centro, pasticci nel Pd e anarchia dei valori nel Pdl » : non usa mezzi termini, neanche questa settimana, l’editoriale di prima pagina di Famiglia Cristiana. A finire nel mirino del settimanale cattolico è questa volta il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini. Il titolo, dai toni assai duri, è accompagnato da una dichiarazione ancora più incisiva : « Cattolici col bollino ma senza coraggio ». « Di fronte all’unica forza che afferma espressamente la sua ispirazione cristiana - scrive Famiglia Cristiana - ci saremmo aspettati qualcosa di diverso e più innovativo, per allontanare il dubbio di una buona occasione (forse l’ultima ?) sciupata malamente. Ci saremmo aspettati, da Casini soprattutto, un gesto di coraggio in più, che avrebbe dato a questo tentativo un profilo più alto e più credibile ».

« RISPONDEREMO CON LA COSTITUENTE » - La replica del numero dell’Udc non si è fatta attendere : « Condivido il giudizio di Famiglia Cristiana - ha detto Casini -. È ovvio - ha aggiunto - che un processo politico che si realizza in una settimana non può essere perfetto. Siamo consapevoli dei limiti di questo accordo, ma la risposta a Famiglia Cristiana arriverà con la costituente di centro che nascerà con le elezioni politiche ».

CONTRO CUFFARO - L’editoriale di Paolini prende di mira in particolar modo l’alleanza Udc-Rosa Bianca. « Avremmo preferito - si legge - un soggetto totalmente nuovo e non l’assemblaggio di due simboli, in modo da collocarsi definitivamente al di fuori delle ambiguità di un passato non sempre lineare (perché i voti e le presenze di certi candidati, tipo Cuffaro ?) ».

« CI ASPETTIAMO MAGGIORANZE TRASVERSALI » - « Famiglia Cristiana ha messo in guardia contro il "pasticcio veltroniano in salsa pannelliana" e contro l’"anarchia dei valori berlusconiana". Ora, poiché i cattolici sono presenti in ogni schieramento - prosegue - da parte nostra e in coerenza con il Concilio, ribadiamo la libertà di scelta dei cattolici, purché ovunque la loro presenza sia significativa e non "mortificata". Sulle questioni che veramente contano, in particolare sui temi eticamente sensibili, ci aspettiamo unità e maggioranze trasversali ». Click here to find out more !

L’ESPERIMENTO DEL CENTRO - « L’esperimento del Centro di ispirazione cristiana, di per sé, non è né nuovo né originale. Ci avevano già provato Martinazzoli con il suo Ppi nel 1994 e Sergio D’Antoni con Andreotti nel 2001. L`insuccesso era stato determinato dalla legge elettorale maggioritaria che non dava chance ad alcun tentativo isolato ». Ed ecco una critica al sistema elettorale : « Nei mesi scorsi, Berlusconi e Veltroni - scrive il settimanale cattolico - hanno affossato qualsiasi possibilità di introdurre in Italia il sistema elettorale tedesco, per non avere fra i piedi una forza di interposizione che stava nascendo su iniziativa di Savino Pezzotta e del mondo cattolico del Family Day. Ma ciò che era stato negato rifiutando il sistema elettorale tedesco è rinato con la decisione di Veltroni (seguito a ruota da Berlusconi) di correre da solo (da soli ?), che ha sfoltito il sistema politico, dando vita a quattro blocchi esattamente come in Germania. Il Centro ora c’è - conclude Famiglia Cristiana - e ridefinisce le posizioni politiche. Si può discutere a lungo se ciò sia l’effetto di una scelta "obbligata" e non spontanea di un Casini che, a differenza della decisione libera e forte di Tabacci e Pezzotta, è stato costretto a smarcarsi dal Centrodestra. Sia come sia, ora il Centro esiste e bisogna farci i conti ».

* Corriere della Sera, 11 marzo 2008


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :