Inviare un messaggio

In risposta a:
In principio era il Logos: Amore ("Charitas") - non il "Logo" costantiniano ("Deus caritas est", 2006)!!!

"PRO JUDAEIS" E "BLACK LIST"!!! CONTRO L’ANTISEMITISMO CATTOLICO E GENERALE RILANCIATO DA PAPA RATZINGER, A RICCARDO DI SEGNI, RABBINO CAPO DI ROMA, E A TUTTI GLI INSEGNANTI PIENA E TOTALE SOLIDARIETA’ - di Federico La Sala.

giovedì 14 febbraio 2008 di Maria Paola Falchinelli
AL DI LA’ DI TUTTO IL "LATINORUM" ("Deus caritas est" - un "lapsus" più che millenario) E DI TUTTE LE ILLUSIONI TRAGICHE DI PAPA RATZINGER, INDIETRO NON SI TORNA!!! Dio è "Charitas", Amore - in volgare (Dante)!!!
IL PROBLEMA E’ CHE NON SI VUOL CAPIRE CHE I "DI SEGNI" DEI "PERFIDI GIUDEI" DENUNCIANO (A MIO PARERE, OVVIAMENTE) SOLO LA BIMELLENARIA CECITA’ EDIPICA (LEZIONE DI FREUD) DELLA CHIESA "CATTOLICA" E DELLA STESSA struttura sociale (lezione di Manzoni!!!, e - dopo - anche di Marx). (...)

In risposta a:

> "PRO JUDEIS" E "BLACK LIST"!!! ---- Sono anch’io nella lunga lista di professori universitari ebrei italiani indicati al pubblico ludibrio perché, tra l’altro, farebbero spionaggio a favore di Israele per il solo fatto di insegnare anche in quel Paese. Non sono ebrea e non insegno in Israele, Paese che purtroppo non ho ancora mai visitato. Sono anche molto critica della politica di Israele nei confronti della Palestina, così come lo sono molti ebrei italiani, e anche molti israeliani, intellettuali e non (di Chiara Saraceno).

sabato 9 febbraio 2008

Io, prof "ebrea di elezione"

di CHIARA SARACENO (La Stampa, 9/2/2008)

Sono anch’io nella lunga lista di professori universitari ebrei italiani indicati al pubblico ludibrio perché, tra l’altro, farebbero spionaggio a favore di Israele per il solo fatto di insegnare anche in quel Paese. Non sono ebrea e non insegno in Israele, Paese che purtroppo non ho ancora mai visitato. Sono anche molto critica della politica di Israele nei confronti della Palestina, così come lo sono molti ebrei italiani, e anche molti israeliani, intellettuali e non.

Sono in quella lista perché ho a suo tempo firmato un appello contro il boicottaggio che un’associazione accademica inglese aveva proclamato nei confronti degli intellettuali e professori israeliani per protestare contro la guerra nel Libano. Non mi sto chiamando fuori, naturalmente. Anzi, l’attribuzione di ebraismo come accusa infamante non può che indurmi a dichiararmi «ebrea di elezione». Mi incuriosisce la motivazione della lista di proscrizione. L’argomentazione per cui i «professori ebrei» dovrebbero essere considerati come nemici pericolosi dell’Italia, perché talvolta insegnano in Israele trasferendo colà preziose competenze scientifiche, mi sembra infatti una barzelletta.

Non solo perché molti dei firmatari sono storici, letterati, sociologi, politologi - ovvero persone che è arduo considerare detentrici di importanti segreti tecnologici. La collaborazione a livello internazionale è dimensione spesso indispensabile del lavoro scientifico, così come lo è, sul piano formativo, la circolazione di studenti e docenti. Da sempre i Paesi più avveduti l’hanno incoraggiata e l’Unione Europea ha programmi specifici in questo senso, all’interno dell’Unione ma anche con altri Paesi che non ne fanno parte. L’obiettivo è proprio la circolazione delle idee e delle competenze, la creazione di standard comuni e di uno spazio internazionale comune della ricerca. Sarà incoraggiamento allo spionaggio? O solo nel caso sia coinvolto Israele?

Purtroppo, tuttavia, non possiamo ridere. Perché l’incitamento all’odio tramite la manipolazione della realtà e l’attribuzione di etichette è lo sport preferito degli agitatori di professione, che in Italia si esercitano sui temi più svariati e in ambiti più prestigiosi di un blog. Per questo occorre continuare a mantenere aperti spazi di confronto e scambio che si sottraggano agli interdetti e alle scomuniche.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: