Inviare un messaggio

In risposta a:
Pianeta Terra. Agricoltura .... e Immaginazione bellica!!!

GUERRA E ANCORA GUERRA. ITALIA: DISTRUTTE LE API, PRODUCIAMO IL BOMBO!!! LA CAPACITA’ DI IMPOLLINAZIONE DELLE API. E il delirio di ... impallinazione e di distruzione degli esseri umani!!!

mercoledì 20 febbraio 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] Per produrre quantità sufficienti di insetti impollinatori alternativi alle api ci sono due strade. Si possono importare dall’Olanda, che è uno dei paesi più attrezzati in questo genere di produzione. Oppure si può creare in Italia una rete di laboratori come il Biolab di Cesena, uno dei più efficienti e avanzati su scala europea. "La crisi è strutturale: faremmo bene ad attrezzarci facendo nascere delle fabbriche di insetti utili anche in Italia", propone Ansanelli [...] (...)

In risposta a:

> GUERRA E ANCORA GUERRA. ITALIA: DISTRUTTE LE API ..... E’ allarme in Italia per una nuova strage di api, dopo le morie registrate nel 2007 che hanno dimezzato le popolazioni di questi insetti (Ansa).

martedì 8 aprile 2008

Ansa» 2008-04-08 17:40

STRAGE API, IL 18 APRILE POSSIBILE MORATORIA INSETTICIDI

E’ fissato al 18 aprile un nuovo incontro dei rappresentanti delle associazioni apistiche e di Legambiente con un dirigente del ministero delle Politiche agricole e le Regioni per definire una possibile moratoria dell’uso delle sostanze killer impiegate nella semina dagli agricoltori e che secondo gli addetti ai lavori hanno causato la recente moria negli alveari. "Giuseppe Ambrosio, dirigente del ministero delle Politiche agricole - ha spiegato Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente, che ha partecipato alla riunione con i manifestanti - ha preso una settimana di tempo per verificare la praticabilità per la sospensione delle molecole killer, per acquisire i dati degli apicoltori e le sentenze del Consiglio di Stato francese", che a suo tempo hanno già definito in Francia la sospensione dell’autorizzazione d’uso di neurotossici e neonicotinoidi su tutte le colture di interesse apistico.

Le Regioni interessate dall’emergenza sono innanzi tutto Piemonte e Lombardia, mentre già alcuni segnasli della moria di api sono presenti in Veneto, Emilia Romagna e Toscana.

OLTRE 40MILA ALVEARI SPOPOLATI

E’ allarme in Italia per una nuova strage di api, dopo le morie registrate nel 2007 che hanno dimezzato le popolazioni di questi insetti. Ecco il quadro fornito da Legambiente e Unione nazionale associazioni apicoltori italiani, che oggi hanno manifestato di fronte al ministero delle Politiche agricole a Roma:

-  LE CIFRE: per ora la stima è di oltre 40 mila alveari spopolati in contemporanea con le semine di mais nel nord-ovest. Le Regioni prevalentemente colpite sono Piemonte e Lombardia mentre segnali di morie di api si registrano in Veneto, Emilia Romagna, Toscana e in generale nelle Regioni del centro-nord;

-  LE SOSTANZE INCRIMINATE: sotto accusa sono neurotossici e neonicotinoidi di seconda generazione, prodotti dai colossi della chimica. Sparsi nell’ambiente durante la semina, questi nuovi insetticidi contaminano la rugiada e la fioritura circostante. Secondo gli apicoltori anche in dosi infinitesimali queste molecole neurotossiche uccidono gli insetti con cui entrano in contatto, fino a chilometri di distanza dai campi di semina;

-  IL PRECEDENTE FRANCESE: in Francia l’autorizzazione d’uso di queste sostanze, è stata sospesa su tutte le colture di interesse apistico. Il ministero delle Politiche agricole, in vista della prossima riunione con Regioni, apicoltori e Legambiente, acquisirà come informazione anche le sentenze del Consiglio di Stato francese in materia;- USO: l’Italia all’interno della Ue utilizza il 33% degli insetticidi impiegati, contro un 10% di terra coltivata all’ interno della Ue.

COLDIRETTI, FARE CHIAREZZA SU CAUSE STRAGE

Oltre un terzo delle coltivazioni è impollinato attraverso il lavoro di insetti, e le api concorrono per l’80%. E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che occorre fare al più presto chiarezza sulle cause che stanno provocando una vera strage delle api, con una riduzione dal 30 al 50% del patrimonio apistico nazionale, mettendo a rischio, oltre al miele, l’equilibrio naturale globale con effetti sulla salute e l’alimentazione. Mele, pere, mandorle, agrumi, pesche, kiwi, castagne, albicocche, susine, meloni, angurie, pomodori, zucchine, soia, girasole e colza - spiega la Coldiretti - dipendono completamente o in parte dalle api per la produzione dei frutti. Così pure la grande maggioranza delle colture orticole da seme, come l’aglio, la carota, i cavoli e la cipolla si possono riprodurre grazie alle api. Nel 2007 - precisa la Coldiretti - la perdita in Italia di 200mila alveari ha provocato un danno economico per la mancata impollinazione pari a 250 milioni di Euro. Secondo stime, la produzione totale di miele in Italia nel 2007 è stata - conclude la Coldiretti - attorno alle 10mila tonnellate grazie a circa un milione di alveari, gestiti dai 7.500 apicoltori "professionisti" e moltissimi hobbisti, che hanno totalizzato un fatturato stimato in circa 25 milioni di euro.

PROTESTA LEGAMBIENTE E UNAAPI

"Basta veleni nei terreni": questo lo slogan a suon di tamburi di circa 200 apicoltori e di rappresentanti di Legambiente riuniti in una protesta oggi a Roma di fronte al Ministero delle Politiche agricole. L’allarme lanciato dalla manifestazione riguarda la recente strage di api che per ora è stimata in oltre 40 mila alveari spopolati in contemporanea con le semine del mais nel nord-ovest. Un fenomeno che secondo gli addetti al settore è legato all’uso di insetticidi, neonicotinoidi, usati per la concia dei semi che hanno effetti drammatici sugli insetti impollinatori. Una delegazione di otto apicoltori, guidata da Francesco Panella, presidente di Unaapi, Unione nazionale associazioni apicoltori italiani, è entrata dell’edificio di via XX Settembre per essere ricevuta da Giuseppe Ambrosio, capo Dipartimento per le Politiche di sviluppo economico e rurale del Ministero delle Politiche agricole.

Legambiente e Unaapi sottolineano la necessità di un monitoraggio sistematico dello stato degli allevamenti di api con il pieno coinvolgimento dell’associazionismo apistico. Tre le richieste al governo: dare ascolto all’allarme lanciato dagli apicoltori italiani e prendere atto della moria delle api e di tutti gli insetti utili; sospendere d’urgenza l’autorizzazione d’uso delle sostanze neonicotinoidi e/o ad azione neurotossica sistemica; aggiornare, sia in Italia, sia nella Ue, anche in campo agricolo le procedure per una vera ed efficace valutazione di impatto ambientale delle sostanze chimiche immesse nell’ambiente.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: