Poster un message

En réponse à :
In principio era il Logos. Al di là del relativismo e dell’ assolutismo ...

NATURA, CULTURA E FAMIGLIA. FRANCESCO REMOTTI SCRIVE "UNA LETTERA AL PAPA" E RILANCIA UN DIBATTITO TRA "CIECHI". Un intervento di Lucetta Scaraffia e un’intervista a Vittorio Possenti. E una nota di Federico La Sala

La Gerarchia Vaticana e l’ordine simbolico di "MAMMASANTISSIMA" : il Figlio ha preso il posto del padre "Giuseppe" e del "Padre Nostro" ... e continua a "girare" il suo "film" preferito, "IL PADRINO".
samedi 23 février 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] Avrei voluto con mio honore poter lasciar questo capitolo, accioche non diventassero le Donne più superbe di quel, che sono, sapendo, che elleno hanno anchora i testicoli, come gli uomini ; e che non solo sopportano il travaglio di nutrire la creatura dentro suoi corpi, come si mantiene qual si voglia altro seme nella terra, ma che anche vi pongono la sua parte, e non manco fertile, che quella degli uomini, poi che non mancano loro le membra, nelle quali si fa ; pure sforzato (...)

En réponse à :

> NATURA, CULTURA E FAMIGLIA. ---- "Contro natura" : dopo Darwin non ha senso ... Il tema è ritornato di stringente attualità : si parli dei DICO o del Disegno Intelligente, delle relazioni omosessuali o dell’ingegneria genetica, non si fa altro che evocare il concetto di « natura » o della sua immagine speculare di « contro natura » (di pietro Greco).

dimanche 15 juin 2008

"Contro natura" : dopo Darwin non ha senso

di Pietro Greco *

Il tema è ritornato di stringente attualità : si parli dei DICO o del Disegno Intelligente, delle relazioni omosessuali o dell’ingegneria genetica, non si fa altro che evocare il concetto di « natura » o della sua immagine speculare di « contro natura ». Talvolta lei, la natura, ci è dipinta così potente (e coerente) da poter dettare le norme etiche del comportamento umano : per cui la vita in famiglia sarebbe « secondo natura » e la convivenza tra persone dello stesso sesso « contro natura ». Talaltra ci viene dipinta così debole da essere incapace di generare l’uomo e/o così degenere da essere indegna di contenere l’uomo (di dare senso alla sua vita).

Cos’è, dunque, la natura ? E quale ruolo l’uomo deve assegnare a se stesso nella natura ? A queste domande risponde, in maniera molto pertinente, il nuovo libro che il filosofo Orlando Franceschelli ha fatto uscire per i tipi della Donzelli editore : « La natura dopo Darwin » (pagg. 200 ; euro 16,90). E già dal titolo Franceschelli ci dice che, dopo Charles Darwin, non è più possibile evocare a sproposito il concetto di natura.

Prima era possibile riconoscere una cesura netta e definitiva tra l’uomo e la natura, ed era possibile persino collocare « l’uomo fuori dalla natura », come fa gran parte del pensiero cristiano o come fanno, almeno in parte René Descartes (nella parte mentale) e Immanuel Kant (nella parte noumenica).

Prima era possibile considerare naturale l’ambiente che raccoglie le cose non prodotte dall’uomo e artificiale l’ambiente che accoglie le cose prodotte dall’uomo. Prima era possibile a qualcuno considerare l’uomo un sovrano ineffabile della natura contaminante e a qualche altro considerare l’uomo come il baco che corrompe la natura altrimenti incontaminata. Prima era dunque possibile immaginare sia un’« etica fuori dalla natura », capace di riscattare l’uomo dalla condizione di bestialità, sia al contrario immaginare un’« etica naturale » capace di indicare e sancire i comportamenti « contro natura ».

Tutto questo, dopo Darwin e la pubblicazione nel 1859 dell’« Origine delle specie », semplicemente non è più possibile. Perché Darwin colloca definitivamente l’uomo « dentro la natura ». Abbattendo in maniera definitiva sia il mito dell’« uomo sovrano della natura », sia il mito analogo e opposto dell’uomo « corruttore della natura ». Di più : Darwin restituisce all’uomo la consapevolezza piena di essere prodotto e, insieme, attore di un processo di evoluzione della natura, parola che diventa semplicemente sinonimo di universo fisico. Quindi di totalità. La natura non è altro che il cosmo in cui l’uomo vive e di cui l’uomo è parte. Parte evolutiva. Parte che evolve.

Facendo questo, si dice che Darwin abbia detronizzato, contemporaneamente, l’uomo e Dio. Sottraendo al primo la condizione di « centro del mondo » e al secondo la condizione di « necessità per il mondo ». In ogni caso, dopo Darwin abbiamo la consapevolezza che l’uomo agisce sempre « secondo natura », perché in tutte le sue dimensioni l’uomo è natura. E che, quindi, non esistono comportamenti « contro natura ».

In natura non esiste un’etica. Non esiste un comportamento buono in assoluto che si distingue da uno cattivo in assoluto. Ma se non esiste un’« etica naturale », vengono per questo meno le basi della morale ? Viene per questo meno la possibilità di distinguere ciò che è bene da ciò che è male ? Niente affatto. Anzi, al contrario la responsabilità umana ne viene esaltata. Nella prospettiva naturalistica - l’unica, ormai, possibile dopo Darwin - l’uomo diventa pienamente e totalmente responsabile delle sue azioni.

Il motivo è molto semplice. L’etica umana è un prodotto della cultura dell’uomo. Un prodotto, peraltro, evolutivo : cambia nel tempo e con le condizioni a contorno. Tuttavia sono state la selezione naturale e, più in generale, l’evoluzione biologica che hanno prodotto nell’uomo (e, forse, non solo nell’uomo) una capacità di formulare giudizi etici, di generare norme morali.

Se non esiste, dunque, un’« etica naturale », esiste però una naturale capacità dell’uomo di formulare un’etica (di formulare diverse griglie etiche). Per questo, lungi dal proporci un « mondo senza morale », la visione darwiniana ci propone un « naturalismo impegnativo » : l’uomo, con la sua biologia e la sua cultura, è capace di distinguere ciò che è bene e ciò che è male. E con questa sua capacità (essa sì naturale) può elaborare quei principi - che, in maniera molto profonda, Orlando Franceschelli chiama di « saggezza solidale » - su cui fondare le migliori relazioni con i suoi simili e con il resto della natura.

* l’Unità, Pubblicato il : 02.04.07, Modificato il : 03.05.07 alle ore 12.50


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :