Poster un message

En réponse à :
Politica

Assistenzialismo e false promesse della politica a San Giovanni in Fiore : brevi fantasticherie per (non) intendere la situazione culturale, economica e politica di un comune meridionale qualunque

mardi 8 novembre 2005 par Emiliano Morrone
Giovenale non avrebbe scritto satire, probabilmente, sulla situazione di San Giovanni in Fiore, capitale, forse europea, dei paradossi e degli inganni. Come esempio, bastino le dieci macellerie, censimento di Gian Antonio Stella, contro i venti autosaloni della città e i seimila disoccupati ufficiali rispetto ai tre cellulari a persona di cui, quasi, si dispone. In questo luogo, uomini di partito hanno convinto e abituato subdolamente la gente a credere che ci si possa accomodare con (...)

En réponse à :

> Assistenzialismo e false promesse della politica a San Giovanni in Fiore : brevi fantasticherie per (non) intendere la situazione culturale, economica e politica di un comune meridionale qualunque

samedi 12 novembre 2005

Sottoscrivo in toto il contenuto dell’articolo.

Una classe dirigente politica capace di ingenerare (e porre in essere atti o fatti a che ciò venga preso per vero : manovra autodistruttiva da evitarsi nella maniera più assoluta, prassi che può porre in essere solo un dilettante della politica... fa parte dell’ A B C del buon amministratore evitare che ciò avvenga.) in una fascia debole di popolazione false (e pericolose !) aspettative di assistenza che non avranno mai luogo, può provocare nel medio/lungo termine una cancrena sociale che può sfuggire di mano e la quale, onde evitare proteste sfocianti nella violenza, ha come unico rimedio il perpetrarsi di ulteriori nuove promesse che ingenerano a loro vota aspettative che saranno disattese... si entra cosi in un circolo vizioso che, come poc’anzi facevo presente, alimenta il fuoco della protesta e conseguentemente della disperazione di quelle fasce deboli che si vedranno costrette all’uso della violenza. E’ il cane che si morde la coda. Risultato : la cancrena avrà un processo di metastasi che riguarderà tutto il sistema e non solo, si badi, la parte inerente la piaga della disoccupazione.

Sconsiglierei vivamente la classe politica a intraprendere a priori certe linee di (pseudo) risanamento che tanto sbandiera (solo con l’intento, a ben vedere, di fare breccia nelle coscienze dei disperati e non).

Il problema è (anche) culturale, come molto acutamente si fa riferimento nell’articolo di cui sopra. Ecco perchè spero in (e mi auguro una) presa di coscienza collettiva che possa servire, mi si passi l’ennesima metafora, ad estirpare la parte di classe politica incancrenita da una patologia tra le più invalidanti e pericolose : L’incompetenza interessata (quanti interessi e scelte politiche ad personam !) mascherata, farisaicamente, da scelte/soluzioni politiche che sfociano nell’assurdo.

Cordiali Saluti


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :