Poster un message

En réponse à :
EUROPA. Italia....

CICLISMO. GIRO D’ITALIA 2008. DA PALERMO IL VIA. Un Giro in cerca di immagine e credibilità dopo gli anni degli scandali. Una nota di Eugenio Capodacqua - a cura di pfls

C’é già un positivo al doping nel gruppo dei corridori iscritti al Giro : è Max Richeze
vendredi 9 mai 2008 par Maria Paola Falchinelli
Domani il via al Giro 2008. I due grandi favoriti sfidano anche i sospetti
Loro però guardano avanti. L’abruzzese : "Avversari fortissimi : gara vera"
Ecco Di Luca e Contador
i duellanti contro le ombre
di EUGENIO CAPODACQUA*
PALERMO - A vederla così, sul palcoscenico allestito fra le palme di piazza Politeama davanti ad un pubblico numeroso, ma non caldissimo, la sfida sembra di quelle accattivanti. E, se ci si ferma all’aspetto agonistico lo è senz’altro. Scalatori contro : il massimo per (...)

En réponse à :

> CICLISMO. GIRO D’ITALIA 2008. DA PALERMO IL VIA. --- Giro ? No, tour de force e il gruppo si spacca (di Giorgio Viberti).

mercredi 14 mai 2008

DOPO LE CADUTE, PROTESTE PER I TRASFERIMENTI

-  Giro ? No, tour de force
-  e il gruppo si spacca

Pellizzotti : « Così non va », Bettini : « Io non sciopero »

di GIORGIO VIBERTI, INVIATO A CATANZARO LIDO (Corriere della Sera, 14/5/2008)

Mark Cavendish, 22enne inglese dell’Isola di Man, iridato quest’anno su pista, ha bruciato il tedesco Forster e Bennati nella volatona della 4ª tappa conclusasi con un’altra maxicaduta a 300 metri dal traguardo di Catanzaro Lido (sospetta frattura di una clavicola per il belga Nuyens). Questa volta però nessuno ha parlato di pericolosità del percorso. Eppure le polemiche al Giro sono continuate per il trasferimento che lunedì aveva portato i corridori dalla Sicilia alla Calabria fino a Pizzo, sede di partenza della tappa di ieri.

Franco Pellizotti, sempre leader della classifica, ha sintetizzato il problema : « Così non va. Lunedì mattina avevamo fatto 130 km in pullman per raggiungere Catania, poi ci siamo sciroppati 220 km in bici e alla fine della tappa alcuni di noi non hanno nemmeno fatto la doccia per raggiungere in tempo l’imbarco. Ci avevano detto che la traversata in aliscafo fino a Vibo Valentia sarebbe durata un’ora e mezza, invece abbiamo raggiunto l’hotel alle 22,45 e siamo andati a dormire a mezzanotte e mezza, senza neanche poter fare i massaggi. Siamo stati trattati male e dovremmo farci sentire di più, dare un segnale perché i corridori ormai sono l’ultima ruota del carro e non contano più nulla ». Simili sono stati i commenti di Savoldelli, Rebellin, Contador, Noé, Bruseghin, Bennati e Gasparotto, appena più morbida la posizione di Di Luca.

Dalla protesta si sono invece dissociati Simoni (« L’importante è che i disagi siano uguali per tutti ») e Bettini (« Alzare la voce adesso non serve, dovevamo farlo a dicembre quando presentarono il Giro. Nel ciclismo ci sono motivi ben più seri per fare uno sciopero »). Addirittura fuori dal coro il belga Rik Verbrugghe, che ieri subito dopo il via è andato in fuga (restandoci per 164 km) trasgredendo il tacito accordo del gruppo di non forzare l’andatura per cercare di recuperare energie.

« Il trasferimento da e per la Sicilia è un problema del nostro Paese, non del ciclismo - ha invece sottolineato Angelo Zomegnan, patron del Giro -. Non è colpa mia se lunedì sera c’era mare mosso e i traghetti sono stati più lenti. Il percorso era stato discusso anche con Amedeo Colombo, rappresentante dei corridori, e allora nessuno aveva detto nulla. Per noi i ciclisti sono il bene più prezioso, da tutelare a tutti i costi. Le critiche servono, ma non se diventano solo uno strumento per fomentare inutili polemiche ». Intanto però ieri sera i corridori hanno viaggiato per altri 140 km verso Belvedere, ennesimo faticoso trasferimento.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :