Inviare un messaggio

In risposta a:
Filosofia, Antropologia, e Letteratura....

A CLAUDE L╔VI-STRAUSS (CENTO ANNI IL 28 NOVEMBRE 2008). E AL SUO LAVORO "TRISTI TROPICI" - UN’OPERA UNICA, ASSOLUTA. Una nota di Antonio Gnoli - a cura di pfls

Sotto quel caos di emozioni e di avventure, regna un ordine nascosto, un sapere che fa appello alle semplici regole dello strutturalismo.
venerdì 23 maggio 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] LÚvi-Strauss trascorse diversi anni nelle foreste del Mato Grosso. Vi giunse nel 1935 e ripartý nel 1939. Su quell’esperienza lasci˛ per anni calare il silenzio. Non una parola che ricordasse le difficoltÓ, i rischi, i timori, che gli incontri con civiltÓ indigene, remote e incontaminate gli avevano procurato. Poi, quindici anni pi¨ tardi, decise di raccontare quello che aveva visto e vissuto. E ne venne fuori Tristi Tropici, un’opera unica. Assoluta, come possono esserlo quei libri (...)

In risposta a:

> A CLAUDE L╔VI-STRAUSS --- "Nous sommes tous des cannibales". Dalla fecondazione ai matrimoni gay, una raccolta di saggi del grande antropologo (di Marino Niola).

martedì 9 aprile 2013

Siamo tutti cannibali. Parola di LÚvi-Strauss

Dalla fecondazione ai matrimoni gay, una raccolta di saggi del grande antropologo

di Marino Niola (la Repubblica, 09.04.2013)

      • IL LIBRO: Nous sommes tous des cannibales di Claude LÚvi-Strauss (Seuil)

Mettete il pi¨ grande antropologo di tutti i tempi a ragionare sul presente senza tab¨ e senza pregiudizi. Con la luciditÓ spiazzante di un Montaigne e il fervore dissacrante di un Rousseau. E viene fuori che siamo tutti cannibali.

╚ questo il titolo provocatorio dell’ultimo libro di Claude LÚvi-Strauss. Uscito in questi giorni in Francia per i tipi di Seuil (Nous sommes tous des cannibales, Seuil, pagg. 273, euro 21). Sedici saggi che il padre dello strutturalismo ha dedicato alla societÓ contemporanea. I testi sono inediti per la Francia, ma noti ai lettori di Repubblica. Che hanno avuto il privilegio di leggerli in anteprima tra il 1989 e il 2000, dominato dall’incubo della mucca pazza.

Il profeta dell’antropologia, scomparso nel 2009 all’etÓ di 101 anni, non amava scrivere per i giornali. Ma si lasci˛ tentare dalle domande di questo giornale che lo sollecit˛ a pensare sui temi cruciali del nostro tempo.

Il risultato Ŕ una summa antropologica dell’Occidente contemporaneo. Dalle questioni etiche e razziali sollevate dall’infibulazione ai problemi del multiculturalismo. Dal relativismo culturale, di cui LÚvi-Strauss indica lucidamente pregi e difetti, alle pratiche della fecondazione assistita. Fino al funerale di Lady Diana, in cui il maestro indiscusso degli studi sulla parentela legge l’irrituale esternazione del fratello della principessa infelice. Che nella sua commemorazione rivendicava il diritto di proteggere i nipoti dal padre e dalla famiglia reale. Nella polemica esternazione del conte Spencer sarebbe riaffiorato, infatti, l’antico ruolo tutoriale dello zio materno che la nostra cultura sembrava aver dimenticato.

In ogni caso su qualsiasi oggetto si poggi, lo sguardo di LÚvi-Strauss Ŕ implacabile e corrosivo. E perfino sovversivo quando affronta senza ideologia, ma con rigore entomologico, questioni come le nuove frontiere aperte dall’ingegneria genetica. Che applicate alla fecondazione eteroclita spostano la soglia tra natura e cultura, ponendo problemi sociali e morali che hanno un’eco nella coscienza collettiva e nell’economia politica dei sentimenti.

Nella Francia di questi giorni divisa dalla nuova legge sul matrimonio per tutti, che estende di fatto i diritti sull’adozione e sulla procreazione anche alle coppie omosessuali, le pagine di LÚvi-Strauss assumono un valore anticipatore. Anche perchÚ egli guarda la nostra societÓ da lontano, mostrando come altre culture hanno sempre immaginato la genitorialitÓ biologica come qualcosa di assolutamente distinto dalla paternitÓ e maternitÓ. Che invece sono ruoli sociali in continua ridefinizione. E che non hanno necessariamente a che fare con la consanguineitÓ.

Ricorrendo a numerosi esempi etnologici, l’autore di Tristi Tropici smentisce l’idea che esista una forma di famiglia naturale. Tra i popoli nilotici dell’Africa e quelli della Nigeria per esempio, se una donna Ŕ sterile viene considerata socialmente un maschio. Per cui pu˛ sposare un’altra donna e diventare “padre” dei figli che la sua metÓ genera con un donatore di seme.

Insomma se da noi il giudice, il legislatore, il moralista sono spaesati dall’idea di una virtualitÓ genitoriale infinita, l’antropologo non lo Ŕ per niente. Anzi, afferma con decisione LÚvi-Strauss, Ŕ il solo ad avere gli strumenti per capirci veramente qualcosa. PerchÚ le culture studiate dagli etnologi hanno affrontato in anticipo queste questioni. E pur senza la fecondazione assistita hanno da sempre immaginato degli equivalenti metaforici. Come dire che gli uomini hanno giÓ sperimentato tanti modi diversi di essere genitori. In questo senso gli altri hanno qualcosa da insegnarci.

Anche sul cannibalismo, antico fantasma dell’Occidente, l’argomentazione levistraussiana dÓ le vertigini. PerchÚ porta alle estreme conseguenze il celebre saggio sui cannibali di Montaigne dimostrando che la questione tocca molto da vicino anche noi. Se antropofagia Ŕ mettersi l’altro in corpo, allora c’Ŕ una sorta di cannibalismo terapeutico anche nei trapianti di organi. O in certe terapie a base di ormoni estratti dalle ipofisi. O innesti di membrane provenienti da cervelli umani. Quelle che furono all’origine dell’epidemia di Creutzfeldt-Jacob. E che secondo il Nobel per la medicina Carleton Gajdusek scatenarono un morbo dagli stessi sintomi tra i cannibali della Nuova Guinea, abituati non a caso a mangiare i cervelli dei nemici.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: