Inviare un messaggio

In risposta a:
Filosofia, Antropologia, e Letteratura....

A CLAUDE L╔VI-STRAUSS (CENTO ANNI IL 28 NOVEMBRE 2008). E AL SUO LAVORO "TRISTI TROPICI" - UN’OPERA UNICA, ASSOLUTA. Una nota di Antonio Gnoli - a cura di pfls

Sotto quel caos di emozioni e di avventure, regna un ordine nascosto, un sapere che fa appello alle semplici regole dello strutturalismo.
venerdì 23 maggio 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] LÚvi-Strauss trascorse diversi anni nelle foreste del Mato Grosso. Vi giunse nel 1935 e ripartý nel 1939. Su quell’esperienza lasci˛ per anni calare il silenzio. Non una parola che ricordasse le difficoltÓ, i rischi, i timori, che gli incontri con civiltÓ indigene, remote e incontaminate gli avevano procurato. Poi, quindici anni pi¨ tardi, decise di raccontare quello che aveva visto e vissuto. E ne venne fuori Tristi Tropici, un’opera unica. Assoluta, come possono esserlo quei libri (...)

In risposta a:

> A CLAUDE L╔VI-STRAUSS (CENTO ANNI IL 28 NOVEMBRE 2008). E AL SUO LAVORO --- "La via delle maschere" di LÚvi-Strauss (di Marco Belpoliti)

domenica 17 aprile 2016

Nera e rossa, occhi socchiusi: la maschera di LÚvi-Strauss

di Marco Belpoliti (La Stampa, TuttoLibri, 17.04.2016)

La via delle maschere, Ŕ senza dubbio bella: nera e rossa, occhi socchiusi e bocca a forma di piccola O. Tuttavia non c’entra nulla con il contenuto del volume. Il testo, pubblicato nel 1979, esplora i manufatti rituali di un territorio dell’America nord-occidentale, la Columbia Britannica. Dedicato all’analisi delle maschere di quegli indiani, Ŕ un piccolo capolavoro d’indagine estetica, oltre che mitologica; nasce dalla grande passione dell’etnologo francese per gli oggetti tribali e insieme dalla frequentazione di Breton e dei surrealisti fuggiti a New York durante la Seconda guerra mondiale.

Il grafico della casa editrice milanese ha posto su questa copertina una maschera di una popolazione africana, Luba, preferendola a quelle che sono presenti all’interno del volume, come invece aveva fatto nel 1985 Einaudi, quando il libro era stato tradotto per la prima volta in italiano. Traduttore d’eccellenza: Primo Levi; aiutato dalla sorella Anna Maria, s’era sobbarcato la fatica di questo lavoro (due sono i libri di LÚvi-Strauss tradotti da Levi per Einaudi).

L’antropologo l’aveva ringraziato per questa ottima impresa, quasi sgridandolo in una lettera per aver dedicato tanto tempo a tradurre i suoi libri, invece di scriverne di propri nuovi. LÚvi-Strauss aveva letto in ritardo Se questo Ŕ un uomo e La tregua, e anche La chiave a stella, in cui aveva riconosciuto una forma d’antropologia del lavoro.

L’autore de La via delle maschere s’interroga su come le maschere degli indiani della Colombia Britannica siano connesse ai loro miti, come funzionano in rapporto alle storie e leggende che le riguardano; il loro significato, la loro funzione, e lo stesso stile, traggono origine da una dialettica tra maschera e maschera: sistema di rinvii e riferimenti strutturali.

Le storie che l’antropologo racconta sono affascinanti: esseri mostruosi, bambini magici, rapporti incestuosi, fughe solitarie, morti e rinascite. Ma soprattutto sono straordinari gli oggetti rituali che l’hanno attratto. Negli anni Settanta LÚvi-Strauss fece due viaggi appositi in quei luoghi per conoscere le trib¨ e i riti.

La traduzione ha una fluiditÓ notevole, e non deve essere stato facile rendere nomi e dettagli etnografici di quei popoli. Resta una domanda: perchÚ il grafico ha combinato questo scambio cosý poco rituale e cosý poco mitico? La via delle smaschere.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: