Inviare un messaggio

In risposta a:
Zoom

Campi elettromagnetici a San Giovanni in Fiore: il Comune, che non ha risposto al consigliere Militerno, rende nota una misurazione del Consorzio Elettra 2000, nato con fondi Tim, Omnitel e Wind

domenica 1 giugno 2008 di Emiliano Morrone
"Il sospetto Ŕ l’anticamera della veritÓ" Ŕ la famosa frase di Leoluca Orlando, giÓ sindaco di Palermo.
Noi sospettavamo fortemente che in municipio, a San Giovanni in Fiore, si stessero muovendo, sensibili all’inquinamento elettromagnetico, per stimare e rendere pubblici i valori dei campi prodotti dalle antenne di telefonia mobile e televisione immobile.
E, stamani, leggendo Ebeteinfiore, apprendiamo che il Comune ha provveduto a una misurazione gratuita dei campi elettromagnetici, (...)

In risposta a:

> Campi elettromagnetici a San Giovanni in Fiore: il Comune, che non ha risposto al consigliere Militerno, rende nota una misurazione del Consorzio Elettra 2000 --- LOCALE-GLOBALE: SAN GIOVANNI IN FIORE ---- VATICANO.

giovedì 29 maggio 2008

PER DOCUMENTARSI E RIFLETTERE:

A - SAN GIOVANNI IN FIORE. La piscina della pisciazza e del pisciatune, del pisciaturu e del pisciu. Domenico Barberio, vicedirettore della Voce, va gi¨ dritto in fatto di opere pubbliche

B -

-  Annullata con rinvio dalla Cassazione la sentenza della Corte d’appello di Roma
-  Due dirigenti dell’emittente della Santa Sede dovranno tornare alla sbarra
-  Elettrosmog, processo da rifare
-  niente assoluzione a Radio Vaticana
*

ROMA - La terza sezione penale della Cassazione ha annullato con rinvio le assoluzioni pronunciate nel giugno 2007 dalla Corte d’appello di Roma nei confronti di padre Pasquale Borgomeo e il cardinale Roberto Tucci, all’epoca dei fatti direttore generale e presidente del comitato di gestione di Radio Vaticana.

I due imputati, accusati di ’getto pericoloso di cose’ in relazione all’emissione nociva di onde elettromagnetiche provenienti dagli impianti dell’emittente radiofonica a Santa Maria di Galeria, subiranno dunque un nuovo processo.

La Cassazione non ha dunque condiviso le motivazioni dei giudici di secondo grado che avevano assolto i due religiosi ritenendo che l’emissione di onde elettromagnetiche non potesse rientrare nel reato di ’getto pericoloso di cose’, previsto dall’articolo 674 del Codice Penale. Anche il sostituto procuratore generale della Cassazione Alfredo Montagna, durante la sua requisitoria, oggi aveva sollecitato l’annullamento delle assoluzioni e dunque l’accoglimento dei ricorsi presentati dalla Procura Generale di Roma e dalle parti civili.

Per il cardinale Tucci, il Pg aveva per˛ sollecitato l’annullamento senza rinvio della sentenza d’appello per intervenuta prescrizione del reato. I giudici della Terza Sezione Penale, invece, hanno rilevato che il reato, anche per quanto riguarda Tucci, non Ŕ ancora prescritto.

Nella Capitale, infine, resta aperta un’altra inchiesta sugli impianti di Radio Vaticana, riguardante le morti per leucemia riscontrate nelle zone di Cesano e La Storta, la cui causa, secondo chi indaga, Ŕ da attribuire alle onde elettromagnetiche provenienti dagli impianti dell’emittente della Santa Sede e da un sito della Marina Militare.

In questo filone di indagine, Tucci e Borgomeo risultano iscritti sul registro degli indagati assieme a Costantino Pacifici, vicedirettore tecnico di Radio Vaticana, Gino Bizzari, Vittorio Emanuele Di Cecco ed Emilio Roberto Guarini, responsabili degli impianti della Marina.

* la Repubblica, 13 maggio 2008


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: