Inviare un messaggio

In risposta a:
Politica

Perché i giovani di San Giovanni in Fiore dovrebbero indignarsi. Riesplode il caso nazionale d’una città con un vastissimo territorio il cui dramma occupazionale conta quanto quello, dell’anima, dei luoghi più colpiti dalla mafia. Appello di Emiliano Morrone al presidente Carlo Azeglio Ciampi: "Venga a San Giovanni in Fiore, prima della fine del Suo mandato"

sabato 7 gennaio 2006 di Emiliano Morrone
Chi dice 5000, chi 9000, a proposito delle partenze dopo il periodo festivo, sta di fatto che San Giovanni in Fiore, 18 mila abitanti, s’è nuovamente svuotata, è rimasta deserta, assumendo le sembianze d’una città di terremotati, rasa al suolo. In cui si incontrano anziani spesso abbandonati all’azione del tempo e a cui provvedono solo le parrocchie oppure giovani, non tutti, con la febbre del consumo. La disoccupazione, già al 51%, aumenta senza speranze. I servizi sono gestiti, il più (...)

In risposta a:

> Perché i giovani di San Giovanni in Fiore dovrebbero indignarsi. Riesplode il caso nazionale d’una città con un vastissimo territorio il cui dramma occupazionale conta quanto quello, dell’anima, dei luoghi più colpiti dalla mafia. Appello di Emiliano Morrone al presidente Carlo Azeglio Ciampi: "Venga a San Giovanni in Fiore, prima della fine del Suo mandato"

mercoledì 11 gennaio 2006
Amico Emiliano, sull’ex Sindaco o poco da dire. E’ solo demerito suo e dei suoi collaboratori,se per la prima volta nella storia di San Giovanni in Fiore, si è apertamente parlato di mafia senza, avere smentite ufficiali o azioni giudiziare, tendenti a difendere l’assoluta legalità della gestione del Comune. Come tu ricordavi, la legge gli ha attribuito nuovi poteri,ha fatto le sue scelte, meriti e demeriti sono tutti a suo carico. Consentimi di scrivere che con Nicoletti siamo su un’altro pianeta. Ha già operato delle scelte e non a caso, riceve minaccie, che scoraggierebbero chiunque nel proseguire a guidare il paese. Riguardo all’On. Oliverio, ho da dirti che trovo positivo il suo avvicinamento alla Chiesa. Nel suo animo è e resterà sempre un "comunista italiano". Ci sono valori che il tempo non può cancellare, sono sempre attuali e ogni decisione a essi ci s’ispira. E’ un elemento ancora valido e a mio giudizio, riprenderà a lavorare per lo sviluppo del paese. Con profonda stima Silagrande

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: