Inviare un messaggio

In risposta a:
IN MEMORIA DI LORENZO VALLA, ERASMO, SPINOZA. LIBERTA’ E FILOLOGIA...

OXFORD. LUCIANO CANFORA AL CONVEGNO SUL "PAPIRO DI ARTEMIDORO". Una sintesi della sua relazione - a cura di Federico La Sala

Diceva il grande Paul Maas che un solo argomento davvero probante basta, cento deboli non servono.
venerdì 13 giugno 2008 di Maria Paola Falchinelli
L’intervento di Luciano Canfora oggi a Oxford testimonia il continuo interesse della comunità scientifica internazionale
Artemidoro, il falso nascosto nel proemio
L’introduzione, la nozione di «Lusitania», i brani di Marciano: le tracce di un testo «moderno»
Il testo pubblicato qui di seguito è una sintesi della relazione preparata dal professor Luciano Canfora per un convegno sulla vicenda del papiro di Artemidoro che si tiene oggi in Inghilterra. L’incontro, in programma presso il Saint (...)

In risposta a:

> OXFORD. LUCIANO CANFORA AL CONVEGNO SUL "PAPIRO DI ARTEMIDORO". --- Canfora e la prova finale sul falso storico del papiro di Artemidoro (di Aristide Malnati).

venerdì 31 luglio 2009

Canfora e la prova finale sul falso storico del papiro di Artemidoro

DI ARISTIDE M ALNATI (Avvenire, 31.07.2009)

Prove dirimenti e di estremo peso scientifico si aggiungono a elementi già incontrovertibili a provare con una sicurezza ormai inoppugnabile che il famoso papiro erroneamente attribuito al geografo ellenistico Artemidoro di Efeso (II sec. a. C.) è in realtà un falso clamoroso di epoca moderna. Ancora una volta Luciano Canfora, il primo a dubitare dell’autenticità dello scritto e a sostanziare l’intuizione iniziale con una fattualità cogente, ha trovato espressioni del testo curiose, estranee all’uso linguistico greco antico e dunque inammissibili in un autore classico: «Sono degli autentici anacronismi - fa rilevare Canfora -. Ad iniziare da ’Atlanteios phòrtos’, ’una fatica degna di Atlante’.

Ebbene si tratta di un modo di dire mai attestato nella letteratura antica o medievale, in nessuna lingua. Il primo a usarlo fu Galileo, come conferma l’Accademia della Crusca; e subito entrò nell’uso quotidiano inglese tanto che enciclopedie, stampa e persino la gente comune d’Oltremanica nel 1700 e nel 1800 dicevano: ’Atlantean labour’, ricalcando il grande scienziato italiano.

Costantino Simonidis, erudito greco del 1800, verosimilmente autore del falso Artemidoro, influenzato dall’anglismo l’ha travasato nel testo da lui creato». A irrobustire la certezza di una mano moderna dell’opera, Canfora ha rilevato ulteriori anacronismi: per esempio l’espressione «thalatta emetera», «il mare che ci appartiene», riferita al Mediterraneo: «È un ’modus dicendi’ in uso solo da Cesare, sulla base della sua politica di conquiste (’mare nostrum’, «De Bello Gallico» libro V, capitolo I) e da lì arrivata fino alle lingue moderne. Artemidoro, che ha scritto quasi un secolo prima di Cesare, avrebbe dovuto scrivere ’thalatta e kath hemas’, ’il mare che sta dalla nostra parte’ in senso geografico: una differenza sostanziale».

Come se non bastasse, a sostegno definitivo della tesi di Canfora è arrivata l’analisi della fotografia, presentata nell’edizione critica del papiro come «Konvolut», un corposo ammasso di papiri, che avrebbe costituito la maschera di una mummia antica e nel quale sarebbe stato conservato l’ampio frammento artemidoreo; il presunto «Konvolut» sarebbe poi stato restaurato e i singoli papiri separati e distesi nella loro interezza. Ebbene l’équipe della Polizia scientifica di Marche­Abruzzo, diretta da Silio Bozzi, ha dimostrato con prove ferree che si tratta di un fotomontaggio, in cui sono state assiemate foto dei singoli papiri: «L’incoerenza principale riguarda i caratteri grafici - dice Bozzi -: i caratteri del ’Konvolut’ non sono soggetti a deformazione prospettica. Mi sarei aspettato, essendo il ’Konvolut’ un insieme di superfici curve e variamente deformate, di non poter sovrapporre i suoi caratteri con gli stessi sul papiro disteso, come invece è accaduto. Inoltre il sistema di luci e ombre appare incoerente: un’ombra in particolare sembra artefatta; così come singolare è che, nello scontornamento del ’Konvolut’, esso spesso ci appaia lineare». Tutti questi risultati, decisivi per confermare l’ormai certa falsità del papiro di Artemidoro, saranno presentati in «Quaderni di Storia» n. 70 in uscita i primi di settembre.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: