Inviare un messaggio

In risposta a:
IN MEMORIA DI LORENZO VALLA, ERASMO, SPINOZA. LIBERTA’ E FILOLOGIA...

OXFORD. LUCIANO CANFORA AL CONVEGNO SUL "PAPIRO DI ARTEMIDORO". Una sintesi della sua relazione - a cura di Federico La Sala

Diceva il grande Paul Maas che un solo argomento davvero probante basta, cento deboli non servono.
venerdì 13 giugno 2008 di Maria Paola Falchinelli
L’intervento di Luciano Canfora oggi a Oxford testimonia il continuo interesse della comunità scientifica internazionale
Artemidoro, il falso nascosto nel proemio
L’introduzione, la nozione di «Lusitania», i brani di Marciano: le tracce di un testo «moderno»
Il testo pubblicato qui di seguito è una sintesi della relazione preparata dal professor Luciano Canfora per un convegno sulla vicenda del papiro di Artemidoro che si tiene oggi in Inghilterra. L’incontro, in programma presso il Saint (...)

In risposta a:

> "PAPIRO DI ARTEMIDORO". --- La figura rocambolesca di Simonidis nella ricostruzione di Luciano Canfora. Patrioti, spie e Artemidoro la vera vita del re dei falsari (di Silvia Ronchey)

giovedì 30 agosto 2012


-  Patrioti, spie e Artemidoro la vera vita del re dei falsari
-  La figura rocambolesca di Simonidis nella ricostruzione di Luciano Canfora

-  LE SUE VITTIME. Beffò i più autorevoli esperti europei dell’800, in Inghilterra decise di dedicarsi ai papiri
-  FERVORE PATRIOTTICO GRECO. Tra i suoi protettori l’ambasciatore a Costantinopoli del Regno di Sardegna, fedelissimo di Cavour

di Silvia Ronchey (La Stampa, 30.08.2012)

Uno dei meriti della querelle sul cosiddetto papiro di Artemidoro è aver fatto conoscere al grande pubblico un personaggio che definire romanzesco è dir poco. Né un Dumas né un Gide né un Ambler avrebbero potuto concepire la sua vita rocambolesca con la genialità, la spregiudicatezza e la fantasia con cui la inventò, e la visse, il suo protagonista. Ma, si sa, la realtà ha sempre più immaginazione della letteratura, ed è anche per questo che il primo volume delle opere greche di Costantino Simonidis, ora pubblicato dalle Edizioni di Pagina (pp. 422, € 22) con un ampio saggio introduttivo di Luciano Canfora e una profusione di documenti di tale fantasmagorica bizzarria da sembrare usciti dalla penna di un Rabelais se non di un Borges, è molto più appassionante di qualsiasi romanzo.

Se fare della propria vita un’opera d’arte è già di per sé un fine per alcuni, ciò non impedisce di creare, nel suo corso, altri capolavori. Tali furono gli abilissimi falsi di Simonidis. Il cosiddetto Artemidoro non è certo il suo migliore, essendo anzi uno scarto, o meglio due, accantonati entrambi dall’autore e solo in seguito assemblati e riproposti, a più di un secolo dalla sua scomparsa, nella speranza che la memoria di «quel greco che si circondava di molto mistero», e che appariva e scompariva negli scenari accademici più paludati dell’Ottocento, fosse dileguata dalla sempre più corta memoria dei moderni.

Ben prima degli attuali autorevoli esperti, degli ignari acquirenti e del grande pubblico anzitutto torinese affluito alla mostra di Palazzo Bricherasio nel 2006 per l’ostensione del manufatto, altri e più genuini - ci si conceda l’ossimoro - falsi avevano beffato in passato i giganti della filologia. Uno per tutti, il competentissimo Wilhelm Dindorf, che con troppa sicurezza di sé avallò le fantastiche liste di re egizi del falso manoscritto di Uranios, aiutando Simonidis a piazzarlo all’Accademia delle Scienze di Berlino, e troppo precipitosamente ne allestì l’edizione critica addirittura per i tipi oxfordiani, con dotta prefazione e note latine, prima che l’inganno fosse svelato e l’ingannatore arrestato dal più celebre cacciatore di sovversivi della polizia di Berlino. Ma dopo pochi giorni il prigioniero si rifugiò in Baviera.

Le vittime della sua inesorabile maestria si contano in tutto il mondo, ma fu proprio il mondo accademico inglese a annoverarne il maggior numero. Perché fu qui che con funambolesca manovra Simonidis decise di non fabbricare più pergamene o palinsesti, ma di lanciarsi sulla grande novità del momento: i papiri, su cui si concentravano i compulsivi appetiti degli studiosi, dopo le scoperte di quelli di Iperide. E fu qui che trovò i suoi più sagaci complici nonché il suo mecenate e protettore Joseph Mayer, assieme ai quali è immortalato nella più rivelatrice delle fotografie che lo ritraggono: in piedi, la sigaretta tra le dita, i favoriti a incorniciare i tratti regolari e i profondi, bellissimi occhi, la redingote dall’immancabile bavero di velluto, la cravatta scura bene annodata sul nitore della camicia.

La prima fase della sua carriera, quella orientale, maturata nei grandi serbatoi di manoscritti dei monasteri greci, in cui si era infiltrato, aveva prodotto invece codici, ed epitomi «bizantine». Un «castello di erudizione virtuale» creato fin da quando, lasciata l’isola di Simi (dove era nato intorno al 1820), si era mosso tra l’Athos, cui era approdato insieme con il misterioso «zio» Benediktos ( chaperon, padre spirituale, forse amante), e il Sinai, Odessa e Costantinopoli. Qui aveva frequentato anche la famosa scuola teologica di Halki, oggi purtroppo sbarrata dallo Stato turco. Ad Atene si era perfezionato nella neonata Biblioteca Nazionale, simbolo del nuovo Stato greco, arricchita fra gli anni Trenta e Quaranta dell’Ottocento da un continuo e patriottico flusso di lasciti e donativi.

Se è vero che, come scrive Canfora, «per snidare un falsario bisogna entrare nella sua testa, familiarizzarsi con il suo ambiente, coi suoi meccanismi mentali», non è da sottovalutare il sottotesto patriottico delle gesta di Simonidis, che emerge carsicamente a volte nei suoi stessi testi: si pensi alle micidiali invettive antinglesi della prefazione ai (falsi) Kephalleniaka del (falso) Euliro; o alla denuncia delle «orge» del missionario King, che cavalcando i pubblici umori antiamericani divenne un vero e proprio affare di Stato.

È proprio nella Grecia insulare, lasciata relativamente autonoma dall’impero ottomano, che era nato il risorgimento greco: nella Patmiás, l’altra grande scuola teologica del mondo ortodosso durante la turcocrazia, si era formato Emmanuil Xanthos, che sull’isola di Patmos era nato ed era stato tra i fondatori della Filikì Etería proprio a Odessa. In questo centro nodale del patriottismo greco, e panortodosso covo di spie, Simonidis aveva trovato il suo grande sponsor nel potente e ambiguo Alexander Stourtzas, consigliere e segretario generale ( mystikos) dello zar Nicola, che lo impiegherà per missioni di intelligence e favorirà il suo addottoramento all’Università di Mosca con una dissertazione sul Chersoneso Cario, area geopolitica all’epoca scottante.

La natura fortemente politica dell’«eversione filologica» di Simonidis, il fervore patriottico greco e l’odio per le grandi potenze continentali, l’afflato neobizantino, insito peraltro fin da principio nell’Eterìa, sono còlti dai suoi avversari e smascheratori, non a caso studiosi prestati alla politica, o allo spionaggio: per esempio il grande Mordtmann, in quella stessa Costantinopoli in cui l’unico protettore di Simonidis resterà Romualdo Tecco, ambasciatore del Regno di Sardegna e fedelissimo di Cavour. Non è forse un caso se l’unico giornale che in quegli anni parla bene del falsario è proprio il Risorgimento: il quotidiano fondato da Cavour.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: