Poster un message

En réponse à :
IL TERRIBILE E’ GIA’ ACCADUTO. L’ANIMA VENDUTA E LA PAROLA RUBATA. A "REGIME LEGGERO", FINO ALLA CATASTROFE ...

LODO, LODO SCHIFANI - BIS, DUE VOLTE. ED E’ LA VOLTA DEFINITIVA !!! L’ITALIA E’ SENZA PIU’ PAROLA E SENZA PIU’ CARTA D’IDENTITA’. AVANTI TUTTA : "FORZA ITALIA" !!!

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera al disegno di legge sull’immunità delle più alte cariche istituzionali.
vendredi 27 juin 2008 par Maria Paola Falchinelli
PER LA COSTITUZIONE. UN APPELLO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E AL PARLAMENTO ....
RICHIESTA DI DIMISSIONI PER IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.
Fondando il Partito "Forza Italia", il cittadino Silvio Berlusconi si è appropriato indebitamente della Parola della Repubblica : ITALIA
ANNO PRIMO DELL’ERA "FORZA ITALIA". Tutte le persone (donne e uomini, bambini e bambine) residenti in Italia che non hanno la carta d’identità del Partito saranno schedate !!! « Impronte ? Ma no, faremo solo foto (...)

En réponse à :

> LODO, LODO SCHIFANI - BIS, DUE VOLTE. ED E’ LA VOLTA DEFINITIVA !!! L’ITALIA E’ SENZA PIU’ PAROLA E SENZA PIU’ CARTA D’IDENTITA’. AVANTI TUTTA : "FORZA ITALIA" !!! --- Via libera dalla Camera al Lodo Alfano

jeudi 10 juillet 2008

La maggioranza richiesta era di 273

Via libera dalla Camera al Lodo Alfano

I sì sono stati 309, i no 236, 30 gli astenuti. La norma, che prevede l’immunità per le 4 massime cariche dello Stato, dovrebbe essere votata in Senato prima della pausa estiva. Passa un emendamento del Pd sulla ’’non reiterabilità’’. Soddisfatto il Guardasigilli : ’’Testo migliorato’’. Ma Veltroni attacca : ’’Leggi ad personam’’. D’Alema : ’’Berlusconi rinunci e affronti il giudizio a testa alta’’. Caso Mills, da Csm risoluzione a tutela dei magistrati citati dal premier

Roma, 10 lug. (Adnkronos/Ign) - Sì della Camera al ’Lodo Alfano’. Arriva il primo via libera al provvedimento che consente la sospensione dei procedimenti giudiziari a carico delle quattro alte cariche dello Stato. Scontato il sì del centrodestra, si astiene l’Udc, votano contro il Partito democratico e l’Idv. Alla fine 309 sì, 236 no, 30 astenuti. Ora il testo andrà all’esame del Senato e dovrebbe essere votato prima della pausa estiva, mentre l’Assemblea di Montecitorio da domani si prepara ad affrontare il decreto legge sicurezza e c’è attesa per conoscere il destino della cosiddetta norma ’blocca processi’, che a questo punto dovrebbe essere radicalmente modificata.

"Siamo contenti, crediamo di aver fatto un buon lavoro", commenta soddisfatto il ministro della Giustizia, Angelino Alfano. "Abbiamo migliorato il testo che era venuto fuori dal Consiglio dei ministri - aggiunge il Guardasigilli - accettando un emendamento dell’opposizione che era già nella lettera della legge, ovvero il fatto che dopo la legislatura di copertura e di tutela delle alte cariche, non vi potesse essere un ulteriore utilizzo della medesima norma anche in caso passaggio ad un’altra funzione. Questo emendamento lo ha specificato meglio e noi lo abbiamo accolto".

Alfano ha poi ripetuto che il lodo non è un provvedimento ad personam, tagliato a misura per Silvio Berlusconi, ma "risponde alle esigenze del Paese e riteniamo possa rispondere alle esigenze di far svolgere serenamente il proprio lavoro alle alte cariche dello Stato". Berlusconi, "dopo aver brillantemente vinto le elezioni, merita di governare serenamente questo Paese e il Paese ha bisogno di essere governato. Siamo molto soddisfatti".

Ma dall’opposizione il leader del Pd Walter Veltroni attacca, parlando in aula alla Camera, il governo Berlusconi : "Siamo tornati al passato come ci fosse una maledizione". Veltroni critica sia le forzature con cui sta procedendo, sia i provvedimenti che, come il ’lodo Alfano’ e prima il ’salva Rete4’ , sono "obiettivamente leggi per una persona". Il segretario del Pd denuncia che la politica italiana di oggi sembra destinata a "replicare il passato, potremmo essere nel 2001, nel 2004 o nel 1998".

Da parte sua, Massimo D’Alema ha invitato con un ’’consiglio amichevole’’, il presidente del Consiglio a ’’rinunciare e affrontare il giudizio a testa alta’’. L’ex vicepremier, pur apprezzando ’’la rinuncia a una misura come l’emendamento blocca processi, che per bloccare un processo ne avrebbe fermati molti’’, definisce il lodo una ’’soluzione pasticciata e confusa’’ e chiede che il Parlamento torni a discutere di un tema delicato come la giustizia su cui il ’’confronto è stato compromesso da scelte frettolose e arbitrarie’’. ’’Ritengo che in definitiva questa leggina rappresenti un errore politico’’, spiega.

La giornata era iniziata con il no dell’aula di Montecitorio (296 voti contrari) alle due pregiudiziali di costituzionalità presentate dal Pd, quindi si era passati all’esame i 283 emendamenti al disegno di legge.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :