Poster un message

En réponse à :
COSTITUZIONALMENTE, FORMALMENTE E LEGALMENTE : SCIOGLIERE "FORZA ITALIA". RIPRENDERSI LA PAROLA : ITALIA !!!

ANNO PRIMO DI "FORZA ITALIA". LA NASCITA DEL "NUOVO" PARLAMENTO. Una nota di Antonio Padellaro - a cura di pfls

vendredi 11 juillet 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] La fine del Parlamento come luogo di mediazione e del bene comune deve diventare la questione nazionale su cui tornare a coinvolgere i tanti che non si sono arresi all’apatia politica del tanto non c’è più niente da fare e lasciamo che decidano loro. I giornali già parlano di una nuova stretta di vite, di un blitz guidato da Gianfranco Fini per ottenere alla Camera il contingentamento dei tempi di discussione, oggi possibile solo al Senato. Davvero non c’è più tempo da perdere [...] (...)

En réponse à :

> ANNO PRIMO DI "FORZA ITALIA". LA NASCITA DEL "NUOVO" PARLAMENTO. ---- Legittimità e legalità (di Barbara Spinelli)

dimanche 29 juin 2008

Legittimità e legalità

di Barbara Spinelli (La Stampa, 29/6/2008)

Se, come ha scritto Carlo Federico Grosso su questo giornale, « il barometro della legalità in Italia segna tempesta », vuol dire che qualcosa di grave sta succedendo, nel governo e nella coscienza dei cittadini : qualcosa che guasta il rapporto che ambedue hanno con il diritto e la giustizia, che li rende indifferenti alle continue capricciose riscritture di leggi e competenze. Qualcosa che inquina non solo il nostro rapporto con la democrazia ma anche la domanda, diffusa, di stabilità e sicurezza delle istituzioni. Piano piano ci stiamo abituando all’idea, ingannevole, che un governo durevole con vasta maggioranza sia sinonimo di stabilità. Che un esecutivo capace di decidere (o decisionista) sia possibile solo indebolendo istituzioni e fonti di diritto altrettanto centrali per lo Stato (Csm, magistratura).

Ma soprattutto, ci stiamo abituando a un’idea scivolosa : che sopra la legalità e separata da essa possa sussistere una categoria superiore : la legittimità. La legittimità non trarrebbe la sua forza da leggi preesistenti, che prescindono da sconquassi contingenti. Essa poggerebbe su una sorta di consacrazione extralegale, che consente di accentrare in una persona o in un unico corpo i poteri di far legge. Grosso evoca le tappe di Berlusconi su questa strada. La prima consiste nel dire che « quando incombono grandi emergenze, rispettare la legge diventa opinabile » (discorso sui rifiuti a Napoli). La seconda, più grave, consiste nel dire che « quando un Governo ha ricevuto un mandato forte dagli elettori e governa direttamente in nome del popolo, ha diritto di gestire il potere senza intralci o impedimenti », lasciando « poco spazio ai controlli in corso d’opera ».

L’idea che sussista una legittimità preminente sulla legalità non è tuttavia una novità e neppure è tirannide classica. È una malattia della democrazia, una sua estremizzazione : è quel che le accade quando il peso del potere (esecutivo o legislativo) non è corretto da contrappesi egualmente autonomi, forti (da un sistema di check and balance). È un’escrescenza democratica basata su convinzioni sbadate : che il liberalismo sia un prodotto della democrazia e non una sua premessa (un prius, dice Sartori). Che la rule of law nasca con la democrazia anziché precederla. L’unzione del capo può discendere da Dio, da antiche dinastie. Può anche esser democratica e in tal caso chi unge è il popolo liberato dal tiranno, è la « volontà generale » teorizzata nella Rivoluzione francese (non è molto diverso nell’Antico Testamento : la legittimità d’Israele unge tutto un popolo nell’esodo-liberazione).

Lo Stato democratico unto dalla volontà popolare rischia l’assolutismo non meno dei re antichi : Carl Schmitt descrivendo Weimar lo chiamava Stato legislativo parlamentare e lo riteneva rovinoso perché contrapposto allo Stato giurisdizionale e al suo « durevole, generale » imperio della legge. In una democrazia siffatta il popolo è un’entità non eterogenea ma omogenea, monolitica, e in quanto tale conferisce al principe il diritto esclusivo di legiferare. La maggioranza parlamentare pretende di coincidere con tale popolo indifferenziato ed è in suo nome che il legislatore reclama il monopolio sulla legalità.

Minoranze, opposizioni, autorità di garanzia e regolamentazione sono d’intralcio coi loro « controlli in corso d’opera », e la democrazia sfocia nell’autoritarismo. Quel che per strada si perde è la liberale separazione dei poteri : la persuasione di Montesquieu secondo cui « perché non si possa abusare del potere, bisogna che il potere freni il potere ». Se Luigi XIV diceva « lo Stato sono io », Berlusconi democraticamente dice : io, unto dal démos, sono la Legge. Berlusconi è figlio della Rivoluzione francese, non del liberalismo e di Montesquieu. I motivi che spingono a estremizzare la democrazia possono essere molti. Schmitt ricorda che chi monopolizza la legalità e mette in concorrenza il legittimo col legale invoca generalmente « concetti indeterminati » come sicurezza e ordine pubblico, pericoli nazionali e stati di necessità, emergenze, interessi vitali e infine guerre.

Anche lo « spirito di conciliazione » tra governo e opposizione viene invocato in tempi di torbidi, usando la chimera del popolo uniforme e buono per corrompere la democrazia esasperandola. La corrompe a tal punto che lo scopo spesso viene mancato. Infrangere rule of law e separazione dei poteri non dà più sicurezza, ma riduce il senso del dovere degli italiani. Non dà più pace civile, perché acuisce le tensioni e perché l’immunità per le alte cariche non rende queste ultime più autorevoli. All’origine di simili distorsioni c’è il convincimento che il mandato popolare sia tutto, e chi l’incarna sia legibus solutus : sciolto da leggi, immune da sanzioni. Che sia esso stesso la legge, la legge del più forte.

Che il mandato conferisca non solo speciali diritti ma un premio supplementare di legittimità al legislatore e all’esecutivo. « In una democrazia legge è la volontà del popolo così come questo si presenta, cioè praticamente la volontà della momentanea maggioranza dei cittadini che hanno diritto di voto : lex est, quod populus iubet » (è legge quel che ordina il popolo - Schmitt, Legalità e legittimità, 1932) : « Il 51 per cento dei voti popolari dà la maggioranza in Parlamento ; il 51 per cento dei voti parlamentari dà il diritto e la legalità ; il 51 per cento di fiducia del parlamento al governo dà il governo parlamentare legale ».

Tale è la democrazia senza imperio della legge : un male ricorrente da secoli, cui le sinistre non sono affatto estranee. La linea di separazione non è infatti fra destra e sinistra, né fra democratici e antidemocratici, ma fra democrazia liberale e estremismo democratico : per la prima la questione centrale è come si esercitano i poteri per evitarne gli abusi, mentre per l’estremismo democratico la cosa cruciale è chi li esercita. Quando non è contaminata dallo Stato giurisdizionale, la democrazia scivola nella tirannide e riconoscerlo è difficile non solo a destra. Figlia del democraticismo giacobino, la sinistra non sempre è attrezzata per il dilemma legalità-legittimità, e per far proprio quel che scrisse Bobbio nell’84 : « Lo Stato liberale è il presupposto non solo storico ma giuridico dello Stato democratico ».

La preminenza data alla legittimità delle maggioranze è una tentazione costante, così come costante è l’appello alle emergenze nazionali. L’ininterrotta guerra al terrorismo ha spinto Bush a sprezzare le convenzioni di Ginevra su tortura e prigionieri di guerra. Ma lo stesso avvenne per motivi nobili con De Gaulle, che due volte mise in primo piano la legittimità. Prima nel 1940, quando da Londra denunciò - in nome della Resistenza - la legalità di Pétain. Poi nel 1958, quando impose una nuova Costituzione per sormontare l’immobilizzante partitocrazia della Quarta Repubblica. Il passato antifascista lo aiutò a tacitare chi lo accusò, nel ’58, di golpismo.

L’esempio di De Gaulle è importante perché dimostra la natura anfibia (nobile o pericolosa) del concetto di legittimità. Ci si riferisce a essa anche per il diritto alla resistenza. Anche Antigone contrappone la propria legittimità al legalismo del re Creonte. Non è per pignoleria che occorre approfondire il dilemma legalità-legittimità. Proprio perché l’Italia ha bisogno di una discontinuità che finalmente dia allo Stato l’autorevolezza che non ha, urgono concetti non manomessi, chiari. Proprio perché i torbidi esistono, urge al tempo stesso aver memoria e accortezza nell’azione.

La memoria conferma che le più grandi catastrofi storiche son spesso costruite su cose mal pensate. L’accortezza insegna che le rotture possono esser benefiche (fu il caso di De Gaulle) ma a una condizione : che rompendo non si curi il male con dosi ancor più massicce del male di ieri.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :