Poster un message

En réponse à :
LE NOVITA’ IN ARRIVO. Dalle Alpi alla Sicilia, ogni mattina l’alzabandiera e il canto dell’inno "nazionale" del Partito-Azienda "Forza Italia" !?!

SCUOLA. IL CALENDARIO SCOLASTICO DEL PROSSIMO ANNO, 2008-2009. Inizio e fine delle lezioni, vacanze e "ponti". Una sintesi di Salvo Intravaia - a cura di Federico La Sala

Negli allegati (dello spazio "Forum") il calendario del 2010-2011, per tutte le Regioni di Italia (e altri materiali).
mardi 1er juillet 2008 par Maria Paola Falchinelli
IN ITALIA L’UNICO LEGITTIMO PRESIDENTE DEGNO DI GRIDARE "FORZA ITALIA" E’ IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, GIORGIO NAPOLITANO. Chi lo ha fatto e continua a farlo illegalmente ("istituzionalmente") è solo un mentitore e un golpista !!!

**********************************

COMUNICATO DI PIENA E TOTALE SOLIDARIETA’ AL LICEO CLASSICO "MANZONI" DI MILANO :
"NON MI SENTO ITALIANO"
BUFERA SUL CINEFORUM
APPELLO (...)

En réponse à :

> SCUOLA. IL CALENDARIO SCOLASTICO DEL PROSSIMO ANNO, 2008-2009. --- LA SIGNORA dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, ha spiazzato tutti.... « Un calcio nei denti ai bambini e alle bambine » commenta Enrico Panini, segretario nazionale della Federazione lavoratori della conoscenza.

mercredi 3 septembre 2008


-  Con un decreto cambiano le elementari
-  Maestro unico e solo 24 ore. Sparirà il tempo pieno, a rischio 80mila insegnanti.
-  Gelmini : dal 2009 e solo in prima

di Maristella Iervasi ( l’Unità, 03.08.2008)

LA SIGNORA dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, ha spiazzato tutti. Il maestro unico è già legge. Il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale che doveva sancire solo il 5 in condotta, i voti in numeri in pagella e la nuova materia : Cittadinanza e Costituzione, riforma invece in toto la scuola elementare : uno dei modelli di qualità vantati in Europa. Un blitz in piena regola che ha spiazzato genitori e insegnanti e provocato un terremoto nelle scuole da ieri aperte per organizzare le classi, i programmi di studio, coprire i « buchi » sul sostegno e le malattie.

Una mossa quella del duetto Gelmini-Tremonti « studiata » per blindare la restaurazione del ritorno dell’insegnante unico nella scuola primaria con un orario già fissato per decreto : 24 ore settimanali, 6 ore di lezione in meno rispetto ad oggi. Un modo per sancire la fine del modulo e la conseguente agonia del tempo pieno. Una strategia per dare « forza giuridica » al « massacro » della scuola - il taglio di 90mila docenti e 43 mila tra bidelli e segretari in meno entro il 2012. Ma che di fatto « tappa la bocca » al confronto e alla concertazione politica e sindacale. E fuori sacco è stata introdotta anche - con « raccapriccio » degli editori - la disposizione che i testi scolastici dovranno durare per 5 anni.

Mondo della scuola e famiglie in subbuglio. Così si è svegliata ieri l’Italia. 104mila le classi di primaria funzionanti a modulo (tre insegnanti per due classi) ; 33mila quelle a tempo pieno. Un totale di circa 245mila insegnanti, di cui 6mila non di ruolo. 5mila invece i pensionamenti previsti nell’anno. Se si aprisse la sperimentazione del maestro unico solo dalla prima elementare verrebbero spazzati via 16.640 posti docente. Se si partisse a regime su tutte e cinque le classi (modulo e tempo pieno), il « risparmio » conseguente del taglio sarebbe di 80mila posti per maestro.

Una rivoluzione da restaurazione contro il sapere. Gli studenti imparerebbero appena a leggere, scrivere e contare. E con questo scarso bagaglio nozionistico entrerebbero poi alla scuola dei “grandi”, le medie. Un avvio d’anno scolastico, dunque, al cardiopalma. « Sciopero » unitario e mobilitazione dei docenti è la risposta del sindacato Flc-Cgil, Uil e Cisl-scuola. E non è detto che non coincida con l’ingresso o giù di lì degli studenti nelle aule. Mentre il tam tam corre anche su Internet e nelle città della penisola spuntano Comitati contro il ritorno al passato del maestro generalista : raccolte di firme e fax di protesta per « inondare » la Gelmini. Mentre i precari della scuola invitano gli italiani ad appendere un drappo nero sui balconi.

« Un calcio nei denti ai bambini e alle bambine » commenta Enrico Panini, segretario nazionale della Federazione lavoratori della conoscenza. « Un attacco spietato del governo al loro diritto ad avere una scuola più ricca e non più povera di opportunità », precisa. Durissimo anche il sindacato degli insegnanti, il Gilda : « Un colpo di mano che fa tornare indietro di oltre 20 anni. Non è mai capitato nella storia d’Italia - sottolinea Rino Di Meglio - che una riforma dell’ordinamento scolastico venisse varata con un decreto legge ». Massimo Di Menna della Uil, chiede chiarezza e trasparenza : « Il governo - dice - ha introdotto una rigidità prima ancora della discussione con i sindacati ». E Fracesco Scrima della Cisl-scuola parla di « pedagogia da cassa ». Intanto, leggendo l’art.4 del decreto salta agli occhi il mancato uso del congiuntivo : « è ulteriormente previsto che le istituzioni scolastiche costituiscono classi affidate ad un unico insegnante... ». Ancora un errore da matita rossa blu per il ministero dell’Istruzione dopo la « gaffe » sulla poesia di Montale alla maturità ?.

Il ritorno del maestro unico in classe - mandato in pensione dal’90 dal ministro Mattarella - non scatterebbe subito solo per questioni organizzative ma l’insegnante sarebbe solo in cattedra dall’anno 2009-2010. La stessa Gelmini vista la « furia » della polemica e dello sconcerto in atto della popolazione è stata costretta a precisare : « Sarà un ritorno soft e verrà introdotto solo nella prima classe del ciclo. Quindi entrerà a regime gradualmente ». Ha rassicurato anche sul tempo pieno : « Non è affatto incompatibile con il ritorno del maestro unico », ha detto la responsabile dell’Istruzione. Poi, a chiusa della nota è tornata sul bilancio della scuola, speso per il 97% per pagare gli stipendi di un milione e 300 mila dipendenti. « Così la scuola non ha futuro » - ha concluso Gelmini, ribadendo la sua litania : meno insegnanti ma meglio pagati ».

Dure le reazioni del Piddì. « Il maestro unico non è un romantico ritorno al passato. Significa una settimana di 24 ore, senza pomeriggi a scuola, senza attività integrativa e bambini in casa », sottolineano il ministro ombra Maria Garvaglia e Maria Coscia, responsabile scuola del partito.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :