Inviare un messaggio

In risposta a:
Politica

Il sindacalista Giuseppe Casamassima, opinionista autorevole, risponde all’appello di Emiliano Morrone al presidente Ciampi

Per proseguire il dibattito sull’isolamento della Calabria e lo spopolamento di San Giovanni in Fiore, il contributo di un giovane quanto acuto intellettuale
lunedì 16 gennaio 2006 di Emiliano Morrone
Caro Direttore,
ho letto anch’io, con molto interesse, la tua lettera del 07 gennaio scorso che, rimbalzando qua e là, ha determinato un vero e proprio effetto-onda dal punto di vista mediatico. Scrivendola, sei riuscito a suscitare un vivace dibattito che ha coinvolto anche altri media (stampa e TV) e, soprattutto, a far riflettere molta gente sulla realtà che sta sotto gli occhi di noi tutti. Credo, perciò, che la tua lettera offra un’occasione unica per iniziare a fare, finalmente, (...)

In risposta a:

> Risposta a Peppino Curcio

martedì 17 gennaio 2006

In risposta alle osservazioni dell’amico Peppino Curcio, voglio subito chiarire che nessuno qui sogna irrealistiche restaurazioni monarchiche nel nostro Sud, né "tifa" per il ritorno in campo degli eredi dei Borbone. Se il nostro amico ha inteso questo, allora ha travisato il senso della mia lettera.

A tal riguardo, anzi, voglio aggiungere che, nonostante oggi gli Stati più prosperi e civili siano delle Monarchie costituzionali (Inghilterra, Spagna, Olanda, Svezia, Giappone ecc.), personalmente non sono mai stato un simpatizzante dei Re e ancora adesso non credo affatto che la monarchia sia la migliore istituzione per realizzare il buon governo dei popoli.

Detto questo, credo però che se vogliamo capire meglio cosa è successo e perché siamo caduti così in basso, allora dobbiamo sforzarci di "rileggere" la nostra storia senza preconcetti. Soprattutto finendola di continuare a "ragionare per luoghi comuni", anche al fine di sentirci poi meno infastiditi dalla eventuale scoperta di "verità proibite".

E "rileggendo" con una tale apertura mentale la nostra storia si finisce necessariamente per rivalutare una dinastia come i Borbone, che è stata per troppo tempo demonizzata dalla propaganda "risorgimentale" veicolata dai vincitori (cioé certe lobby settentrionali). E’ stato addirittura messo in uso l’aggettivo "borbonico" come sinonimo di inefficienza, di arretratezza civile e sociale ecc. - e in questo modo, screditando i Borbone, si è finito per screditare implicitamente anche tutti i meridionali. Ancora oggi, quando la gestione di una cosa pubblica è disorganizzata e farraginosa, si parla di "burocrazia borbonica". Eppure, per modernizzare la burocrazia i Borbone avevano abolito la trasmissione ereditaria (cioé feudale) delle cariche pubbliche da padre in figlio ! Non era cosa di poco conto !

Infine, la lettera è sicuramente molto lunga, ed acuisce la percezione della sua "lunghezza" il fatto che è stata messa online senza il rispetto dei capoversi che esistevano nel formato originale. Tuttavia, non credo che sia noiosa. Perché da molti è stata apprezzata e ritenuta bella e appassionante. Addirittura, i soci e i simpatizzanti dell’Associazione "Due Sicilie" di San Giovanni in Fiore vorrebbero trasformarla in un documento di base per l’inizio ufficiale della loro attività. Comunque, ciascuno ha i suoi gusti e il gusto che si prende nella lettura è piuttosto soggettivo.

Ma, mettendo da parte questi problemi di forma e di stile, quel che è importante è invece la "sostanza" della mia lettera e le questioni che essa pone: è vero che prima si stava meglio di adesso ? E’ vero che prima non doveva emigrare nessuno ? E’ vero che esisteva in Calabria un certo tessuto industriale mentre ora siamo nella piena desertificazione delle attività produttive ?

Ecco, queste e altre ancora sono le questioni importanti su cui si deve ragionare.

Mi auguro comunque che l’amico Peppino Curcio possa dare anch’egli il suo contributo per il progresso della nostra Calabria.

Cordialmente,

GIUSEPPE CASAMASSIMA


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: