Inviare un messaggio

In risposta a:
EU-ANGELO= BUONA-NOTIZIA, PER TUTTI GLI ESSERI UMANI: Deus charitas est (non - enciclicamente e ratzingerianamente - "Deus caritas est", SCV - 2006)!!!

ADAMO ED EVA, MARIA E GIUSEPPE UGUALI DAVANTI A DIO: L’ALLEANZA DI FUOCO. SI’ ALLE DONNE VESCOVO: LA CHIESA ANGLICANA SORPASSA LA CHIESA "CATTOLICA". Il cattolicismo "andropologico" romano è finito - a cura di Federico La Sala

L’antropologia della "sacra famiglia" della gerarchia vaticana è zoppa e cieca: il Figlio ha preso il posto del padre "Giuseppe" e dello stesso "Padre Nostro" e continua a "girare" il suo film pre-evangelico preferito, "Il Padrino"!!!
sabato 12 luglio 2008 di Maria Paola Falchinelli
DOPO 500 ANNI, PER IL CARDINALE RAVASI LA PRESENZA DELLE SIBILLE NELLA SISTINA E’ ANCORA L’ELEMENTO PIU’ CURIOSO.

15 anni fa l’apertura alle donne pastore in Inghilterra e Galles
Chiesa anglicana: ’’Sì alle donne vescovo’’.
Vaticano: ’’Strappo alla tradizione’’
Voto positivo dei componenti del Sinodo generale riuniti a York, nel nord della Gran Bretagna, che si sono espressi anche a favore di un "codice di condotta", per evitare lo (...)

In risposta a:

> Il cattolicismo "andropologico" romano è finito --- L’Osservatore romano, come il Pontificio consiglio, paventa "crescenti difficoltà di dialogo" tra Roma e Canterbury, citando il giudizio di alcuni esperti di anglicanesimo. "A giudizio di questi osservatori - scrive poi il giornale della Santa Sede - la decisione presa al sinodo di York non è assolutamente inaspettata".

martedì 8 luglio 2008


-  Il Pontificio consiglio interviene sulla decisione del sinodo della Chiesa anglicana
-  E l’Osservatore romano: "Possibile che alcuni vescovi aderiscano alla Chiesa cattolica"

-  Vescovi donna, il Vaticano attacca
-  "Strappo al messaggio apostolico"

-  Per la Santa Sede l’ordinazione di episcopi di sesso femminile può essere un "ostacolo al dialogo" tra Roma e Canterbury

CITTA’ DEL VATICANO - All’indomani del voto con cui il sinodo della Chiesa anglicana ha detto "sì" all’ordinazione delle donne-vescovo, il Vaticano attacca e prende posizione sulla questione. "Uno strappo alla tradizione apostolica" e "un ulteriore ostacolo al dialogo" tra la Chiesa cattolica e quella anglicana, lo definisce il Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani. E l’Osservatore romano, in un servizio dedicato alla frattura interna alla Chiesa d’Inghilterra, scrive che è possibile che alcuni vescovi anglicani "possano aderire alla Chiesa cattolica".

In una nota il dicastero Pontificio, presieduto dal cardinale Walter Kasper, critica il voto che apre la strada alla legislazione per l’ordinazione delle donne all’episcopato e afferma che ’’per il futuro questa decisione avrà delle conseguenze per il dialogo, che finora aveva portato buoni frutti". E poi precisa che "la posizione cattolica in merito è stata espressa chiaramente da Paolo VI e da Giovanni Paolo".

Nell’edizione di oggi il giornale della Santa Sede conferma, pur indirettamente, le voci sui contatti intercorsi in questi giorni fra alcuni vescovi anglicani e il Vaticano, quando fa il punto sul disagio interno alla Chiesa d’Inghilterra e sottolinea che una consistente minoranza, in disaccordo con la decisione presa dalla maggioranza, potrebbe scegliere di aderire ad altre chiese cristiane, a cominciare da quella cattolica.

L’Osservatore romano, come il Pontificio consiglio, paventa "crescenti difficoltà di dialogo" tra Roma e Canterbury, citando il giudizio di alcuni esperti di anglicanesimo. "A giudizio di questi osservatori - scrive poi il giornale della Santa Sede - la decisione presa al sinodo di York non è assolutamente inaspettata". Il Sinodo, infatti, tre anni fa aveva già approvato, in linea di massima, la consacrazione vescovile delle donne. Ed è dal 1994, da quando è stato dato il via libera all’ordinazione sacerdotale delle donne, che va avanti l’emorraggia dalle file dell’Anglicanesimo, soprattutto verso il campo "papista".

Tuttavia, quello che sorprende del dibattito di ieri, secondo l’Osservatore, è "l’indisponibilità della maggioranza favorevole a queste ordinazione a trovare una soluzione per quanti nella Chiesa d’Inghilterra non intendono riconoscere l’autorità delle donne-vescovo".

Oggi l’edizione del giornale manda anche un altro segnale, pubblicando un articolo elogiativo dello scrittore Clive Staples Lewis, autore delle Cronache di Narnia e noto "criptocattolico", anglicano di formazione ma di fatto convertito al cattolicesimo.

* la Repubblica, 8 luglio 2008


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: