Inviare un messaggio

In risposta a:
EU-ANGELO E COSTITUZIONE . "CHARISSIMI, NOLITE OMNI SPIRITUI CREDERE... DEUS CHARITAS EST" (1 Gv., 4. 1-16). «Et nos credidimus Charitati...»!!!!

VERITA’ E RICONCILIAZIONE. PAPA RATZINGER A SYDNEY, PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTU’: "IL RE E’ NUDO"!!! NON SOLO DEVE CHIEDERE PERDONO ALL’AUSTRALIA E ALL’ITALIA E AL "PADRE NOSTRO", MA CAMBIARE STILE DI VITA!!! Gesù, che non era schizofrenico, non si travestiva da imperatore. Una nota di Roberto Monteforte - a cura di pfls

AUSTRALIA. "IL FUTURO DEL PIANETA e l’ambiente. La speranza e i giovani, ma come negli Stati Uniti, soprattutto lo scandalo degli abusi sessuali che ha coinvolto la Chiesa cattolica (...)".
giovedì 17 luglio 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] L’obiettivo della Chiesa è di «risvegliare le coscienze per rispondere a questa grande sfida e ritrovare la capacità etica di cambiare in bene la situazione dell’ambiente». Non compete alla Chiesa trovare soluzioni. Così Ratzinger chiama in causa la responsabilità della «politica e degli specialisti». Quello che, però, rilancia è l’invito a «cambiare stili di vita». Sono i temi affrontati nel suo recente messaggio ai grandi del G8 e in quello diffuso ieri per la 82a Giornata (...)

In risposta a:

> VERITA’ E RICONCILIAZIONE. PAPA RATZINGER A SYDNEY... --- Sono passati 12 anni e, dei ricordi della Giornata mondiale della Gioventù ospitata da Sydney nell’estate 2008, due si affacciano tra gli altri leggendo del proscioglimento del cardinale George Pell (di Francesco Ognibene).

mercoledì 8 aprile 2020

Il cardinale Pell prosciolto. Quando la «giustizia» è solo accanimento

Sono passati 12 anni e, dei ricordi della Giornata mondiale della Gioventù ospitata da Sydney nell’estate 2008, due si affacciano tra gli altri leggendo del proscioglimento del cardinale George Pell

di Francesco Ognibene (Avvenire, mercoledì 8 aprile 2020)

Sono passati 12 anni e, dei ricordi della Giornata mondiale della Gioventù ospitata da Sydney nell’estate 2008, due si affacciano tra gli altri leggendo del proscioglimento del cardinale George Pell. Il primo è legato alla festa con cui migliaia di giovani italiani vollero ringraziarlo per l’ospitalità, regalando una felpa azzurra a quel pastore imponente, sempre paterno e lieto con tutti. Un simbolo.

Ma c’è soprattutto l’esperienza che i nostri ragazzi e ragazze fecero della Chiesa australiana: Chiesa d’immigrazione, dalla parte dei marginali, mix di lingue e tradizioni, paladina degli aborigeni, spina nel fianco di una società che attira gli stranieri ma si mostra selettiva come i più chiusi lembi d’Occidente. Il successo di quella Giornata smentì le ritrosie di un Paese condizionato da polemiche mediatiche e, invece, sorpreso dalla vitalità di una Chiesa fuori da schemi perbenisti e già oggetto delle accuse per i primi casi di abuso. Molte cause seguirono, arrivando infine - e quasi fatalmente - a colpire il bersaglio grosso, quel cardinale Pell che dopo essere diventato nel 2014 uno dei più stretti collaboratori del Papa aveva accresciuto la sua visibilità. Colpito il pastore, il gregge sarebbe stato disperso, e Francesco forse ridimensionato.

Una strategia inesorabile che il processo ha evidenziato come un caso da manuale, inclusa l’onta delle manette per condurre in aula un vescovo di 78 anni in diretta tv. L’umiliazione che ha deciso di non risparmiarsi arriva ora al suo rovesciamento per l’inconsistenza delle tesi accusatorie, apparsa sempre più lampante, tra lo scetticismo dei tanti che ormai avevano deciso per la colpevolezza di Pell, quasi fosse un inevitabile sacrificio espiatorio.

La Chiesa sta pagando un prezzo altissimo per gli abusi di consacrati la cui responsabilità è aggravata dalla vulnerabilità delle vittime, segnate per sempre. L’opera di pulizia e prevenzione praticata per l’azione di tre Papi deve ancora percorrere molta strada, la stessa Chiesa italiana vi si è incamminata con determinazione rendendo operativo il Servizio nazionale per la Tutela dei Minori. Ma la lezione dell’”affaire Pell” impone oggi di non archiviare quello che il Papa stesso ha definito un «accanimento». La verità sugli abusi va perseguita sempre, fino in fondo, evitando sentenze preventive, pronti a riconoscere i propri errori. E questo non vale solo per la Chiesa.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: