Inviare un messaggio

In risposta a:
Medicina

Mille piante per guarire il cancro senza chemioterapia. Il libro del dottor Giuseppe Nacci on line, scaricabile gratis

lunedì 14 luglio 2008 di Emiliano Morrone
Cliccando sull’icona in basso, aperta la pagina, si può scaricare il libro del dottor Giuseppe Nacci che documenta l’efficacia contro i tumori di piante su cui esistono studi specifici. Il medico, specializzato in radioterapia, espone anni di studi e ricerche in questo volume estremamente dettagliato.

In risposta a:

> Mille piante per guarire il cancro senza chemioterapia. ----Il coraggio di un giovane calabrese e il "Metodo Di Bella". L’Istituto Europeo di Oncologia - IEO - con Umberto Veronesi e l’Università di Firenze, confermano l’efficacia della somatostatina contro il cancro.

sabato 10 novembre 2012

Umberto Veronesi riconosce il ‘Metodo Di Bella’. La fine del boicottaggio

Il Metodo Di Bella viene finalmente promosso dalla comunità scientifica e con Umberto Veronesi e l’Università di Firenze, confermano l’efficacia della somatostatina contro il cancro. *

METODO DI BELLA - Dopo anni di attacchi insensati e di boicottaggi governativi e di lobby farmaceutiche, la comunità scientifica sembra si stia decidendo a promuovere il metodo Di Bella. Questa volta, il riconoscimento giunge da uno scienziato di provata fama e ben accetto alla classe politica italiana.

L’Istituto Europeo di Oncologia - IEO - con Umberto Veronesi e l’Università di Firenze, confermano l’efficacia della somatostatina contro il cancro.

E proprio l’Università di Firenze ha pubblicato una ricerca scientifica “Effetti combinati di melatonina, acido trans retinoico e somatostatina sulla proliferazione e la morte delle cellule di cancro al seno”, che rappresenta una conferma degli studi fatti da Di Bella, un importante punto di riferimento per la comunità scientifica.

Non tutti sanno che la somatostatina è un polipeptide, sostanza composta di amminoacidi, che ha la proprietà di inibire il principale fattore di crescita, il GH, che ha un ruolo fondamentale nell’insorgenza e proliferazione neoplastica.

Nel centenario della nascita dello scienziato più discusso, è riabilitata una terapia che per soli fini politici, fu bocciata e ritenuta tossica dal Ministero della Sanità nel 1998, dopo un’assurda e contestata sperimentazione.

Ma Luigi Di Bella, con il figlio Giuseppe ed i suoi collaboratori, nel silenzio generale ha continuato le sue ricerche, ricevendo migliaia di pazienti e ottenendo una vasta e proficua collaborazione con medici e farmacisti che confermano la bontà della terapia, segnalando ottimi risultati in tutt’Italia.

L’ultimo caso, che fa ben sperare, riguarda un giovane calabrese affetto da carcinoma squamo cellulare rinofaringe, che ha rifiutato le terapie classiche, rivolgendosi allo staff di Di Bella. Sottoposto al contestato metodo, il paziente dopo due mesi lo IEO ha confermato che “la lesione appare ridotta da T2 a T1“.

Grazie a questo referto, e con l’intervento del Tribunale, l’ASL è stata obbligata alla somministrazione gratuita della terapia. Un’ importante rivincita per lo scienziato di origini siciliane morto nel 2003, troppo frettolosamente bollato come un ciarlatano.

* FONTE: NEWS-24h medicina pubblicato da Carmine Zamprotta 17 settembre 2012


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: