Inviare un messaggio

In risposta a:
EUROPA. ITALIA, 2008 ....

ULTIMA NOTIZIA. Una riunione di grandi intellettuali (uomini e donne) delle Accademie e delle UniversitÓ della Penisola ha deciso all’unanimitÓ di approvare il nuovo inno "nazionale": "Forza Italia"!!!

Per l’avvio del nuovo anno scolastico e del nuovo anno accademico..... Ŕ prevista la presenza di tutti i Premi No-bel del Mondo.
martedì 15 luglio 2008 di Maria Paola Falchinelli
Una riunione di grandi intellettuali (uomini e donne) delle Accademie e delle UniversitÓ della Penisola ha deciso all’unanimitÓ di approvare il nuovo inno "nazionale": "Forza Italia"!!!
Alla fine, per˛, il Presidente della riunione, entusiasta ma non del tutto soddisfatto, ha detto: źDi pi¨, molto di pi¨╗. E ha proposto la sostituzione, nella "Nona" di Beethoven, dell’inno "nazionale" al posto del vecchio "Inno alla gioia".
Un applauso che non finiva mai ha accolto le parole del (...)

In risposta a:

> ULTIMA NOTIZIA. --- Le lodi tattiche di Berlusconi a Mussolini (di Philippe Ridet - Le Monde)

lunedì 28 gennaio 2013

Le lodi tattiche di Berlusconi a Mussolini

di Philippe Ridet (Le Monde, 29 gennaio 2013 - traduzione: www.finesettimana.org)

Le “gaffe” di Silvio Berlusconi sono raramente dovute all’improvvisazione. Affermando, domenica 27 gennaio, Giornata della memoria dell’Olocausto, che Benito Mussolini “ha fatto molte cose buone”, a parte “le leggi razziali che rappresentano la peggiore colpa del leader”, si Ŕ assunto il rischio di scatenare una nuova polemica, ma sa che una parte dell’opinione pubblica italiana lo ha capito.

Mentre Angela Merkel, il giorno prima, dichiarava che la Germania ha “una responsabilitÓ permanente per i crimini del nazionalsocialismo”, l’ex presidente del consiglio sostiene che “L’Italia non ha le stesse responsabilitÓ”. “Il governo di allora, per il timore che la potenza tedesca si concretizzasse in una vittoria generale, preferý essere alleato alla Germania di Hitler piuttosto che contrapporsi. La connivenza con il nazismo, almeno all’inizio, non fu completamente consapevole.”

Non Ŕ la prima volta che Berlusconi minimizza il bilancio del regno di Mussolini, dal 1922 al 1943. Nel 2003 aveva sostenuto che “il fascismo non ha mai ucciso nessuno”. Il regime fascista ha adottato nel 1938 e del tutto liberamente, le leggi razziali, escludendo gli ebrei dall’esercito e dall’insegnamento e limitando il loro diritto di proprietÓ. Durante la seconda guerra mondiale, pi¨ di 7000 uomini, donne e bambini ebrei italiani furono sterminati nei campi della morte. Un bilancio a cui bisogna aggiungere gli assassini politici o l’esilio sistematico degli oppositori al regime.

Elettoralismo? Revisionismo? Impegnato in vista delle elezioni del 24 e 25 febbraio a capo di una coalizione che va dalla Lega Nord, favorevole alla secessione, a piccole formazioni neofasciste (La Destra, Fratelli d’Italia), nostalgiche di uno Stato forte, Berlusconi mirava domenica all’ala pi¨ nazionalista.

Ma, al di lÓ del calcolo tattico, rafforza in molti italiani l’idea di un fascismo schizofrenico: uno efficiente (organizzazione dello Stato, lotta alla mafia, costruzione di infrastrutture, riorganizzazione dello Stato, instaurazione di un sistema pensionistico), l’altro cattivo (leggi razziali, privazione delle libertÓ civili), senza rapporto logico tra i due.

Il giornalista Massimo Giannini, autore del libro Lo Statista (Dalai), che sottolinea le analogie tra il Cavaliere e il Duce, analizza: “Berlusconi si rivolge a quella parte di opinione pubblica che crede ancora che si possa separare il buon grano dalla zizzania nel bilancio di Mussolini. Ma l’uno e l’altro hanno in comune la stessa fede nell’uomo della provvidenza, la stessa ricerca di un rapporto senza mediazione con il popolo, la stessa volontÓ di imporre la narrazione di una realtÓ virtuale con la propaganda. Ancora una volta, Berlusconi scommette sulla parte peggiore degli italiani”.

“Queste dichiarazioni non sono solo superficiali e inopportune, ma prive di senso morale e di fondamento storico, ha denunciato il presidente dell’Unione delle comunitÓ ebraiche italiane, Renzo Gattegna. Dimostrano a qual punto l’Italia faccia ancora fatica ad accettare la propria storia e le proprie responsabilitÓ”.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: