Inviare un messaggio

In risposta a:
Il SONNO PROFONDO DEI GIUDICI COSTITUZIONALISTI, LA "LOGICA" DEL MENTITORE E IL GOLPISTICO TRIONFO DEL PARTITO DI "FORZA ITALIA".

SE VADO A CASA DI ZAGREBELSKY E ... COMINCIO A FARE IL MIO COMODO DICENDO DI ESSERE DEL PARTITO "FORZA ZAGREBELSKY", CHE COSA HO FATTO E CHE COSA SONO?! L’ITALIA NON S’E’ DESTATA ED E’ STATA UCCISA!!! Una sonnolenta riflessione di Gustavo Zagrebelsky - a cura di Federico La Sala

Le riduzioni di scala della socievolezza riguardano ogni ambito della vita di relazione e, a mano a mano che procedono, creano nuove inimicizie in una spirale che distrugge l’interesse generale e i suoi postulati
martedì 22 luglio 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] Chi vuol difendere la Costituzione deve accettare la sfida della legittimità e saper mostrare, anche attraverso i propri comportamenti, che la Costituzione non è un involucro ormai privo di valida sostanza, non è l’espressione o la copertura di un mondo senza futuro. Occorre far breccia in convinzioni collettive, là dove domina indifferenza, sfiducia, rassegnazione: i sentimenti qualunquistici, naturalmente orientati a esiti autoritari, di cui s’è detto. Se la crisi costituzionale è (...)

In risposta a:

> SE VADO A CASA DI ZAGREBELSKY ... SIMBOLI AL POTERE. POLITICA, FIDUCIA, SPERANZA (di Roberta Monticelli - La ragione simbolica è pratica?).

domenica 22 luglio 2012

La ragione simbolica è pratica?

di Roberta de Monticelli (Il Sole-24 Ore, 22 luglio 2012)

Scriveva Kant nella Critica del giudizio: «Il poeta osa dar corpo a quelle essenze invisibili che sono le idee... il paradiso e l’inferno, l’eternità, la creazione, o anche a quelle di cui l’esperienza ci dà qualche esempio... ben oltre i limiti dell’esperienza che ne abbiamo...». Gustavo Zagrebelsky non esita ad allargare ben oltre la sfera di influenza dell’arte il potere dei simboli: «Attraversando il segno simbolico, si dischiude una dimensione supra-sensibile e supra-razionale dove gli esseri umani incontrano un mondo che è per loro realtà, come il divino e il diabolico, l’infinitamente grande o l’infinitamente piccolo, l’infinitamente alto o l’infinitamente profondo, la giustizia e l’ingiustizia, l’ordine e il caos, il potere e l’arbitrio, l’amore e l’odio, l’unione e la divisione, il puro e l’impuro, la riscossa e la rassegnazione, la pace e la guerra: realtà anch’esse, per chi le percepisce, le desidera o le teme, pur se appartenenti a un altro ordine di realtà rispetto a quelle empiriche e razionali».

Il nuovo piccolo libro del grande costituzionalista è perfetto per spalancare la vacanza della mente alla vastità di quell’«immensa ontologia invisibile» (Searle) che è il mondo della nostra vita associata, con i suoi oggetti invisibili eppure realissimi almeno nei loro effetti, come mercati e monopoli, confini nazionali e proprietà, matrimoni e professioni, conflitti e guerre... Ma l’oggetto del libro non sono i fatti, le relazioni e gli atti sociali, ma ciò che in qualche modo li avvolge: le Idee, primo e ultimo oggetto della filosofia.

Questo rende insieme affascinante e scivolosa la breve via per cui Zagrebelsky ci conduce, e che a ogni svolta apre ulteriori e indefinite possibilità di accogliere l’invito che i simboli fanno - a pensare. O magari qualche volta al contrario - a sognare. Che cosa sono le Idee? Grumi di «eccedenza di significato che non si lascia racchiudere in un concetto determinato... sfugge al discorso descrittivo e razionale, si affida all’immaginazione, è sempre produttivo di significati e dà motivo per rivolgersi al passato... ma anche per guardare avanti, immaginando, sperando...». Eppure c’è un indizio che le Idee non sono solo, e non sono fondamentalmente questo.

È la parola «ideologia», che ci conduce nel cuore di questa operetta morale. Zagrebelsky riconosce quanto imbarazzante possa essere questa parola, e tuttavia osserva anche come il tramonto delle ideologie sia tutt’uno con il «deserto simbolico», l’apparente povertà che nelle nostre società affligge quella delle tre funzioni sociali riconosciute da Platone a Dumézil - la funzione economica, quella politica e quella simbolica - l’ultima, quella che invece è stata nei millenni - attraverso i chierici religiosi o laici di ogni civiltà - la funzione più potente e necessaria alle altre, quella che plasma le «rappresentazioni collettive» e dà alimento alla «fiducia» e alla «speranza» sulle quali si basano le convivenze umane. Quella di cui da sempre ha bisogno la politica per esistere e governare.

Ci sono pagine che il Presidente di Libertà e giustizia dedica alla nullità ideale e simbolica degli emblemi e dei discorsi dei partiti qui e oggi, pagine di cui non si può non condividere tutto l’irridente sconforto. Ma ecco, siamo al punto.

Se tanto necessaria e potente è la funzione simbolica, che in veste di ideologia «prende possesso delle menti...» - non sarebbe indispensabile, oggi, liberare questa funzione dall’ambiguità costitutiva - fra pensiero e «sogno», critica e illusione, libertà e prigionia della mente, che al procedere «simbolico» sembra costitutivamente inerire? Se la politica è nella sua Idea il governo delle società umane secondo giustizia e ragione, non è davvero tempo di provare a mettere a fuoco che cosa sia un’Idea come questa? Il nucleo di quest’idea è una qualità di valore, la «giustizia»: è possibile uno spazio non «ideologico», delle ragioni, dell’informazione, della critica, e naturalmente del confronto fra ordinamenti di priorità di valore diversi, quindi di diverse «parti» politiche?

Insomma: è possibile una fondazione razionale del pensiero pratico, che nella cognizione del dolore e dell’ingiustizia abbia proprio le sue fonti di evidenza? Ciò che fa dei fatti sociali dei beni o dei mali è offerto infine alla nostra critica, sorvegliata esperienza dei valori e disvalori, o consegnato all’arbitrio delle suggestioni, delle religioni, degli dei o delle forze in campo? Insomma: c’è possibile ricerca di verità nel campo dei valori, o la ragione pratica è «soltanto» ragione simbolica?

* G. Zagrebelsky, Simboli al potere. Politica, fiducia, speranza, Einaudi, Torino, pagg. 92, € 10,00


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: