Poster un message

En réponse à :
EVANGELO E COSTITUZIONE : "DEUS CHARITAS EST" (1 Gv., 4. 1-16). STORIA E RIVELAZIONE, IN CAMMINO... E TRADIMENTO STRUTTURALE DELLA FIDUCIA.

CIO’ CHE LA GERARCHIA VATICANA E LA CEI NON HA ANCORA CAPITO DELLA COSTITUZIONE ITALIANA E DELL’ITALIA. Una nota di Federico La Sala

Indicazioni per un ri-orientamento antropologico e teologico-politico
mercredi 23 juillet 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] Nonostante tante sollecitazioni a sciogliere i nodi e chiarirsi le idee da ogni parte - dentro e fuori le istituzioni cattoliche, c’è ancora molta confusione nel cielo del partito ’cattolico’ italiano : non hanno affatto ben capito né la unità-distinzione tra la “Bibbia civile” e la “Bibbia religiosa”, né tantomeno la radicale differenza che corre tra “Dio” ["charitas"] e “Mammona” ["caritas"] o, che è lo stesso, tra la Legge del Faraone (...)

En réponse à :

> CIO’ CHE LA GERARCHIA VATICANA E LA CEI NON HA ANCORA CAPITO DELLA COSTITUZIONE ITALIANA E DELL’ITALIA. ---- Le gerarchie cattoliche, gli intellettuali italiani e l’apologia del populismo. Baget Bozzo chiarisce il "senso" del progetto dell’alleanza di "Forza Chiesa cattolica" e " Forza italia".

lundi 28 juillet 2008

L’ANNO SANTO DEL 1975

Il tema del presente anno santo è “riconciliazione e rinnovamento”. Ma più che qualsiasi “rinnovamento” spirituale, degno di nota è stato il rinnovamento dei legami politici. Continuarono a intensificarsi gli sforzi per “portare la Chiesa a una più stretta relazione con le nazioni comuniste del mondo, in un completo voltafaccia rispetto agli anni della guerra fredda”, osserva U.S. News & World Report. Al principio del 1974 questo “voltafaccia” politico provocò l’imbarazzante allontanamento, chiesto dai comunisti, dell’ostile cardinale Mindszenty dal suo posto in Ungheria. E ora il Vaticano può nominarvi solo ecclesiastici favorevoli alla “pace” approvati dai comunisti. Potete immaginare che Cristo consultasse Cesare per fargli approvare la sua scelta degli apostoli ?

Questa tendenza è pure rispecchiata dal fatto che i comunisti Vietnam del Nord e Germania Orientale furono inclusi per la prima volta nell’elenco dei delegati ufficiali della Santa Sede al Sinodo dei Vescovi tenuto nel 1974 a Roma. Trinh Van Can, arcivescovo di Hanoi, disse al Sinodo dei vescovi che “i fedeli cattolici [del suo paese] danno un ammirevole esempio di attaccamento alla Chiesa”.

Ma allorché papa Paolo aprì ufficialmente l’anno santo del 1975, apparve pure il sorprendente titolo : “Il Vietnam del Nord onora i cattolici leali”. Per citare il dispaccio natalizio del servizio giornalistico del 1974 per Agence France-Presse dalla Diocesi di Phat Diem, nel Tonchino, nel corso degli anni “un crescente numero di giovani cattolici si è arruolato nelle forze armate”, divenendo perfino “eroi delle Forze Armate del Popolo”.

Pertanto, ancora una volta si ripete lo spettacolo di cattolico che uccide cattolico nella lotta politica, anche durante un anno santo ! Ma la maggioranza delle chiese non ha forse mostrato sempre analoga prontezza a favorire le nazioni politiche per la propria preservazione ? Ma come considera Dio quelli che si fanno amici del mondo a spese dei princìpi cristiani ?

Ebbene, come chiamate le donne che mostrano esteriore attaccamento al marito ma che poi si danno a chiunque capiti ? La Bibbia dice che Dio richiede esclusiva devozione, per cui descrive tali persone definendole “infedeli come mogli adultere”. La Bibbia continua : “Non vi rendete conto che farvi amici del mondo significa farvi nemici di Dio ? Chi sceglie il mondo come suo amico si rende nemico di Dio”. - Giac. 4:4, La Bibbia di Gerusalemme cattolica (ediz. inglese).

C’è dunque da meravigliarsi se Dio non ha esaudito le preghiere dell’anno santo per ‘la riconciliazione e il rinnovamento’ spirituale ? Invece, nel 1974 i cattolici italiani inflissero anche alla Chiesa una sbalorditiva sconfitta nel referendum sul divorzio, referendum che la Chiesa stessa aveva sollecitato ! E secondo una notizia dell’Economist di Londra, si calcola che l’anno scorso 65.000 cattolici della Germania Occidentale posero fine al loro obbligo di pagare la tassa ecclesiastica annullando la propria associazione. Questo significa una diminuzione del 20 per cento superiore a quella del 1973, e “quest’anno le cifre salgono nettamente”.

Intanto, nel 1975 il Vaticano ha già rimproverato pubblicamente il famoso teologo svizzero Hans Küng, che mantiene il suo atteggiamento di sfida. Il Vaticano ha pure ordinato alla Conferenza delle Organizzazioni Cattoliche Internazionali di distruggere un recente libro su problemi demografici pubblicato con la loro autorizzazione.

È questo un segno di “riconciliazione e rinnovamento” spirituale ? O lo spirito non è meglio descritto da un articolo di fondo sull’anno santo pubblicato nella rivista cattolica Commonweal : “Pare che nei discorsi pubblici Paolo VI si senta costretto ad avvertire di continuo il suo popolo riguardo a innominati dissidenti . . . e così egli si presenta inevitabilmente come un angosciato seccatore anziché come fonte di forza e speranza”. - 3 gennaio 1975, pag. 283.

Ma la nostra fonte di forza e speranza deve forse dipendere da un uomo o da qualche avvenimento “santo” annunciato dalla chiesa ? Lasciamo la risposta a queste parole citate dalla versione cattolica de La Bibbia di Gerusalemme : Ora che “siete stati conosciuti [da Dio], come potete rivolgervi di nuovo a quei deboli e miserabili elementi . . . ? Voi infatti osservate giorni, mesi, stagioni e anni ! Temo per voi che io mi sia affaticato invano a vostro riguardo”. - Gal. 4:8-11.

Nessun anno di esteriore devozione può esser chiamato santo agli occhi di Dio finché esiste questo mondo malvagio. Solo Lui potrà recare un tempo di santità per tutto il genere umano allorché, come promette la Bibbia, “il primo cielo e la prima terra [saranno] passati”. Allora, sulla promessa “terra nuova”, non un anno solo, ma l’eternità sarà santa o sacra perché “Dio stesso sarà con essi, e tergerà ogni lagrima dai loro occhi e la morte non sarà più, né lutto né grido né dolore saranno più”. - Apoc. 21:1, 3, 4, versione cattolica a cura di mons. S. Garofalo.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :