Inviare un messaggio

In risposta a:
ITALIA, 25 LUGLIO 2008. GOLPE DI SOLE ESTIVO E STATO DI EMERGENZA ROM-ANA...

GLI APPRENDISTI STREGONI DEL GOVERNO DI "FORZA ITALIA" E LA SALUTE DEL PRESIDENTE DELL’ ***ITALIA***, ***GIORGIO NAPOLITANO***. Una domanda di Beppe Grillo - a cura di pfls

Giorgio Napolitano rappresenta l’Italia. La sua salute non è un fatto privato. La salute - prosegue Grillo - può essere l’unica giustificazione del suo comportamento.
sabato 26 luglio 2008 di Maria Paola Falchinelli
COSTRUTTORI DI DEMOCRAZIA. CARO PRESIDENTE NAPOLITANO IO VOGLIO INIZIARE L’ANNO SCOLASTICO CON IL "QUADERNO DELLA COSTITUZIONE" E CON IL GRIDO DI "FORZA ITALIA". LA PREGO FACCIA CHIAREZZA, SUBITO.
CONDANNA DEL PD: HA SUPERATO IL LIMITE.
IL GOVERNO ACCUSA: IMPAZZIMENTO DELLA REALTA’
Grillo attacca Napolitano:
"Vorrei sapere se è malato"
TORINO.
«Giorgio Napolitano è in apparente buona salute, ma ricordando il suo passato, non trovano giustificazioni le sue prese di posizione e le (...)

In risposta a:

> GLI APPRENDISTI STREGONI DEL GOVERNO DI "FORZA ITALIA" ---- «Stupore e rammarico»: lo stop del Quirinale. Il Colle allarmato per la decisione di estendere il provvedimento a tutto il territorio.

sabato 26 luglio 2008

«Stupore e rammarico»: lo stop del Quirinale

Il Colle allarmato per la decisione di estendere il provvedimento a tutto il territorio

Il comunicato di Palazzo Chigi - l’inattesa decisione del Consiglio dei ministri di estendere all’intero territorio nazionale la dichiarazione di stato di emergenza per l’afflusso di cittadini extracomunitari - ieri ha suscitato le forti preoccupazioni del Colle. «Stupore e rammarico» la reazione che già nel primo pomeriggio è trapelata dal Quirinale per i modi e i contenuti del provvedimento che tocca temi molto sensibili. Come appunto le «procedure accelerate per la gestione dei nuovi centri di accoglienza» - come l’ha spiegata il Capo Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione Mario Morcone - cuore del provvedimento dell’esecutivo.

E ieri tutti i livelli istituzionali sono stati «scossi» dalla mossa voluta da Maroni, che infatti ha dovuto nel pomeriggio convocare un’apposita conferenza stampa evidentemente per spegnere l’incendio che rischiava di divampare.

Il presidente Fini costretto a chiedere formalmente al governo di riferire al Parlamento perentoriamente entro martedì. Contatti febbrili, un vero e proprio caso. Il titolare del Viminale con le spalle al muro costretto a telefonare direttamente a Napolitano per spiegare, spiegarsi. Ammettendo poi proprio nell’incontro co i giornalisti di aver duvuto inviare tutta la documentazione al Presidente.

Al Colle in particolare - soprattutto tenendo presenti tutti i precedenti in materia, compresi quelli relativi ai decreti adottati dal governo Prodi nel 2007 e nel 2008 - ieri è stata rilevata in particolare la diversità delle interpretazioni date per spiegare il repentino ritorno alla estensione a tutto il territorio nazionale dello stato di emergenza.

Ancora una volta la presidenza della Repubblica ha richiamato in modo fermo quei «paletti» formali - e dunque sostanziali - su cui il presidente non smette di vigilare. Come accaduto sulla questione sicurezza e sulla giustizia.

* l’Unità, 26.07.2008


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: