Warning: include_ecrire(ecrire/data/inc_meta_cache.php3) [function.include-ecrire]: failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lavocedifiore.org/home/SPIP/ecrire/inc_version.php3 on line 354

Warning: include_ecrire() [function.include]: Failed opening 'ecrire/data/inc_meta_cache.php3' for inclusion (include_path='.:/php4/lib/php/') in /web/htdocs/www.lavocedifiore.org/home/SPIP/ecrire/inc_version.php3 on line 354
[La Voce di Fiore] Inviare un messaggio

Inviare un messaggio

In risposta a:
Cinema e Filosofia. "Il pensiero ha le ali e niente può impedirgli di volare" (Averroè).

Yussef Chahine (Yūsuf Shāhīn). Il grande regista di "Il Destino" ("Al Massir") è morto. Per l’Egitto e non solo una "voce della libertà". Una nota di Giorgio Gosetti - a cura di Federico La Sala

domenica 27 luglio 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] Il nome di Youssef Chahine è di quelli che il cinema mondiale conosce da tempo ma che il pubblico italiano ha scoperto solo nella piena maturità di un regista che oggi l’Egitto e il Medio Oriente piangono come la loro "voce della liberta", di certo il più grande cineasta cresciuto negli ultimi 80 anni sull’altra sponda del Mediterraneo. Era nato ad Alessandria d’Egitto il 25 gennaio del 1926, si considerava cittadino del mondo e francese d’adozione ma alla sua terra è sempre rimasto (...)

In risposta a:

> Yussef Chahine. Il grande regista di "Il Destino" ("Al Massir") ---- Una carovana di libri. La cultura araba alla fine dell’Alto Medio Evo (di Duilio Contin).

domenica 10 gennaio 2016

Una carovana di libri

La cultura araba alla fine dell’Alto Medio Evo.

di DUILIO CONTIN (Wall Street International, Cultura, 30 OTT 2012)

La straordinaria cultura araba ha avuto nel decimo secolo, nel momento della fine dell’Alto Medio Evo, uno strenuo conservatore in Abdul Kassem Ismael, illuminato visir di Persia (938-995): si narra che per preservare la sua immensa biblioteca di 117.000 libri, la portasse sempre con sé nei suoi viaggi, trasportata da 400 cammelli che si muovevano in fila, in ordine alfabetico, contrassegnati dalle 32 lettere dell’alfabeto persiano. Questo immenso tesoro era composto di testi scientifici, in particolare di geometria, matematica, astronomia, fisica, scienze naturali, medicina e testi letterari.

Siamo nel secolo di illuminati scienziati come Al-Asma’i di Bassora, botanico e zoologo, di Ahmad ibn Fadlan di Baghdad, storico e viaggiatore, di Ibn Durayd di Bassora, geografo e poeta, di Ibrahin Ibn Sinnan di Baghdad, matematico e astronomo, e di Al Kindi di Kufa, filosofo, matematico e crittografo: questi sono soltanto un piccolo esempio a fronte del gran numero di studiosi che partecipavano allo sviluppo culturale del mondo arabo e che, pur attingendo dalla cultura greca e occidentale, si perfezionava grazie al patrimonio della tradizione e alla fertile attività delle scuole di pensiero. Forse il medico persiano Ibn Sinā Avicenna è l’esempio più noto ed eloquente dell’importanza di questi studiosi.

Nell’undicesimo e dodicesimo secolo si moltiplicarono gli scritti scientifici e letterari, talvolta riccamente e splendidamente illustrati. Le pagine testuali dei libri importanti erano arricchite dalle grandi lettere in carattere kufico, veri capolavori di grafica. Le miniature a vivaci colori rendevano la lettura più interessante e il manoscritto diventava un oggetto prezioso, molto spesso dedicato ai potenti.

Un esempio importante è il Kitâb al-Diryâq, chiamato il libro della Teriaca di Parigi in quanto conservato alla Biblioteca Nazionale di Francia: il testo arabo di medicina più bello del XII secolo. Trentasei carte miniate con caratteri e decorazioni in lamine d’oro in foglia, con colorazioni tanto splendide da suscitar meraviglia a ogni pagina. Vi sono rappresentati nove eruditi medici della tradizione greca che esercitano la loro arte curando con la teriaca, l’elettuario composto da cento elementi di origine vegetale, animale e minerale.

L’autore, il dotto scriba Muhammad ibn Abi al Fath, dichiara di averlo preparato nell’anno 1199 (anno 595 dell’Egira) per la tesoreria di un ricco erudito, forse per una biblioteca molto prestigiosa. Un testo importante dal punto di vista storico-scientifico perché nomina le spezie coltivate nel mondo arabo e perché, seppur presentandole con una fitografia minima, è di aiuto all’identificazione delle piante stesse.

In collaborazione con www.abocamuseum.it

Duilio Contin, friulano, nato nel 1949, è direttore della Bibliotheca Antiqua di Aboca Museum di Sansepolcro. Laureato in Conservazione dei Beni Culturali, si occupa di Beni artistici e librari, frequentando assiduamente le più importanti collezioni europee nell’ambito dell’attività di ricerca per conto di Enti pubblici e privati. Profilo completo


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: