Poster un message

En réponse à :
TURCHIA. Pace in patria, pace nel mondo...

MESSA AL BANDO DEL PARTITO DEL PREMIER. OGGI L’ALTA CORTE DECIDE. Il partito islamico di Erdogan a rischio chiusura. Note sullo scenario turco di Marco Ansaldo - a cura di pfls

lundi 28 juillet 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] Questa mattina infatti l’Alta Corte di Ankara comincerà a valutare, mentre le prime pagine dei quotidiani hanno già titoli di scatola sulla strage di Istanbul, la chiusura del partito islamico moderato, al potere con successo dal 2002. La compagine di Erdogan, il primo ministro che ha saputo in buona parte spogliarsi delle vesti tradizionaliste avviando il paese sulla strada delle riforme, rischia di chiudere i battenti. L’accusa della magistratura, secondo diversi osservatori mossa (...)

En réponse à :

> MESSA AL BANDO DEL PARTITO DEL PREMIER. OGGI L’ALTA CORTE DECIDE. --- La settimana in cui la magistratura turca potrebbe dichiarare fuori legge il partito di governo insieme al premier Recep Tayyip Erdogan e il presidente Abdullah Gul si è aperta con un doppio attentato a Istanbul, nel quartiere popolare di Gungoren, nella parte europea della città, il cui bilancio è di 17 morti e oltre 150 feriti, di cui una cinquantina ancora ricoverati.

lundi 28 juillet 2008

Istanbul, il governo accusa il Pkk. Governatore prudente *

La settimana in cui la magistratura turca potrebbe dichiarare fuori legge il partito di governo insieme al premier Recep Tayyip Erdogan e il presidente Abdullah Gul si è aperta con un doppio attentato a Istanbul, nel quartiere popolare di Gungoren, nella parte europea della città, il cui bilancio è di 17 morti e oltre 150 feriti, di cui una cinquantina ancora ricoverati.

Mentre fioccano le condanne e gli attestati di solidarietà internazionali, i media e l’opposizione laica accusano i terroristi curdi del Pkk. Ma le autorità rimangono più prudenti. « Sembra esserci un legame i separatisti. Ci stiamo lavorando, speriamo di avere dei riscontri il prima possibile », ha dichiarato alla stampa il governatore della città, Muammer Guler.

Erdogan, arrivato da Ankara dopo aver cancellato una riunione del Consiglio dei ministri, ha lanciato un appello all’unità nazionale. « Oggi è il giorno dell’unità nazionale - ha detto - ancora oggi ci troviamo di fronte al terrore. Sono 30-35 anni che la Turchia si oppone al terrore. Non posso fare politica da questi microfoni. Non si può fare politica davanti ai morti e al sangue. Questo voglio dire. Oggi dobbiamo essere uniti ».

Secondo la Cnn turca, che cita fonti della polizia, le indagini stanno puntando proprio sul Pkk, il Partito dei lavoratori del Kurdistan nel maggio 2007 rivendicò un attacco suicida in una via commerciale di Ankara che provocò 7 morti. Secondo i giornali locali, l’esplosivo usato domenica sera è dello stesso tipo.

« Massacro di civili del Pkk », titola quindi il quotidiano liberale Hurriyet. Il leader del partito d’opposizione laicista Chp, il Partito repubblicano del Popolo, Deniz Baykal, conferma : « anche le autorità pensano che ci sia dietro il Pkk », ha dichiarato. Da parte sua il capo dell’esercito, il generale Yasar Buyukanit, ha espresso « profondo cordoglio per questo attacco codardo contro cittadini innocenti » e ha « maledetto con odio » i responsabili.

Un altro quotidiano liberale del Paese, Milliyet, sostiene che la polizia ha arrestato tre minorenni, tra i 16 e i 17 anni, sulla base delle segnalazioni dei residenti del quartiere Gungoren, colpito dalle esplosioni di domenica sera. I tre sono stati trovati nello scantinato di un appartamento, e hanno sostenuto di essersi nascosti lì per ripararsi. Ma Guler non ha confermato le indiscrezioni del giornale.

Secondo la ricostruzione fornita dalle autorità, gli attentatori hanno fatto scoppiare una piccola bomba per attrarre la curiosità della gente, per poi detonare una seconda esplosione molto più potente, responsabile della maggior parte delle vittime. « Prima hanno fatto scoppiare una bomba a percussione per attrarre l’attenzione. Poi, 10 minuti dopo, in un altro cestino, hanno fatto scoppiare una bomba a frammentazione », ha spiegato il vicepremier Hayati Yazici. Guler ha dichiarato che tra le 17 vittime ci sono cinque bambini, tra cui una ragazza di 12 anni colpita in pieno cuore dalle schegge. Il quotidiano Hurriyet ha reso noto che fra le vittime c’è anche una donna che aveva quasi completato la sua gravidanza.

La strage ha suscitato un coro di condanna da parte della comunità internazionale. « In questi momenti difficili la Turchia può contare sul sostegno dell’Unione europea », ha dichiarato il Rappresentante Ue per la politica estera Javier Solana. Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha espresso « la più ferma condanna » degli attentati e ha ribadito l’appoggio dell’Italia alla candidatura della Turchia all’Unione europea. Analoghi attestati di solidarietà con Ankara sono arrivati dalla Nato, dalla Commissione europea e dal Consiglio d’Europa.

Le bombe di Istanbul accrescono il momento delicato della Turchia. Proprio lunedì la Corte costituzionale ha cominciato a deliberare sulla possibile messa al bando dell’Akp, il partito islamico-moderato al potere dal 2002 in cui militano Erdogan e Gul, che innescherebbe una nuova crisi politica e porterebbe probabilmente il Paese a nuove elezioni anticipate.

Venerdì invece la magistratura turca ha deciso l’avvio del processo il 20 ottobre contro 86 persone legate a Ergenekon, la "Gladio turca" accusata di voler organizzare un colpo di Stato contro il governo di Erdogan.

* l’Unità, Pubblicato il : 28.07.08, Modificato il : 28.07.08 alle ore 15.43


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :