Poster un message

En réponse à :
Editoriale

I violenti, i capelloni, i demolitori dell’antimafia. In una denuncia forte, Benny Calasanzio descrive un fronte che non contratta

jeudi 14 août 2008 par Emiliano Morrone
Già pubblicato sul sito di Benny Calasanzio
Brutti, sporchi e cattivi. Vendicativi, senza cuore, giustizialisti. Di parte, giacobini e sanguinari. Cui loro preferiscono il volto dolce, quello istituzionale, quello pacato dell’antimafia per bene, con le scarpe e i vestiti puliti, quelli dell’"armiamoci e partite". Quelli che questo non si può fare e questo non si può dire perchè non ci compete. Quelli che rimangono in silenzio quando tutti si aspettano parole decise, fulimi e saette. Loro (...)

En réponse à :

Da parte di Bruno Contrada

mardi 19 août 2008

Gentili Benny ed Emiliano, Bruno Contrada mi ha fatto pervenire la sua mail di risposta a Benny, con preghiera di pubblicarla. Lui è diposto a rispondere ad ogni domanda che gli porrete, purchè ne pubblichiate anche la risposta. In questa mail rende anche pubblico il suo indirizzo di posta, affinchè chiunque voglia scrivergli può farlo. Vi saluto cordialmente e vi ringrazio dell’ospitalità Agnesina Pozzi

Bruno Contrada : "Mi riferisco al suo scritto, sul mio sito "www brunocontrada.info", del marzo c.a. Ritengo che sia opportuno e giusto che lei si ponga e ponga domande su vicende giudiziarie che vanno al di là del singolo individuo, che ne è il protagonista o la vittima, ma che interessano tutto il Popolo Italiano, in nome del quale sono emesse le sentenze. Quindi, lei, da cittadino italiano, ha il diritto di sapere e giudicare. Però, per conoscere ed esprimere poi giudizi, positivi o negativi che siano, è necessario non limitarsi alla lettura e all’ascolto dei resoconti e notizie della stampa e della televisione, che talvolta sono corretti e aderenti alla verità, ma spesso insufficienti, lacunosi, fuorvianti, mistificatori, tendenziosi o addirittura falsi e calunniosi. Non è sufficiente neppure leggere soltanto le sentenze perché, come il brocardo latino ci ricorda :

" res iudicata facit de albo nigrum, originem creat, aequat quadrata rotundis, naturalia sanguinis vincula et falsum in verum mutat,,, »

E’ utile, inoltre, riflettere su queste parole di Anatole France : " Il diritto è la più efficace scuola della fantasia." Mai poeta ha interpretato così liberamente come un giurista la realtà. E’ un insignito del premio Nobel (1921) che dice queste cose ! Lei, nella lettera a me indirizzata sul blog, mi esorta a dire la verità. Ebbene, io le dirò che sono più di quindici anni che la verità viene detta, conclamata, gridata, accertata e consacrata in migliaia e migliaia di pagine di atti processuali (verbali di udienze, testimonianze a difesa e d’accusa, requisitorie e arringhe difensive, memorie, documenti d’archivio, motivi di appello e ricorsi, ordinanze, SENTENZE etc..). Tra queste ultime, cioè sentenze, ce n’è una che conclude :"L’imputato è assolto perchè il fatto non sussiste". Sempre, in nome del Popolo Italiano. La esorto, quindi, (questa volta sono io a farlo) a documentarsi, conoscere, e poi formulare il suo giudizio, che non sia frutto di suggestione o pregiudizio. Gli atti dei processi definiti sono pubblici ; chiunque può prenderne visione. Se ha domande specifiche da pormi, dubbi, perplessità o altro, può anche scrivermi : Carcere Militare di S.Maria Capua Vetere (CE) via del Lavoro 202 - 81055 - Io le risponderò. La posta, sia in arrivo che in partenza, non è soggetta a censura. Può scrivermi, quindi, liberamente ed io altrettanto liberamente le risponderò. Del resto non c’è nulla di compromettente o di segreto da leggere o da scrivere. Tutto ciò che c’era da dire è stato detto in atti pubblici, cioè processuali. Sa perché le ho risposto ? Perché lei mi ha detto che ha poco più di vent’anni, che è siciliano e che la sua famiglia è stata vittima della mafia. I suoi interrogativi avranno risposta esauriente. La saluto cordialmente Bruno Contrada

P.S. Vuol dirmi che significa "RELATIVISMO", che mi addebita ?"


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :