Inviare un messaggio

In risposta a:
Opinione

L’antifascismo di Fini - di Michele Cagnazzo, scrittore antimafia

martedì 16 settembre 2008 di Emiliano Morrone
A questo punto dovrebbe apparir chiaro che, nel suo significato etico e politico, destra non è soltanto il contrario della sinistra, ma qualcosa di più. Ma perchè la cosa risulti ancor più evidente, nulla potrà forse meglio aiutarci che l’antica parabola del cane enunciata dallo stoico Crisippo.
Quando un cane insegue una lepre, nota Crisippo, se questa nel fuggire ha saltato un fosso, il cane, giunto al fosso, prima annusa a destra e, non avvertendone traccia, annusa a sinistra: se anche (...)

In risposta a:

> L’antifascismo di Fini - di Michele Cagnazzo, scrittore antimafia ---- Attenti al Cav post-fascista (di Bruno Gravagnuolo).

mercoledì 17 settembre 2008

Attenti al Cav post-fascista

di Bruno Gravagnuolo (l’Unità, 17.09.2008)

Salvate il soldato Fini. Ancora sulla svolta «antifascista» di Fini. Inequivoca, netta, s’è detto. E conferma plateale della giusta battaglia «antirevisionista» contro le ambivalenze di An. E contro tutti quelli che hanno sempre negato la centralità del fondamento antifascista di Costituzione e Repubblica: da Della Loggia, a Pera, a Pansa, etc. Ora anche Fini lo dice chiaro e tondo: valore positivo e costituzionale, l’antifascismo! Nondimeno Fini è un po’ solo, dentro e fuori An. E Berlusconi tace e parla d’altro: «siamo tutti democratici e questo basta». Lo ha ribadito nel corso del grottesco Porta a Porta di ieri l’altro. Con la Vezzali e Miss Italia «coccodè», e Vespa scambiato... per Fede. Dunque, insidia trasformista. Con il Cav post-fascista e anti-antifascista (vedi lodi a Balbo). La Russa e Alemanno (post?) fascisti. E Fini all’angolo, e devitalizzato, da liberal-conservatore. Salvate il soldato Fini? Sì, nel senso di insistere sul tema. Ma fino a un certo punto, perché l’uomo è flessibile e ambizioso. E potrebbe finire da sgabello premierale del Cav post-fascista al Quirinale. Per meriti antifascisti...

Attali adieu. Evviva! Qualche volta il... bene trionfa. La «Attali» alla romana è naufragata. E Amato ha deciso di dare forfait. Ora è vero che stavolta ex malo bonum: il motivo addotto è stata la rivalutazione di Alemanno del fascismo. Ma quella commissione papocchio non andava fatta a prescindere. Per motivi di decenza politica. Non si progettano, in commissione bypartisan, futuro e sviluppo di Roma. Con famosi e non, e un ex premier (post)socialista nominato da un sindaco An. Adesso se la facciano loro la «commissione». Con l’ex ministro di Fi. Non più alla romana ma alla napoletana. Alla San Marzano.

Balbo assassinato? Un lettore di Ravenna, Tommaso Pagnani, ci chiama, dopo aver letto un nostro pezzo su Italo Balbo. E ci dice: «Mio padre Salvatore era a Tobruk, il 6 giugno 1940. Vide con chiarezza i due aerei italiani che volavano basso e rientravano verso il porto. Avevano lo stemma del fascio dipinto e ben visibile, e solo uno dei due fu mitragliato: quello di Balbo». Interessante. E però Folco Quilici, figlio di una delle vittime con Balbo (era il suo uomo di fiducia) ha scritto Tobruk 1940 (Mondadori). Dove esclude il complotto, pur confermando l’idea del «Balbo anti-Mussolini». Ricerca puntigliosa. E attendibile.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: