Poster un message

En réponse à :
« Per fare crescere un bambino ci vuole un villaggio intero » (prov. africano).

EDUCARE - ALLA SOVRANITA’ !!! A ROVERETO UNA RIFLESSIONE E UNA DISCUSSIONE SUL MANIFESTO ELABORATO E PROPOSTO DA "EDUCA". Con la testimonianza di Michele Gesualdi, allievo di don Milani, e di suor Carolina Iavazzo, già collaboratrice di don Pino Puglisi - a cura di pfls

samedi 27 septembre 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] Parlare di questioni serie - è la scommessa di ’Educa’ - ma non nel modo serioso : con concretez­za e passione. Sulla scuola passerà da Barbiana a Bovalino la testi­monianza di Michele Gesualdi e suor Carolina Iavazzo sulla ’Let­tera’ di don Milani : « Ogni ragazzo perso è una sconfitta » . Qua­rant’anni dopo, la frase è ancora attuale ? « Come no ! ma non ne sia­mo consapevoli a sufficienza, an­che se la nostra scuola perde an­cora troppi ragazzi, circa il 20% nel biennio delle superiori (...)

En réponse à :

> EDUCARE - ALLA SOVRANITA’ !!! ---- Sarà il Sud a pagare il prezzo del "maestro unico" reintrodotto dalla Gelmini. 7.000 delle 14.000 cattedere da eliminare sono nel Meridione.

dimanche 28 septembre 2008


-  Con i criteri di calcolo del Piano programmatico del ministri
-  7.000 delle 14.000 cattedere da eliminare sono nel Meridione

-  Maestro unico, toccherà il Sud
-  il 50% dei tagli della Gelmini

-  di SALVO INTRAVAIA *

Sarà il Sud a pagare il prezzo del "maestro unico" reintrodotto dalla Gelmini. Negli ambienti politici e sindacali la voce circola da giorni e basta fare due conti per rendersi conto che, in effetti, usando gli stessi criteri di calcolo contenuti nel Piano programmatico messo a punto dal ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, e dal collega dell’Economia, Giulio Tremonti, saranno le regioni meridionali a rimetterci di più in termini di posti di lavoro e servizio scolastico.

Se, come è scritto nel Piano che taglierà 87.000 posti di lavoro in tre anni, il ridimensionamento colpirà le sole classi a tempo normale, il Sud dovrà dire addio a 7.000 delle 14.000 cattedre messe in conto dal governo : il 50 per cento. Nell’Italia centrale Toscana, Lazio, Umbria, Marche sacrificheranno sull’altare delle economie 2.250 cattedre e le sei regioni settentrionali 4.700 : un terzo dell’intero balzello.

Domani mattina, in aula alla Camera approda il decreto-legge 137, quello che ha reintrodotto il maestro unico e i deputati del Pd stanno affilando le armi.

"Il duo Tremonti-Gelmini - dichiara Alessandra Siragusa, deputato siciliano del Partito democratico - mira a distruggere la scuola del Sud : secondo i numeri in nostro possesso, in Sicilia e Campania il giochetto del maestro unico costerà 4 mila dei 14 mila posti che il governo intende tagliare. E a parte il taglio dei posti di lavoro la manovra determinerà una contrazione del servizio scolastico. Con 24 ore di lezione in sei giorni i bambini della scuola elementare uscirebbero ogni giorno alle 12.30 : non so se le famiglie sono a conoscenza di tutto questo".

Il dibattito parlamentare si annuncia lungo e acceso. "Presenterò tre emendamenti - aggiunge la parlamentare dell’opposizione - che mirano ad allungare il tempo scuola nelle zone in cui la dispersione scolastica è elevata e nelle realtà dove le carenze degli edifici scolastici non consente il tempo pieno".

Secondo i calcoli contenuti nel Piano-Gelmini il maestro unico colpirà soprattutto le 103 mila classi che in Italia funzionano a tempo normale (27 ore a settimana). Tempo normale alla scuola primaria che, per ragioni spesso legate a carenze strutturali determinate dalla mancanza di locali idonei per essere adibiti a refettori/mense, è parecchio diffuso al Sud e molto meno al Nord. Tanto per non restare sul vago, regioni come Lombardia, Piemonte e Emilia Romagna viaggiano con tassi di tempo prolungato (di 40 ore a settimana), che per stessa ammissione del ministro Gelmini non verranno "toccati", variabili tra il 45 e il 39 per cento. Sicilia e Campania sono attorno al 4 per cento.

* la Repubblica, 28 settembre 2008


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :