Inviare un messaggio

In risposta a:
"DIO NON E’ CATTOLICO" (Carlo Maria Martini). E L’AMORE (Deus CHARITAS est) NON E’ MAMMONA (Benedetto XVI, "Deus caritas est", 2006)!!!

DOPO L’"HUMANAE VITAE", NECESSARIO UN ALTRO PASSO AVANTI: UNA TELECAMERA TARGATA "VATICANO" NELLA CASA DEGLI SPOSI. NON CAPISCONO CHE LA CONTRACCEZIONE NEGA SCOPO ULTIMO MATRIMONIO!!! - a cura di pfls

LA "SACRA FAMIGLIA" DELLA GERARCHIA CATTOLICO-ROMANA E’ ZOPPA E CIECA: IL FIGLIO HA PRESO IL POSTO DEL PADRE "GIUSEPPE" E DELLO STESSO "PADRE NOSTRO" ... E CONTINUA A "GIRARE" IL SUO FILM PRE-ISTORICO PREFERITO, "IL PADRINO"!!!
venerdì 3 ottobre 2008 di Maria Paola Falchinelli
PAPA: CONTRACCEZIONE,
I CATTOLICI NON CI SEGUONO *
CITTA’ DEL VATICANO - I metodi contraccettivi che impediscono la procreazione di figli snaturano il senso ultimo del matrimonio: lo ha ribadito con forza oggi Benedetto XVI, in un messaggio inviato ad un congresso sui 40 anni dell’ Humanae Vitae (l’enciclica con cui Paolo VI proibì a pillola), in corso a Roma.
"La possibilità di procreare una nuova vita umana è inclusa nell’integrale donazione dei coniugi", ha spiegato papa Ratzinger. (...)

In risposta a:

> DOPO L’"HUMANAE VITAE", NECESSARIO UN ALTRO PASSO AVANTI: UNA TELECAMERA TARGATA "VATICANO" NELLA CASA DEGLI SPOSI. ---- Per combattere il dilatarsi dell’AIDS nelle zone più povere del pianeta, non ci sono molti mezzi, si deve educare ad una sessualità protetta, che diventa così anche contraccettiva (di Rosario Amico Roxas).

venerdì 3 ottobre 2008

Il Papa sferra l’attacco alla contraccezione: ma l’etica non è monopolio cattolico.

di Rosario Amico Roxas

Non credo utile rintuzzare le affermazioni del pontefice usando frasi del tipo "se ne infischiano"; l’argomento è serio, sia da un punto di vista religioso che laico.

Per combattere il dilatarsi dell’AIDS nelle zone più povere del pianeta, non ci sono molti mezzi, si deve educare ad una sessualità protetta, che diventa così anche contraccettiva.

In altre zone del pianeta la povertà ha acquistato dimensioni bibliche, mentre le famiglie continuano a fare figli e non certo per seguire i suggerimenti del pontefice.

Sarebbe utile, ed anche etico, distinguere ognuna di questa situazioni ed intervenire secondo le variabili del caso, che non sono variabili di ordine religioso, bensì antropologico e sociale. E’ un argomento che devono affrontare innanzitutto i sociologi e gli antropologi, meglio se ispirati da motivazioni etiche.

L’etica non è una strada a senso unico, ha, e deve avere, parecchie uscite per soddisfare le esigenze di una popolazione mondiale estremamente varia e complessa. Andare a predicare l’astensione sessuale nelle tribù aborigene per limitare le nascite o per evitare contagi infettivi, non rappresenta certamente la soluzione praticabile. Anche la religione cristiana deve sentire l’esigenza di capire, anche senza condividere; mentre spesso si adagia a condividere facendo finta di non aver capito, come ricevere con tutti gli onori, chi ha praticato e fatto praticare alla propria moglie, un aborto alla 28° settimana che anche il codice penale identifica come infanticidio.

Cominciamo a reclamare l’etica in questi casi che coinvolgono persone che avrebbero potuto benissimo sopportare il carico di un bambino "non sano" ma desideroso e bisognoso di amore, senza ipocrisie di comodo. Poi andiamo a vedere cosa accade, cercando di capire, senza la pretesa di interpretare, a proprio modo, quella che sarebbe la volontà di Dio.

Rosario Amico Roxas

*Il Dialogo, Venerdì, 03 ottobre 2008


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: