Inviare un messaggio

In risposta a:
La Costituzione, le regole del gioco, e il paradosso istituzionale del mentitore....

IL MINISTRO GELMINI A "QUESTA DOMENICA" INSISTE: DIFENDE IL MAESTRO UNICO E LANCIA L’IDEA DELLE SCUOLE-FONDAZIONI. Ma non chiarisce se secondo la Legge dei nostri Padri e delle nostre Madri Costituenti o secondo la Legge del signore di "Forza Italia" - a cura di pfls

domenica 5 ottobre 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] Il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, determinata e rilassata, ospite della trasmissione televisiva "Questa domenica" si è detta felice di potersi rivolgere, dagli schermi tv, direttamente alle famiglie e ha puntato l’indice sulla "cattiva informazione" che si sta facendo su alcune questioni come quella, appunto, dell’abolizione del team di insegnanti alla scuola elementare. A giustificazione del percorso deciso - tagliare e razionalizzare - il ministro ha ricordato il (...)

In risposta a:

> IL MINISTRO GELMINI A "QUESTA DOMENICA" INSISTE --- Il governo chiede la fiducia. Nel provvedimento il taglio degli insegnanti, il maestro unico il voto in condotta.I sindacati sono pronti allo sciopero generale.

lunedì 6 ottobre 2008


-  L’opposizione protesta per l’ennesima decisione di questo tipo del governo
-  Nel provvedimento il taglio degli insegnanti, il maestro unico il voto in condotta

-  Il governo chiede la fiducia
-  sul decreto Gelmini sulla scuola

I sindacati sono pronti allo sciopero generale *

ROMA - E alle ore 19 e 5 minuti arriva il voto di fiducia numero 5 in meno di quattro mesi di vita della XVI legislatura. Lo chiede il ministro per i rapporti con il Parlamento Elio Vito precisando che la richiesta nasce "solo da fatti tecnici e dall’ostruzionismo dell’opposizione non certo da divisioni all’interno della maggioranza".

C’è fretta. Il pacchetto Gelmini, dal maestro unico al grembiule fino al ritorno del voto in condotta scade il 31 ottobre. E con l’aria che tira, anche oggi davanti a Montecitorio centinaia di insegnanti hanno protestato alzando manifesti al ministro Mariastella Gelmini "Santa ignoranza" dopo i sit in del no-Gelmini day, non c’è alcuna possibilità che il decreto possa attraversare in tempo utile la discussione in commissione e nell’aula di Camera e Senato. Fiducia, quindi, come così spesso nella storia seppure breve di questa legislatura: così andò per l’Ici, per il pacchetto sicurezza con la norma sui processi, e per la Finanziaria.

Oltre alla fretta per motivi di calendario, bisogna anche ricordare che il pacchetto Gelmini ha creato non pochi mal di pancia nella maggioranza, tra i banchi della Lega soprattutto. Malumori che il governo ha subito provveduto a smentire.

Il maxiemendamento al decreto legge Gelmini è stato varato in mattinata dal Comitato dei Nove della commissione Cultura ma è approdato in aula solo alle sette di sera perchè sprovvisto della relazione tecnica che affronta la copertura economica.

Il presidente della Commissione Valentina Aprea si rammarica per il ricorso al voto di fiducia ("Non possiamo esprimere soddisfazione per una scelta del governo che interrompe il lavoro del parlamento") ma osserva che il nuovo testo "ricalca il provvedimento come è uscito dalla commissione cultura e recepisce il lavoro fatto in commissione Cultura e nelle altre commissioni che hanno ampliato e migliorato il testo". La democrazia, quindi, e l’attività parlamentare che ne è la diretta espressione, sono salve secondo pensiero e coscienza del presidente della Commissione.

Di opinione opposta l’opposizione. Durissimo il capogruppo del ps Antonello Soro: "Siamo indignati, quello che succede è gravissimo, si sta svuotando il Parlamento dalle sue funzioni. Le persone libere si chiedano chi è lo sfascista in questo paese". Maria Coscia (Pd) accusa la maggioranza di aver saputo, in questi mesi, "solo alzare muri anzichè cercare il dialogo". Lino Duilio, anche lui membro della Commissione per il Pd, dice chiaro che "la maggioranza confgerma gionro dopo giorno di voler ridurre il Parlamento ad una succursale acritica del governo".

Ancora più netto l’intervento di Antonio Di Pietro, leader dell’Italia dei Valori. "La Gelmini? Vende fumo - dice l’ex pm - anche a me piace vedere i ragazzi col grembiule piuttosto che con i piercing sull’ombelico, o i tatuaggi. Tutti sentiamo il bisogno di mettere ordine nella scuola, ma quella del governo è politica dell’apparenza, perchè di fatto il decreto sa solo fare tagli".

* la Repubblica, 6 ottobre 2008


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: