Poster un message

En réponse à :
EMERGENZA BALLISMO. UN CITTADINO RUBA IL NOME DI TUTTO UN POPOLO, NE FA LA BANDIERA DEL PROPRIO PARTITO PERSONALE E REALIZZA LA PIU’ DEVASTANTE BOLLA SPECULATIVA DELLA STORIA ITALIANA...

APARTHEID ITALICO. SCUOLA CON PONTE LEVATOIO E CLASSI SEPARATE PER IMMIGRATI. LA SCUOLA DELLA CORDATA "FORZA BERLUSCONI" E LA SCUOLA DELL’ITALIA E DEGLI STATI UNITI. Resoconto e intervento di Furio Colombo alla Camera dei Deputati - a cura di Federico La Sala

dimanche 19 octobre 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] « La Lega Nord Padania impegna il governo :
a rivedere il sistema di accesso degli studenti stranieri alla scuola di ogni ordine e grado, autorizzando il loro ingresso previo superamento di test e di specifiche prove di valutazione.
istituire classi ponte (classi separate, ndr) che consentano agli studenti stranieri che non superano le prove e i test sopra menzionati di frequentare cori di apprendimento della lingua italiana, propedeutiche (obbligatorie e separate, ndr) all’ingresso (...)

En réponse à :

> APARTHEID ITALICO. --- Per "Famiglia Cristiana", ’’siamo di fronte alla prima mozione razziale approvata dal governo’’... Negli anni Sessanta, quando bambini napoletani, calabresi o siciliani andavano a scuola a Novara, nessuno s’è sognato di metterli in una ’classe differenziale’ perché imparassero italiano, usi e tradizioni del Nord, né di far loro dei test d’ingresso !!!

mardi 21 octobre 2008

L’attacco nell’editoriale del numero in edicola questa settimana

Famiglia cristiana : ’’Classi ponte sono classi ghetto’’

Per il settimanale cattolico ’’siamo di fronte alla prima mozione razziale approvata dal governo’’. E poi : ’’La ’fantasia padana’ non ha più limiti, né pudore. Prima le impronte ai rom, poi il permesso a punti e i 200 euro per il rinnovo, poi l’impedimento dei ricongiungimenti familiari, e ora questo’’

Roma, 21 ott. (Adnkronos) - "Si dice ’classi ponte’, ma si legge ’classi ghetto’". Lo scrive ’Famiglia cristiana’ nell’editoriale pubblicato sul numero in edicola questa settimana. "La Lega -sottolinea il settimanale cattolico- cavalca l’onda e va all’arrembaggio dell’immigrato. La ’fantasia padana’ non ha più limiti, né pudore. Prima le impronte ai rom, poi il permesso a punti e i 200 euro per il rinnovo, poi l’impedimento dei ricongiungimenti familiari, e ora una mozione, avanzata a sera tardi in Parlamento, per le classi differenziali, col pretesto di insegnare l’italiano agli stranieri. Il problema dell’inserimento degli stranieri a scuola è reale, ma le risposte sono ’criptorazziste’, non di integrazione". "Chi pensa a uno ’sviluppo separato’ in Italia, sappia - prosegue il giornale dei paolini - che quel concetto in altra lingua si chiama ’apartheid’, andata in scena in Sudafrica per molti anni : autobus, cinema e scuole separati. La questione dell’italiano è solo una scusa. Tutti sanno che le cosiddette ’classi di inserimento’ non sono efficaci. I risultati migliori si ottengono con classi ordinarie e con ore settimanali di insegnamento della lingua. In Italia questo, in parte, avviene. Lo prevedono le ’Linee guida’ (2006) dell’allora ministro Moratti per l’accoglienza degli alunni immigrati, approvate anche dalla Lega.

C’è un progetto che prevede un finanziamento di 5 milioni di euro per insegnare tre diversi livelli di lingua italiana. Il Governo potrebbe rispolverarlo e far cadere (per amor di patria) la prima ’mozione razziale’ approvata dal Parlamento italiano".

"La mozione, poi, va letta fino in fondo. Prevede -ricorda ancora il settimanale cattolico- che i bambini immigrati, oltre alla lingua italiana, debbano apprendere il ’rispetto di tradizioni territoriali e regionali’, della ’diversità’ morale e della cultura religiosa del Paese accogliente’, il ’sostegno alla vita democratica’ e la ’comprensione dei diritti e dei doveri’. Qualcuno sa dire come spiegarlo a un bambino di 5-6 anni, che deve ancora apprendere l’italiano ? Se l’integrazione è un bene (tutti la vogliono), dev’essere interattiva. E allora, perché non insegniamo agli alunni italiani il rispetto delle ’tradizioni territoriali e regionali’ degli immigrati ? "Si dice ’classi ponte’, ma si legge ’classi ghetto’. Negli anni Sessanta, quando bambini napoletani, calabresi o siciliani andavano a scuola a Novara, nessuno s’è sognato di metterli in una ’classe differenziale’ perché imparassero italiano, usi e tradizioni del Nord, né di far loro dei test d’ingresso. Perché ora -conclude ’Famiglia cristiana’- ci pensa il novarese Cota ?"


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :