Inviare un messaggio

In risposta a:
LA COSTITUZIONE, LE REGOLE DEL GIOCO, E IL FUORI-GIOCO DEL MENTITORE ISTITUZIONALE, CHE GRIDA "FORZA ITALIA" E RIDE, RIDE.... ...

OGGI TUTTA LA SCUOLA IN PIAZZA. SCIOPERO GENERALE: UNA GRANDE LEZIONE SULLA DIGNITA’ E SUL FUTURO DELL’ITALIA. A cura di Federico La Sala

COSTITUZIONE (ART. 87): IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E’ IL CAPO DELLO STATO E RAPPRESENTA L’UNITA’ NAZIONALE..... L’ ITALIA!!!!
giovedì 30 ottobre 2008 di Maria Paola Falchinelli
PASSATO "DECRETO GELMINI", IL DECRETO DEL PARTITO "FORZA ITALIA". UNA CATASTROFE PER L’ITALIA INTERA. LA PROTESTA CONTINUA: REFERENDUM SUBITO.
COSTITUZIONE ED EDUCAZIONE CIVICA. LA LEZIONE DI GAETANO FILANGIERI, IL PARTITO DI "FORZA ITALIA" E IL COLPO DI STATO DI SILVIO BERLUSCONI
Scuola, la protesta continua,
oggi sciopero e manifestazione
Il giorno dopo l’approvazione al Senato del decreto Gelmini, proseguono le proteste e le mobilitazioni in tutta Italia. Oggi sciopero generale e (...)

In risposta a:

> OGGI TUTTA LA SCUOLA IN PIAZZA. SCIOPERO GENERALE: UNA GRANDE LEZIONE SULLA DIGNITA’ E SUL FUTURO DELL’ITALIA. ---- Il presidente della Repubblica Napolitano: Mi auguro ancora e ritengo possibile che la forza delle cose faccia maturare un clima di reciproco ascolto, di attenzione, senza rigiditÓ preclusive, le rispettive ragioni e proposte.

giovedì 30 ottobre 2008

Intervenendo al Quirinale per la cerimonia di consegna delle insegne ai nuovi Cavalieri del Lavoro

Napolitano: ’’Parola ’dialogo’ risulta troppo logorata e vaga. Preoccupazione per rischi recessione’’

Nuovo appello del presidente della Repubblica che, per il suo ’appunto’, prende spunto dalla necessitÓ ribadita, a proposito delle misure per fronteggiare l’attuale crisi finanziaria, di "scelte che dovrebbero scaturire da un confronto aperto ponderato e costruttivo tra le forze politiche e tra le forze sociali’’

Roma, 30 ott. (Adnkronos/Ign) - "Da tempo ho abbandonato una parola che risulta troppo logorata e vana, come ’dialogo’... ". Da questa sottolineatura, fuori testo, emerge l’amarezza del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano(nella foto) per i tentativi da parte del Quirinale risultati finora vani di esortare le forze politiche di governo e di opposizione a dialogare per ricercare soluzioni condivise.

Il capo dello Stato prende lo spunto per questo suo "appunto" ai partiti - intervenendo nel Salone dei Corazzieri in occasione della cerimonia di consegna delle insegne ai nuovi Cavalieri del Lavoro - dalla necessitÓ ribadita, a proposito delle misure per fronteggiare l’attuale crisi finanziaria, di "scelte che dovrebbero scaturire da un confronto aperto ponderato e costruttivo tra le forze politiche e tra le forze sociali’’. ’’Ho confidato che tale confronto si potesse avviare dopo le elezioni dello scorso aprile: i fatti - lamenta Napolitano - non hanno confortato questa aspettativa. Mi auguro ancora e ritengo possibile che la forza delle cose faccia maturare un clima di reciproco ascolto, di attenzione, senza rigiditÓ preclusive, le rispettive ragioni e proposte".

Napolitano non nasconde la preoccupazione avvertita, in Italia e in Europa, dei rischi di recessione. Ed esorta a "guardare alle opportunitÓ che ci offrono soprattutto le economie emergenti. Mi riferisco -ricorda- ad economie da anni in forte e addirittura impetuosa ascesa, che si pu˛ prevedere reagiscano meglio, pur risentendone anch’esse, alle conseguenze del disordine finanziario mondiale originato dalla crisi americana e ai rischi di recessione".

Allo stesso tempo il capo dello Stato si dice fiducioso che "da parte di quanti hanno responsabilitÓ di governo in vari ambiti nel nostro Paese, si presterÓ attenzione e non si lesineranno sforzi, iniziative e risorse da destinare alla proiezione internazionale del nostro sistema di imprese e anche, in questo quadro, al settore della cooperazione allo sviluppo. Non occorre sottolineare quanto critico si sia fatto, rispetto ad un anno fa, il quadro globale in cui anche la nostra economia e i suoi pilastri, il mondo delle imprese e del lavoro, il risparmio e i consumi delle famiglie sono immersi".

In ogni caso, "ai vincoli giÓ molto stringenti posti alle politiche pubbliche e alle decisioni di bilancio dall’impegno e comunque dalla necessitÓ obiettiva, cui il nostro Paese deve rispondere, di riduzione costante se sensibile del debito pubblico, si Ŕ venuta aggiungendo l’ipoteca che, di fronte al divampare della crisi, non si poteva non accendere sulle risorse finanziarie dello Stato, per procedere a interventi di sostegno del sistema creditizio e anche delle imprese industriali in difficolta’".

Per Napolitano, "Ŕ stato anche essenziale muoversi in sintonia con l’Unione europea e segnatamente con l’Eurogruppo: guai se la spesso bistrattata Europa non avesse confermato e pi¨ fortemente espresso il suo insostituibile ruolo". Ora, "spetta alle nostre istituzioni nazionali compiere le difficili scelte che riguardano la distribuzione delle misure di contenimento della spesa pubblica corrente, la definizione di prioritÓ strategiche da osservare anche in questa fase di ristrettezze, se vogliamo mantenere aperte per l’Italia prospettive di pi¨ intensa ed equilibrata crescita economica e di maggiore coesione sociale".

Scelte che, esorta ancora una volta il presidente della Repubblica, "dovrebbero scaturire da un confronto aperto, ponderato e costruttivo tra le forze politiche e tra le forze sociali"


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: