Poster un message

En réponse à :
CIELO PURO E LIBERO MARE....

ETICA DELL’ATEISMO ?! AL DI LA’ DEI FONDAMENTALISMI LAICI E RELIGIOSI : UNA SECONDA RIVOLUZIONE COPERNICANA - di Federico La Sala

dimanche 2 novembre 2008 par Maria Paola Falchinelli
[...] L’"io voglio che Dio esista" di Kant - non dimentichiamolo - è da coniugare con la negazione della validità della “prova ontologica” e non ha nulla a che fare con tutti gli idealismi platonici o cartesiani ed hegeliani e marxisti, e porta alla conciliazione dell’"uno" con l’altro "uno" e di "Dio" con il mondo.
Ma, a questo punto, con Kant come con Dante (Gioacchino da Fiore e Marx e Nietzsche e Freud ed Enzo Paci), siamo al di là di Hegel e dell’imperialismo logico-romano (...)

En réponse à :

> ETICA DELL’ATEISMO ?! AL DI LA’ DEI FONDAMENTALISMI LAICI E RELIGIOSI --- « La democrazia è atea, imprescindibilmente ». Paolo Flores d’Arcais pianta la sua tesi al centro del libro « La democrazia ha bisogno di Dio » (di Marco Ventura - Quant’è astratta la democrazia atea)

lundi 7 octobre 2013

Quant’è astratta la democrazia atea

Flores d’Arcais vuole relegare i credenti in una condizione di minorità politica

di Marco Ventura (Corriere della Sera, 07.10.2013)

« La democrazia è atea, imprescindibilmente ». Paolo Flores d’Arcais pianta la sua tesi al centro del libro « La democrazia ha bisogno di Dio » Falso ! (Laterza). La sbatte in faccia ai tanti per i quali, da Tocqueville in poi, la democrazia non sta in piedi senza Dio. La democrazia di Flores d’Arcais è il regno dell’autonomia e dell’autosufficienza dell’uomo. Si fonda su un « ethos repubblicano » che è « potere-di-tutti-e-di-ciascuno ». È una società di « liberi/eguali » in cui valgono solo fatti, logica e razionalità ; una comunità « che si dà da sé la propria legge », dove il cittadino argomenta « sotto la propria responsabilità, con la propria testa, utilizzando i soli strumenti che lo rendono con-cittadino ».

Ne discende l’incompatibilità con la democrazia di fonti d’ispirazione superiori, « dogmatica volontà irrelata », sovranità divina alternativa a quella umana. Se vuole stare nella dinamica democratica, non resta al credente che abbandonare ogni pretesa di dedurre norme direttamente o indirettamente dalla propria fede. Dio può sopravvivere alla democrazia, secondo l’autore, solo accettando l’« esilio dorato nella sfera privata della coscienza » e ingiungendo ai suoi rappresentanti in terra di non interferire col governo repubblicano. Dio, infatti, non può che dividere la società e drammatizzare i conflitti ; producendo una « ghettizzazione reciproca di stampo iper-feudale, cuius religio eius lex », oppure una « guerra civile di religione, per imporre come legge, erga omnes, la volontà del proprio Dio ».

Giacché sempre di questo si tratta, scrive il filosofo : di ammantare della Maestà di Dio le proprie « ubbie, frustrazioni e altri spurghi dei fondali psichici ». I tentativi di sostenere il contrario, per Flores d’Arcais, sono fallaci ; o peggio, pericolosi. Vengono dall’intransigenza cattolica di Wojtyla e Ratzinger, dal cripto islamismo di Tariq Ramadan ; soprattutto, dai « democratici stanchi di lottare », come l’« agnostico » Habermas. L’ambizione di legittimare Dio nella sfera pubblica è invariabilmente, per l’autore, « mero revival di tradizionalismo teocratico », rinuncia all’autodeterminazione, « atavico richiamo di nostalgia gregaria stratificata nella più antica materia grigia, pronto a riemergere con prepotenza non appena vacilli la speranza ».

Nella logica repubblicana, il credente è « civicamente minus habens perché incapace di interiorizzare autonomamente la scelta pro-democrazia e in grado di riconoscerla solo affidandosi » all’autorità religiosa di riferimento. Se vuole integrarsi nel sistema democratico, egli deve pertanto appendere Dio all’attaccapanni, come fa lo scienziato prima di entrare in laboratorio : uscendo così dalla propria « condizione permanente di minorità ».

L’alternativa dell’autore, la democrazia « priva di fondamenti », sembra a sua volta una fede, prodotta dalla medesima immaginazione che partorisce Allah o Shiva. Flores d’Arcais afferma invece che la sua è « una ideologia » sopra le parti, che « fa corpo unico con la democrazia », un « habitus psicologico e morale » che non ha pretesa di universalità, agli antipodi delle tante divinità che soggiogano l’uomo.

Il limite della proposta di Flores d’Arcais sta nel suo dualismo. Nella divisione del mondo in due emisferi : i credenti da una parte ; i non credenti dall’altra. E nel destino inevitabile di ciascun universo : il credente dovrà liberarsi negando l’Altro da sé con cui si relaziona ; mentre spetterà al non credente respingere la tentazione di contemplare alcunché oltre la « nuda identità astratta » della cittadinanza.

Si tratta di un dualismo potente, radicato, i cui argini sono tuttavia rotti ogni giorno dalle correnti della realtà. Credenti e non credenti si mischiano. Fedi religiose e fedi secolari si confondono. Gli dei si moltiplicano. In seno alla stessa comunità, spesso all’interno della stessa persona. Chi è emancipato ? Chi responsabile ? Chi capace di decidere « con la propria testa » ? È succube o consapevole la ragazza francese che porta il velo ? È emancipato o schiavo il redentorista che langue in una cella cinese ? È cittadino o fedele l’ateo che idolatra Wall Street ? Le categorie « credente » e « non credente » fotografano solo in piccola parte la realtà. Lo stesso autore deve issarsi sopra la fenomenologia del credere, costruendo un’astrazione che funzioni a prescindere, un ideale che si sottrae al giudizio della realtà.

La provocazione di Flores d’Arcais non è per questo meno stimolante : sfida il credente a dimostrarsi libero e il non credente a onorare il sogno dell’autore ; riposa su un’esigenza di emancipazione, di non « indifferenza etica », che innesca una competizione virtuosa. Potrebbe mettere fuori gioco i credenti, l’autore, nella pagina finale, quando condanna l’« illusione che un Altro ci possa salvare in luogo del nostro impegno, della faticosa passione di essere cittadini ». È invece una conclusione che abbracceranno molti credenti non inquadrabili nella categoria di chi ha privatizzato Dio per farsi cittadino. Perciò può servirci, la democrazia atea di Flores d’Arcais, per mettere in discussione schieramenti e ideologie. Ma non ci è utile per capire e governare un mondo che centrifuga credenti e non credenti, scompigliando ogni fede. Se prescindono da questa realtà, non ci servono né la democrazia atea, né quella religiosa.


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :