Inviare un messaggio

In risposta a:
PIANETA TERRA...

AFRICA IN GUERRA. REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO, MASSIMA EMERGENZA. Nel Nord Kivu, al confine con il Rwanda, ormai gli sfollati sono quasi due milioni - a cura di Federico La Sala

"Nessuno può restare indifferente dinanzi ai drammatici fatti che stanno accadendo nel Congo"(Veltroni).
domenica 2 novembre 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] Il Congo non può essere lasciato solo. L’est della Repubblica democratica del Congo è teatro da diverse settimane di un tragico conflitto, residuo del genocidio di un milione di tutsi e hutu nel 1994, in Ruanda. La guerra civile si è scatenata fra i ribelli del Congresso nazionale per la difesa del popolo (Cndp) guidati dal generale dissidente Laurent Nkunda, che affermano di agire per difendere la comunità tutsi, e le forze governative congolesi, accusate di collaborare coi miliziani (...)

In risposta a:

> AFRICA IN GUERRA. REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO, MASSIMA EMERGENZA. --- 2 milioni di sfollati. I ribelli: il governo tratti con noi.

lunedì 3 novembre 2008

Congo: 2 milioni di sfollati. I ribelli: il governo tratti con noi *

L’esodo dei profughi continua incessante nel Nord Kivu (Congo). Mancano il cibo, l’acqua, le medicine, un qualsiasi riparo. Il primo convoglio di aiuti umanitari delle Nazioni Unite e delle Ong (Organizzazioni non governative) si muoverà solo in giornata, la speranza è che riesca a raggiungere Rutshuru, la città occupata dai ribelli congolesi nell’est della Repubblica democratica del Congo (Rdc, ex Zaire). Porterà una prima assistenza d’emergenza nella zona maggiormente devastata dai combattimenti tra l’esercito regolare e i miliziani del Consiglio nazionale per la difesa del popolo di Laurent Nkunda, l’ex generale che capeggia la ribellione.

Se il corridoio umanitario annunciato dall’Onu sarà rispettato, questi saranno i primi aiuti ai profughi e il primo segnale concreto della tenuta del cessate il fuoco. La crisi umanitaria, insieme ai negoziati politici per mettere uno stop alla guerra civile che infiamma l’est del Congo, sono le priorità su cui le diplomazie europea ed internazionale si stanno concentrando. Il ministro degli esteri britannico David Miliband ha dichiarato che «più di 1,6 milioni di sfollati» nella parte orientale del Congo sono «presi in trappola» e senza possibilità di accesso agli aiuti umanitari. Miliband era a Kinshasa e si trova nella capitale economica della Tanzania, Dar es Salaam, con il ministro degli esteri francese Bernard Kouchner: entrambi riferiranno ai colleghi europei, alla riunione informale del consiglio esteri a Marsiglia. «C’è una minaccia di epidemie e di diffusa denutrizione nella zona», ha riferito il ministro britannico.

Il capo dei ribelli congolesi Laurent Nkunda, intervistato da un gruppo di giornalisti nel suo feudo di Kichanga, ha detto di volere dei negoziati diretti con il governo di Kinshasa, minacciando in caso contrario di «cacciarlo dal potere». «Vogliamo un negoziato diretto con il governo - ha detto Nkunda -. Attendo una risposta. È una loro scelta rifiutare il negoziato con noi. Ma noi li spingeremo a questi negoziati, altrimenti, li cacceremo dal potere». La roccaforte dei ribelli di Kichanga si trova a 80 chilometri a nordovest della capitale Goma. «Siamo già entrati a Goma - ha detto Nkunda -. Le mie truppe infiltrate mercoledì erano all’aeroporto. Ho detto loro di ritirarsi perchè ho visto la sofferenza dei miei fratelli di Goma, alimentata dall’esercito congolese che fugge dallo scontro».

Negli ultimi giorni i combattimenti si sono ridotti notevolmente, ma continuano le vessazioni di ogni tipo sui civili inermi. Contro di loro si scatenano i ribelli, i soldati governativi, gli sbandati di entrambi le parti, che hanno costretto centinaia di migliaia di persone ad abbandonare i loro villaggi, quasi sempre dati alle fiamme, senza sapere dove sia possibile trovare un rifugio.

* l’Unità, Pubblicato il: 03.11.08, Modificato il: 03.11.08 alle ore 9.58


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: