Inviare un messaggio

In risposta a:
EV-ANGELO = BUONA NOVELLA. DIO E’ AMORE (Charitas) non MAMMONA (Benedetto XVI, "Deus CARITAS est", 2006) ED "EU-*CARESTIA*"!!!

MONSIGNOR RAVASI, MA NON E’ POSSIBILE FARE CHIAREZZA? SI TRATTA DELLA PAROLA FONDANTE E DISTINTIVA DELLA FEDE CRISTIANA!!! DIO E’ AMORE ("Charitas") O MAMMONA ("Caritas")?! - Una nota di Federico La Sala

Ha dimenticato l’esortazione di Papa Wojtyla ("Se mi sbalio, mi corigerete")?!
mercoledì 5 novembre 2008 di Maria Paola Falchinelli
IL NOME DI DIO, SENZA GRAZIA ("CHARIS")! L’ERRORE FILOLOGICO E TEOLOGICO DI PAPA BENEDETTO XVI, NEL TITOLO DELLA SUA PRIMA ENCICLICA. Nel nome della "Tradizione"
KANT E SAN PAOLO. COME IL BUON GIUDIZIO ("SECUNDA PETRI") VIENE (E VENNE) RIDOTTO IN STATO DI MINORITA’ DAL GIUDIZIO FALSO E BUGIARDO ("SECUNDA PAULI").


CHARISSIMI, NOLITE OMNI SPIRITUI CREDERE (...)
DEUS CHARITAS EST
(1Gv 4. 1-8). (...)

In risposta a:

> MONSIGNOR RAVASI, MA NON E’ POSSIBILE FARE CHIAREZZA? ---- Non è “MEGLIO UN UOMO SENZA BENI CHE DEI BENI SENZA UN UOMO!”?! (di Gianfranco Ravasi - dal "Breviario Laico")

lunedì 18 gennaio 2010

“MEGLIO UN UOMO SENZA BENI CHE DEI BENI SENZA UN UOMO!”

A CURA DI CARLO CASTELLINI

“Quando il denaro bussa, Le porte si spalancano....dio regna nei cieli, il denaro sulla terra!”. L’antico aneddoto del consiglio di temistocle ateniese. *

Un ateniese si recò da TEMISTOCLE per un consiglio:”Devo maritare una figlia e devo scegliere tra due pretendenti: uno ricco ma stupido e l’altro onesto e intelligente ma povero”. E TEMISTOCLE:”Meglio un uomo senza beni che dei beni senza un uomo!”. (ANTICO ANEDDOTO).

In verità, ERODOTO riferendosi a questo generale e statista ateniese del VI-V secolo a. C. ci ha lasciato il ritratto caustico di un personaggio avido e ambizioso. A esaltarlo, invece, ci penserà TUCIDIDE, l’altro grande storico greco, e così TEMISTOCLE, diverrà soggetto di parabole esemplari come quella che abbiamo citato. La lezione ha una sua validità anche ai nostri giorni, non ostante non sia più esplicita l’idea del “buon partito” per avere un matrimonio soddisfacente.

Basti infatti pensare alla fatuità con cui si aspira a diventare “VELINE” per impalmare un calciatore e, più genericamente, alla superficialità con cui si approda alle nozze, sulla base di un’esteriorità inconsistente, senza un incontro di coscienze, di esperienze di sentimenti profondi e autentici.

Ma l’apologo ha un valore più generale. Purtroppo da sempre, nella storia L’UOMO SENZA BENI, ma bravo è svantaggiato e penalizzato rispetto a chi è ricco solo per il suo conto in banca e non certo per il suo pensare e agire.

La sapienza popolare si è adattata e ha coniato una serie di proverbi che potrebbero essere l’ideale commento alla parabola citata. Dalla GERMANIA:”QUANDO IL DENARO BUSSA, LE PORTE SI SPALANCANO.........DIO REGNA NEI CIELI, IL DENARO SULLA TERRA”.

DALLA RUSSIA:”QUANDO PARLA IL DENARO, LA VERITA’ TACE”. DALLA CINA:”COL DANARO SI FANNO PARLARE ANCHE I MORTI, SENZA DANARO NON SI FANNO TACERE NEPPURE I MUTI....”. “PERSINO I CIECHI SONO CAPACI DI VEDERE IL DENARO”.

(Dal Breviario Laico - di Gianfranco Ravasi). A CURA DI CARLO CASTELLINI.

* Il Dialogo, Lunedì 18 Gennaio, 2010 Ore: 17:18


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: