Inviare un messaggio

In risposta a:
EV-ANGELO = BUONA NOVELLA. DIO E’ AMORE (Charitas) non MAMMONA (Benedetto XVI, "Deus CARITAS est", 2006) ED "EU-*CARESTIA*"!!!

MONSIGNOR RAVASI, MA NON E’ POSSIBILE FARE CHIAREZZA? SI TRATTA DELLA PAROLA FONDANTE E DISTINTIVA DELLA FEDE CRISTIANA!!! DIO E’ AMORE ("Charitas") O MAMMONA ("Caritas")?! - Una nota di Federico La Sala

Ha dimenticato l’esortazione di Papa Wojtyla ("Se mi sbalio, mi corigerete")?!
mercoledì 5 novembre 2008 di Maria Paola Falchinelli
IL NOME DI DIO, SENZA GRAZIA ("CHARIS")! L’ERRORE FILOLOGICO E TEOLOGICO DI PAPA BENEDETTO XVI, NEL TITOLO DELLA SUA PRIMA ENCICLICA. Nel nome della "Tradizione"
KANT E SAN PAOLO. COME IL BUON GIUDIZIO ("SECUNDA PETRI") VIENE (E VENNE) RIDOTTO IN STATO DI MINORITA’ DAL GIUDIZIO FALSO E BUGIARDO ("SECUNDA PAULI").


CHARISSIMI, NOLITE OMNI SPIRITUI CREDERE (...)
DEUS CHARITAS EST
(1Gv 4. 1-8). (...)

In risposta a:

> MONSIGNOR RAVASI, MA NON E’ POSSIBILE FARE CHIAREZZA? ---- DIPLOMAZIA E VERITA’.

martedì 10 luglio 2012

Diplomazia e Verità

di Gianfranco Ravasi (Il Sole 24-Ore, 7 luglio 2012)

Tra i pregevoli e a tratti sorprendenti discorsi al Cortile dei Gentili del 26 giugno sul dinamico e inquieto rapporto tra diplomazia e verità, vorrei richiamarne uno in particolare: quello di Hassan Abouyoub, ambasciatore del Marocco presso il Quirinale.

Ciò che egli ha affermato, infatti, dischiude una ricca messe di ragionamenti e proiezioni sul mondo attuale. Riporto alcune brevissime citazioni: «quando si tratta qualcosa con trasparenza - ha detto Abouyoub - c’è progresso»; e ancora: «la negoziazione non ha risolto i problemi del mondo. [...] Lavorare nella cornice del segreto è lavorare fuori della democrazia. [...] Il mondo è cambiato [anche perché, ndr] gli attori non statali giocano un ruolo pari a quello degli Stati sovrani».

Abouyoub ha di fatto introdotto un’idea di superamento dei cosiddetti arcana imperii, che sono sì i segreti di Stato, ma anche un modo antico di intendere l’agire politico secondo ragion di Stato.

Tale superamento, certo, non è irresponsabile e indistinta pubblicità di ogni fatto e rapporto, ma è incidenza del pubblico nei processi collettivi. In altre parole, il pubblico innerva i processi istituzionali spingendoli, per così dire, a cambiare natura.

La parola greca alètheia, che traduce verità , significa letteralmente assenza di nascondimento, dunque, per esteso, assenza di segreto. Come si combina, dunque, la verità come disvelamento con la necessità di riservatezza propria delle pratiche del potere? É questo un tema delicatissimo e fin troppo spesso preso a pretesto per muovere accuse anche viscerali a strutture giuridicamente valide secondo Stato di diritto o, per quanto mi riguarda direttamente, nei confronti dell’azione della Santa Sede.

Ora, se si pensa che tali affermazioni giungono da un importante esponente del mondo mediterraneo a prevalenza religiosa musulmana e culturale araba, da un’area - peraltro - scossa da sussulti sociali stupefacenti che si usa racchiudere nell’espressione “primavera araba” (beninteso, il Marocco non direttamente, e non in modo così prorompente), ebbene, tali dichiarazioni, ponendo l’enfasi sui concetti di “democrazia” e “trasparenza” rappresentano una svolta notevole nel modo di intendere l’azione pratica politica nel contesto attuale e futuro. Quella dell’ambasciatore Abouyoub è, insomma, una lettura descrittiva, cioè sociologica, ma anche filosofico-politica, nel senso che traguarda un orizzonte direi anche teoretico di elaborazione culturale.

Nel mondo arabo-musulmano la religione riveste un ruolo eminente nella configurazione politica, così, essendo ogni religione intimamente relazionata al movimento del concetto di verità, ciò che ha dichiarato l’ambasciatore non rappresenta forse anche un formidabile invito all’Occidente a guardare bene in faccia il profondo cambiamento che oggi riguarda la partecipazione politica?

Così, nel tempo della crisi economico-finanziaria e della evoluzione delle potestà sovranazionali, non è infine un invito a definire una nuova cultura e pratica politica (non ideologica) fondata su un rinnovato rapporto tra politica e religione, dunque in sostanza su una nuova idea di laicità? È una cosa sulla quale dover riflettere pienamente, specie se si guarda alla situazione europea e al movimento delle etnie e delle culture e mentalità nel mondo globalizzato.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: