Inviare un messaggio

In risposta a:
UN GRANDE "VIAGGIO A SIRACUSA"!!! LA PIU’ GRANDE BOLLA SPECULATIVA DELLA STORIA POLITICA ITALIANA. COME UN CITTADINO RUBA IL NOME DI TUTTO UN POPOLO E SE NE FA LA BANDIERA DEL PROPRIO PERSONALE PARTITO...

L’AVVENTURA BERLUSCONIANA E’ FINITA. "FORZA ITALIA" HA VINTO LA SUA GUERRA CONTRO L’ITALIA E CONFLUISCE NEL "POPOLO DELLA LIBERTA’". Oggi l’ultimo consiglio nazionale - a cura di Federico La Sala

sabato 22 novembre 2008 di Maria Paola Falchinelli
[...] "Oggi lavoriamo a un partito che sarà un antidoto alla partitocrazia: poco ideologico ma pieno di idee, nel solco della tradizione popolare europea". Così il ministro degli Esteri Franco Frattini, appena giunto al consiglio nazionale di Fi che sancirà la confluenza del partito nel Pdl [...]
1994-2010: LA LUNGA E ’BRILLANTE’ CAMPAGNA DI GUERRA DEL CAVALIERE DI "FORZA ITALIA" CONTRO L’ITALIA.
Alcuni documenti per gli storici e i filosofi del presente e del futuro (...)

In risposta a:

> L’AVVENTURA BERLUSCONIANA E’ FINITA. ---- Berlusconi: "Di Pietro è uomo di violenza". Il leader Idv: "E’ il bue che dà del cornuto all’asino"

domenica 23 novembre 2008

Le elezioni in Abruzzo saranno un test nazionale"

Berlusconi: "Di Pietro è uomo di violenza". Il leader Idv: "E’ il bue che dà del cornuto all’asino"

Il premier attacca l’ex pm di Mani Pulite e sulle critiche alla Vigilanza Rai: "Quei signori non hanno senso del pudore". Mentre per quanto riguarda la misura anticrisi dell’iva di cassa assicura: "La presenteremo la prossima settimana al Consiglio dei Ministri"

Teramo, 22 nov. -(Adnkronos/Ign)- Scambio pesante di accuse tra Berlusconi e l’Idv. A far scoccare la scintilla sono state le critiche del premier oggi al Palasport di Teramo prima del comizio a sostegno del candidato del Pdl alle regionali in Abruzzo, Gianni Chiodi. "Quella tra il Pd e l’Italia dei Valori -ha detto- è un’alleanza da vecchia politica con Di Pietro che spadroneggia rispetto agli altri partiti che si inginocchiano. E’ un uomo di violenza, ed è il contrario di ciò che un politico dovrebbe essere e dovrebbe fare".

Immediata la replica di Di Pietro che accusa "Berlusconi di essere come il bue che dà del cornuto all’asino". "Se c’è qualcuno che si comporta da padrone -rincara l’ex pm- è proprio lui che non solo ha umiliato il Parlamento espropriandolo di tutti i suoi poteri, ma ha anche imbavagliato l’informazione, sia perché è da tempo proprietario di quella privata, sia perché -sottolinea il leader dell’Italia dei Valori- vuole appropriarsi di quella pubblica, tanto è vero che si è comprato anche Villari’’.

Questi signori non hanno senso del pudore, ma gli italiani hanno testa per saper giudicare". Silvio Berlusconi affronta lo spinoso tema della Vigilanza Rai, respingendo al mittente le critiche dell’Idv sulla gestione della vicenda Rai. Quando una giornalista gli chiede di replicare all’esponente dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando che ha parlato della Rai come "una stalla di Arcore", il Cavaliere taglia corto: "Questi signori non hanno pudore. L’altra domenica che ero libero e ho potuto vedere la televisione mi sono accorto che ben sei programmi mi prendevano in giro oltraggiandomi. Basta aprire la Rai e vedere. Ma gli italiani hanno testa per giudicare", insiste. Mentre a proposito della misura dell’iva di cassa assicura che "sarà nel pacchetto di misure anticrisi che presenteremo la prossima settimana al Consiglio dei ministri". "L’iva sarà pagata -sottolinea- solo quando si riceve il pagamento".

Il Cavaliere replica poi senza citarlo, al leader dei centristi Lorenzo Cesa che ha parlato di accordi elettorali stracciati.Il presidente del Consiglio non vuol sentire parlare di strappo con l’Udc, visto che, dice, "non esiste nessun patto". "E’ finito il tempo della politica politicante, delle convenienze locali, e degli accordi basati sulle clientele".

Per quanto riguarda invece le prossime elezioni in Abruzzo, Berlusconi sottolinea di avere particolarmente a cuore questo test elettorale. Non apprezza l’idea di uno slittamento della consultazione, prevista iun un primo tempo a fine novembre e ora fissata probabilmente per il 14 e 15 dicembre prossimo."Ho deciso di venire qui -ha detto- perché considero questo voto importante anche a livello nazionale. Con la mia presenza posso aiutare" a far vincere il centrodestra e a non "disperdere i voti", perché quelli dati a piccoli partiti come Udc e La Destra sono voti regalati alla sinistra. "Sono convinto -conclude il premier- che l’Abruzzo possa diventare il laboratorio politico per il centrodestra".


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: