Poster un message

En réponse à :
La Costituzione, le regole del gioco .... e il tradimento strutturale della fiducia.

PER L’ITALIA, IL NOME E LA GIUSTIZIA !!! RIPRISTINARE LA SOVRANITA’ DELLA LEGGE E RIDARE FIDUCIA E ORGOGLIO A TUTTO IL POPOLO ITALIANO - di Federico La Sala

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA NAPOLITANO RASSICURA IL PRESIDENTE DEL "POPOLO DELLA LIBERTA’", SILVIO BERLUSCONI. "LA COSTITUZIONE GARANTISCE IL GOVERNO" : "FORZA ITALIA" !!!
dimanche 20 décembre 2009 par Maria Paola Falchinelli
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA NAPOLITANO RASSICURA IL PRESIDENTE DEL "POPOLO DELLA LIBERTA’", SILVIO BERLUSCONI : "Bisogna guardare con ragionevolezza allo svolgimento di questa legislatura ancora nella fase iniziale, non si paventino complotti che la Costituzione e le sue regole rendono impraticabili contro un governo che goda della fiducia della maggioranza in Parlamento". Giorgio Napolitano pronuncia parole chiare sulle tensioni politiche che agitano l’Italia. Ricordando la funzione di (...)

En réponse à :

> PER L’ITALIA, IL NOME E LA GIUSTIZIA !!! RIPRISTINARE LA SOVRANITA’ DELLA LEGGE E RIDARE FIDUCIA E ORGOGLIO A TUTTO IL POPOLO ITALIANO ---- Caso De Magistris, il procuratore Apicella : « Ho la coscienza a posto »

samedi 6 décembre 2008

Caso De Magistris, il procuratore Apicella : « Ho la coscienza a posto »

« Quando si ha la coscienza tranquilla si Ŕ sereni ». Non ha esitazioni il procuratore di Salerno, Luigi Apicella, diretto a Roma dove sarÓ ascoltato dal Csm in merito alla decisione di effettuare il sequestro degli atti della vicenda de Magistris alla procura di Catanzaro. « Non abbiamo violato alcuna norma nÚ aperto alcun conflitto con la procura generale di Catanzaro, non contestando la competenza di quell’ufficio a trattare il procedimento "Why Not". Questa procura ha disposto il sequestro penale del fascicolo al solo fine di acquisire copia di atti in esso contenuti che, secondo elementi giÓ in nostro possesso, potevano essere rilevanti in ordine a reati contestati ai magistrati ».

La decisione di effettuare il sequestro dei documenti delle inchieste « Poseidon » e « Why Not » da parte della procura di Salerno « Ŕ stata fatta - spiega ancora Apicella - dopo tante inutili richieste di acquisizione. Quando c’Ŕ una inchiesta e ci sono atti che coinvolgevano magistrati dell’ufficio di Catanzaro quegli stessi magistrati erano tenuti secondo le norme processuali a trasmettere di loro iniziativa quegli atti al nostro ufficio che stava procedendo per ragioni di competenza funzionale giÓ prima delle richieste avanzate da in poi ». Il procuratore ha aggiunto poi che nel giugno scorso Ŕ andato personalmente negli uffici giudiziari di Catanzaro per acquisire copia degli atti delle inchieste, ma « sono tornato a Salerno a mani vuote ». Sarebbero state oltre sette le richieste fatte dalla procura della Repubblica di Salerno a Catanzaro.

Sulla vicenda sono cominciate intanto le audizioni al Csm dei vertici delle procure di Salerno e Catanzaro, protagoniste dello scontro. La prima commissione di Palazzo dei marescialli - competente sui trasferimenti d’ufficio per incompatibilitÓ ambientale e funzionale dei magistrati - ha ascoltato per circa un’ora e mezza il procuratore generale di Salerno Lucio Di Pietro e poi il pg di Catanzaro Enzo Jannelli.

Entrambi avevano fornito giÓ venerdý i primi chiarimenti sulla vicenda al procuratore generale della Cassazione Vitaliano Esposito, che insieme al ministro della Giustizia Alfano Ŕ titolare dell’azione disciplinare. Nel pomeriggio saranno ascoltati i presidenti delle Corti di appello di Salerno, Matteo Casale, e Catanzaro, Pietro Sirena, poi sarÓ la volta dei due procuratori Luigi Apicella e Antonio Lombardo. Le audizioni sono state decise venerdý in una riunione straordinaria, all’indomani dell’intervento del presidente Napolitano, che aveva stigmatizzato la guerra tra le procure.

E sullo scontro interviene anche il leader dell’Idv Antonio Di Pietro, che sottolinea come le competenze terrioriali debbano essere rispettate : « Su Salerno Ŕ competente la procura di Napoli, non quella di Catanzaro ». L’ex procuratore generale di Milano Gerardo D’Ambrosio esprime invece una « pessima opinione » sullo scontro in atto tra le procure di Salerno e Catanzaro, che definisce « abbastanza sconcertante ». Spiega che l’errore iniziale Ŕ stato l’avocazione dell’inchiesta Why not a De Magistris e ritiene « incredibile che si possa accusare il Csm »- che « funziona abbastanza bene »- di « abusi » nei confronti dell’ex pm di Catanzaro.

« ╚ vero che si deve indagare sui colleghi se ci sono dei forti indizi di reato, che per˛ poi si facciano queste operazione eclatanti con perquisizioni mi pare un fatto al di fuori del bene e del male - a proposito dello scontro - Ancora peggio poi la ritorsione con incriminazione per abuso. ╚ un qualcosa che lascia abbastanza perplessi ». Per il senatore del Pd « la cosa sbagliata iniziale Ŕ stata l’avocazione dell’inchiesta che aveva De Magistris : « Se c’Ŕ un magistrato che sta indagando lo si lascia lavorare. Poi, una volta che deposita gli atti, si fanno i controll ».

* l’UnitÓ, 06 Dic 2008


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :