Inviare un messaggio

In risposta a:
Dio amore (charitas - non caritas!!!)

ITALIA, "CATTOLICESIMO" E "LOGO". La Sala risponde a Laratta e compare un terreno minato con loghi comparati o sovrapposti che interessano il partito di Berlusconi e papa Ratzinger - di Federico La Sala

GESU’: "JE SUiS ... CHRETIEN" !!! Non ... "CRETIN"!!!
domenica 5 febbraio 2006 di Emiliano Morrone
Caro Direttore
apprezzo molto il discorso fatto da Franco Laratta: ma, ti prego, non confondiamo i livelli - e salviamo le differenze (e il mio discorso non affatto "l’altra campana")!!!
Che c’entra il messaggio ev-angelico con il discorso del capo assoluto di una SETTA, che si chiama - paradossalmente - "cattolica"?!!!
Che "Deus caritas est" lo dica Giovanni ["charitas"], come Ges, come Francesco, una cosa .... ma che lo dica il ’Faraone’, me lo concedi?, un’altra cosa!!! O (...)

In risposta a:

> La Sala risponde a Laratta e compare un terreno minato con loghi comparati o sovrapposti che interessano il partito di Berlusconi e papa Ratzinger - di Federico La Sala

lunedì 6 febbraio 2006

Caro Biasi ti ringrazio molto: vedo che apprezzi i miei interventi. In segno di stima, mi auguro che ti giunga gradito questo mio piccolo dono - un gioiello del grande bardo:

SHAKESPEARE, SONETTO 116

Non sar che al matrimonio di animi costanti io ponga impedimenti: non amore quell’amore che muta quando scopre mutamenti o tende a ritirarsi se l’altro si ritira.

Oh no, esso un faro per sempre fisso che guarda alle tempeste e mai ne scosso; la stella polare per ogni nave errante, e il suo volere resta ignoto, anche se l’altezza ne sia presa.

L’amore non lo zimbello del Tempo, anche se rosee labbra e guance cadono nel compasso della sua falce ricurva; l’amore non muta con le sue brevi ore e settimane, ma resiste fino all’orlo del Giudizio.

Se questo errore e mi sia provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato.

Testo Originale:

Let me not to the marriage of true minds Admit impediments. Love is not love Which alters when it alteration finds, Or bends with the remover to remove: O, no! it is an ever-fixed mark, That looks on tempests and is never shaken; It is the star to every wandering bark, Whose worth’s unknown, although his height be taken. Love’s not Time’s fool, though rosy lips and cheeks Within his bending sickle’s compass come; Love alters not with his brief hours and weeks, But bears it out even to the edge of doom. If this be error, and upon me proved, I never writ, nor no man ever loved.

* William Shakesperare, Sonetti, a cura di Alessandro Serpieri, Rizzoli, Milano 1991.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: