Inviare un messaggio

In risposta a:
IL MESSAGGIO EVANGELICO, LA COSTITUZIONE, E IL PARADOSSO ISTITUZIONALE DEL MENTITORE, ATEO E DEVOTO. COME LA "SACRA FAMIGLIA" DIVENNE ZOPPA E CIECA E IL FIGLIO PRESE IL POSTO DEL PADRE DI GESU’ E DEL "PADRE NOSTRO" E DIVENNE IL SANTO "PADRINO".... CON E ACCANTO A "MAMMASANTISSIMA".

LA QUESTIONE MORALE, QUELLA VERA - EPOCALE. AL GOVERNO DELLA CHIESA UN PAPA CHE PREDICA CHE GESU’ E’ IL FIGLIO DEL DIO "MAMMONA" ("Deus caritas est") E AL GOVERNO DELL’ **ITALIA** UN PRESIDENTE DI UN PARTITO (che si camuffa da "Presidente della Repubblica"), che canta "Forza Italia" con il suo "Popolo della libertà" (1994-2012). Questo è il nodo da sciogliere. Materiali sul tema - di Federico La Sala

martedì 19 febbraio 2019 di Maria Paola Falchinelli
VIVA L’ITALIA. LA QUESTIONE "CATTOLICA" E LO SPIRITO DEI NOSTRI PADRI E E DELLE NOSTRE MADRI COSTITUENTI. Per un ri-orientamento antropologico e teologico-politico.
PER L’ITALIA E PER LA COSTITUZIONE. CARO PRESIDENTE NAPOLITANO, CREDO CHE SIA ORA DI FARE CHIAREZZA. PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI ...
PER UNA NUOVA TEOLOGIA E PER UNA NUOVA CHIESA.
L’INDICAZIONE DI GIOVANNI XXIII E DI GIOVANNI PAOLO II: LA RESTITUZIONE DELL’ANELLO DEL PESCATORE A GIUSEPPE.
Il loro successore ha il cuore di (...)

In risposta a:

> LA QUESTIONE MORALE, QUELLA VERA - EPOCALE. --- «in nome del Papa»: Vatileaks, condannati Chaouqui e Balda. Prosciolti i giornalisti Nuzzi e Fittipaldi (di Virginia Piccolilllo)

venerdì 8 luglio 2016

Vatileaks, condannati Chaouqui e Balda.

Prosciolti i giornalisti Nuzzi e Fittipaldi

Dieci mesi alla pr (pena sospesa), 18 per il monsignore.

Applicato il motu proprio del Pontefice

di Virginia Piccolillo (Corriere della Sera, 08.07.2016)

ROMA È rimasto immobile, con il suo aspetto dimesso e rassegnato, anche mentre «in nome del Papa», il presidente del Tribunale pronunciava la sua condanna. La più dura. Un anno e mezzo. A meno di un ricorso in appello che, da indiscrezioni, non è intenzionato a proporre, monsignor Angel Lucio Vallejo Balda è uscito di scena così. Curvo sotto il peso di un processo che ha causato più clamore e amarezze che conseguenze giudiziarie.

Prosciolti i due giornalisti, Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi. E non solo per difetto di giurisdizione. «Rilevata la sussistenza, radicata e garantita dal diritto divino, della libertà di manifestazione del pensiero e della libertà della stampa nell’ordinamento giuridico vaticano» si legge nella sentenza, che cita il motu proprio del Papa. Ridimensionata, rispetto alle richieste, la condanna di Francesca Immacolata Chaouqui: dieci mesi di reclusione con pena sospesa per cinque anni. Solo per concorso in divulgazione. Niente più associazione a delinquere. Prosciolto anche Nicola Maio.

Una sentenza, quella firmata dal presidente Giuseppe Dalla Torre, e dai giudici Piero Antonio Bonnet, Paolo Papanti-Pelletier e Raffaele Ottaviano, accolta da molti commenti positivi. Incluso quello della Federazione della Stampa. Ma che porta con sé anche un dubbio: c’era davvero bisogno di questo processo?

In attesa delle motivazioni dell a sentenza, alle ragioni del «sì» ha dato voce Padre Lombardi. «Si doveva fare perché c’è una legge, per di più recente (2013), promulgata per contrastare le fughe di notizie. Non si possono dichiarare intenzioni e stabilire norme e non essere coerenti nel metterle in pratica» ha spiegato. Ricordando come sia stato smentito più volte che fosse un processo alla libertà di stampa ha aggiunto che si doveva «dimostrare la volontà di combattere con decisione le manifestazioni e le conseguenze scorrette delle tensioni e polemiche interne vaticane» che da un po’ di tempo si riflettono all’esterno con «indiscrezioni» o «documenti ai media» creando «un contesto ambiguo e conseguenze negative anche nell’opinione pubblica, che ha diritto a una informazione obiettiva e serena».

«Questa è una “malattia”, come direbbe Papa Francesco, da combattere con determinazione», rimarca padre Lombardi. E aggiunge: «Anche Benedetto XVI, pur non essendovi ancora la legge attuale, aveva ritenuto giusto che la giustizia “umana” facesse il suo corso nei confronti del suo maggiordomo fino alla sentenza».

Una precisazione che sembra fugare l’ipotesi, circolata ieri, che tra le richieste di condanna (quasi 4 anni per Chaouqui, 3 e un mese per Balda e 1 per Nuzzi) e la sentenza ci sia stato un intervento dall’alto.

Infine l’auspicio che «nonostante la tristezza che ogni reato e la conseguente vicenda processuale necessariamente causano, se ne possano trarre le conclusioni e le riflessioni utili per prevenire in futuro il ripetersi di situazioni e vicende simili». L’avviso ai «corvi» è stato dato. Ora basta.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: