Poster un message

En réponse à :
EPIFANIA A GAZA. Conto alla rovescia per attacco di terra...

"Gaza", "Israele" e "Palestina". Bush ed Ehud Barak, il ministro israeliano della guerra, continuano a "parlare" !!! E Barack Obama e Hillary Clinton continuano a tacere !!! Una nota di Mario Calabresi

Ehud Barak lo ha detto senza mezzi termini davanti alla Knesset : quella contro Hamas è una guerra all’ultimo sangue.
mardi 30 décembre 2008 par Federico La Sala
[...] Il presidente degli Stati Uniti George W. Bush, esprimendosi per la prima volta sulla crisi nella Striscia di Gaza, ha accusato Hamas di terrorismo e ha respinto l’ipotesi di una nuova tregua "unilaterale" che permetterebbe agli estremisti palestinesi di continuare i loro attacchi contro Israele. « Un altro cessate-il-fuoco unilaterale che condurrebbe a attacchi con i razzi contro Israele non è accettabile » ha dichiarato il presidente statunitense nel suo discorso radiofonico (...)

En réponse à :

> "Gaza", "Israele" e "Palestina". Bush ed Ehud Barak, il ministro israeliano della guerra, continuano a "parlare" !!! --- Obama e la questione mediorientale : il silenzio non è indifferenza, ma rispetto per la Costituzione.

mercredi 7 janvier 2009

« Pronto un mio piano per risolvere la situazione a lungo termine »

« Appena insediato agirò senza indugi »

Obama e la questione mediorientale : il silenzio non è indifferenza, ma rispetto per la Costituzione

MILANO - Il sostanziale silenzio del presidente eletto Barack Obama sulla questione mediorientale non è indifferenza, bensì rispetto della costituzione americana e del ruolo di George W. Bush che fino al prossimo 20 gennaio sarà alla guida della Casa Bianca e del governo americano. E’ stato lo stesso Obama a sottolinearlo nel corso di una conferenza stampa a Washington. - Obama ha ribadito il principio secondo il quale non possono coesistere « due diplomazie » nello stesso momento, anche in presenza di una crisi come quella di Gaza : « Il mio silenzio - ha puntualizzato - non significa indifferenza ».

« PROFONDAMENTE PREOCCUPATO » - Il presidente eletto Barack Obama inoltre ha ribadito di essere « profondamente preoccupato » per la situazione a Gaza. Obama ha aggiunto di « non poter fare altri commenti » finchè non sarà insediato alla Casa Bianca perchè gli Stati Uniti « possono avere solo un presidente alla volta ». « Non appena sarò presidente agirò immediatamente per affrontare la situazione in Medio Oriente non solo sul problema a breve termine ma anche su quelli a lungo termine », ha aggiunto Obama.

* Corriere della Sera, 07 gennaio 2009


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :