Inviare un messaggio

In risposta a:
L’avanguardia che innervosì il ’900...

IL FUTURISMO. VISTO CHE E’ IL CENTENARIO ... ALCUNE NOTE - di Bonito Oliva, Kandinsky, Gobetti, Perniola.

giovedì 15 gennaio 2009 di Federico La Sala
[...] I proclami di Marinetti si susseguono con intensità crescente, fino a inondare, con la tipica verve linguistica e lo spirito pungente che caratterizza la formazione, ogni aspetto del vivere civile e ogni forma di espressione artistica: dal romanzo al teatro, dalla poesia alla danza, dalla fotografia all’architettura, dal cinema alla moda, dalla radio al design, dalla tipografia alla musica, dalla cucina alla politica, al concetto di donna e quello di amore, approdando, in un documento (...)

In risposta a:

> IL FUTURISMO. VISTO CHE E’ IL CENTENARIO ... ALCUNE NOTE --- L’avanguardia che non c’è più. L’analisi di Zygmunt Bauman: è tramontata l’epoca della differenza tra cultura "alta" e "bassa"}

lunedì 19 gennaio 2009

L’avanguardia che non c’è più

Le élite nella società liquido-moderna

L’analisi del sociologo: è tramontata l’epoca della differenza tra cultura "alta" e "bassa"

-  I movimenti del ’900 avevano una missione: far aprire gli occhi su nuovi mondi
-  Per i "trend-setter" possono convivere l’iPod e il rugby accanto al balletto e il gotico vittoriano

-  Anticipiamo parte dell’articolo di che apre il prossimo numero del "Terzo Occhio" tutto dedicato al Novecento e al mito della modernità, col Futurismo in primo piano

di Zygmunt Bauman (la Repubblica, 19.01.2009)

I concetti di "being in a vanguard" (in inglese) o "en avant-garde" (in francese), coniati originariamente nel linguaggio e dalla pratica militare, e in seguito trapiantati, come metafora, in altri settori della vita, significano più di un mero "essere avanti" in prima linea, avanzati più lontano di quanto gli altri riescano a essere; implicano tracciare una nuova via, rendere transitabile una strada, prendere una testa di ponte che lo aprirebbe alla circolazione; in breve, suggeriscono di mostrare, di aprire e di liberare la strada affinché gli altri entrino e vadano avanti. Tutti questi suggerimenti e queste implicazioni si basano su un presupposto a volte esplicito a volte tacito: che ci siano alcuni "altri" (se lo sappiano già oppure se finora non ci avessero mai pensato) che dovrebbero essere desiderosi ed entusiasti di seguire, non appena l’avanguardia abbia terminato il suo lavoro preparatorio di ricognizione. (...)

Oltre al presupposto di preparare/liberare/mostrare il percorso, il concetto dell’"avanguardia" comporta la visione di un movimento in avanti - di progresso. Per queste due ragioni, i futuristi, gli impressionisti, i cubisti, i fauvisti, i surrealisti, i dadaisti, gli espressionisti astratti o no, e numerosi altri movimenti artistici degli eccitanti tempi inclini al futuristico, erano pienamente nei loro diritti quando hanno preso in prestito l’idea di avanguardia per descrivere la loro posizione e dichiarare i loro intenti. Per le stesse due ragioni, tuttavia, attribuire o adottare la metafora dell’"avanguardia" per descrivere o auto-definire delle novità artistiche ai nostri tempi, potrebbe solo voler dire rubare i meriti di qualcun altro, nella speranza che nel frattempo i ladri si approprino dei bei ricordi della gloria passata.

I movimenti avanguardisti di un tempo (più precisamente, dell’inizio e della metà del XX secolo - i periodi precedenti il passaggio dallo stato "solido" a quello "liquido") si consideravano al contempo plenipotenziari e veicoli, ma soprattutto unità avanzata del progresso con una missione cruciale da compiere: aiutare i loro simili a uscire dal rivestimento d’acciaio della tradizione stantia, esausta e sempre più sterile nel quale erano stati rinchiusi, e aprire i loro occhi su nuovi modi, finora inesplorati e ancora rifuggiti, non solo di comprendere l’arte, ma anche di stare nel mondo. (...)

E l’avanguardia credeva, come avrebbero dovuto credere quando il culto del progresso era ancora la religione ascendente e la fede nelle ferree leggi della storia non era ancora quasi mai stata interrogata, di avere la storia dalla sua parte. La storia andava avanti e indietro, e così facevano le arti, le truppe avanzate della cultura umana. Le vele della storia stavano aspettando che spirasse il vento dagli studi e dai laboratori d’arte. Più forte è questo vento, più veloce andrà la storia...

Niente di ciò che è stato detto sopra riguardo alle arti resta ancora vero nella nostra società liquido-moderna di consumatori.

Stephen Fry, un attore britannico popolarissimo sempre sul palcoscenico, al cinema e in televisione, rinomato per la sua arguzia e il suo talento di narratore, modello vivente dello stile di vita che gli aspiranti membri dell’élite artistico-culturale vorrebbero tanto abbracciare, è un ospite molto desiderato in qualsiasi salotto intellettuale londinese e in qualsiasi party che ambisca al rango di "favola della città", e un indirizzo molto ambito nella rubrica di qualsiasi network con una ragionevole pretesa di prestigio e di rilievo; in breve, una persona dall’enorme influenza sulle menti di qualsiasi cosa possa essere definita l’attuale "élite culturale". Nel cercare di spiegare il fenomenale successo del sito web Facebook, l’ottimo giornale British Sunday notava che "la folla" dei suoi utenti, insolitamente per i siti di social network, «includeva tantissimi tipi famosi» e suggeriva che ciò accadesse perché «in che altro modo potresti chiedere a Stephen Fry di diventare tuo amico?».

Stephen Fry, una celebrità rispettata da chiunque voglia essere qualcuno nel mondo degli intenditori delle ultime mode culturali, ha sentito la necessità di spiegare e giustificare ai lettori del Guardian perché sia accettabile per una persona come lui, acclamata come modello delle più raffinate e sublimi credenziali culturali, infilarsi una volta a settimana i panni di "fissato", dedicando la sua rubrica all’ultimo gingillo elettronico: congegni che si ritiene appartengano alla cultura "popolare" (in passato, in tempi felicemente ignari del "politicamente corretto", conosciuto come "cultura di massa") piuttosto che al suo superiore/detrattore alto o intellettuale (le denominazioni "alto" e "intellettuale" non sono più utilizzate nell’attuale gergo del politically correct, tranne che come insulto, con derisione e tra virgolette).

Fry comincia la sua dichiarazione con una confessione: «I dispositivi digitali scuotono il mio mondo. Questo potrebbe essere considerato da alcuni come una tragica ammissione. Non il balletto, l’opera, il mondo naturale, Stephen? Non la letteratura, il teatro o la politica mondiale?». E si affretta a prevenire le potenziali accuse: «Beh, la gente può andare matta per tutte le cose digitali e ancora leggere i libri, può andare all’opera e guardare una partita di cricket e richiedere i biglietti dei Led Zeppelin senza andare in frantumi (...). Ti piace la cucina tailandese? E che c’è che non va con quella italiana? Ehi, calma. Mi piacciono entrambi. Sì. Si può fare. Mi possono piacere il rugby e i musical di Stephen Sondeim; l’alto gotico-vittoriano e le installazioni di Damien Hirst. Herb Alpert e Tijuana Brass e i pezzi per pianoforte di Hindemith; gli inni inglesi e Richard Dawkins; le prime edizioni di Norman Douglas e l’iPod; il biliardo, le freccette e il balletto (...). (Una) passione per gli aggeggi non mi rende restio alla carta, alla pelle e al legno, ai Natali vecchio stile, ai film di Preston Sturges e le passeggiate in campagna».

Alcuni limiti sono ancora rispettati, e oltrepassarli è da incauti. In toto, comunque, questa pubblica confessione e dichiarazione supplica di essere letta come una decisa sfida al concetto di Pierre Bourdineau di "distinzione", come principale posta in gioco nella battaglia delle arti, concetto che ha governato e ottimizzato la nostra concezione delle arti e più generalmente della "cultura" durante gli ultimi tre decenni.

Stephen Fry ha la reputazione di essere un trend-setter, ma è anche il più attendibile portavoce (e la personificazione vivente) delle mode; ci si può fidare del fatto che parla non solo a nome suo, ma anche a nome dei centinaia di migliaia di militanti e dei milioni di aspiranti membri dell’"élite culturale" - persone che conoscono la differenza tra comme il faut e comme il ne faut pas, e che sono le prime a notare il momento in cui quella differenza diventa diversa da ciò che era un momento prima. E non ha sbagliato neanche questa volta. Secondo uno studio scritto da Andy McSmith e pubblicato nell’edizione on-line dell’Independent, autorevoli accademici riuniti nella più autorevole università - Oxford - hanno proclamato che «l’élite culturale non esiste».

A questo punto McSmith, cercando un titolo adeguatamente pungente e stimolate, non ha comunque trovato quello adatto: ciò che John Goldthorpe, uno dei più rispettati ricercatori di scienze sociali di Oxford, e la sua équipe di 13 ricercatori hanno dedotto dai dati raccolti nel Regno Unito, in Cile, in Ungheria, in Israele, nei Paesi Bassi e negli Stati Uniti, è che non si possono più trovare persone superiori che si distinguano da altre, a loro inferiori, andando all’opera e ammirando qualsiasi cosa sia stata attualmente marchiata come "arti alte", mentre arricciano il naso con «qualsiasi cosa di volgare quanto i brani pop o la televisione generalista».

Il leopardo dell’élite culturale è molto vivo e graffiante, ha solo cambiato le sue macchie, che possono essere chiamate - da quando Richard A. Petersen della Vanderbilt University ha coniato nel 1992 la parola "onnivoracità" - opera e brani pop, "arti alte" e televisione generalista; un pezzetto da qui, un pezzetto da là; ora questo, ora quello. Come si è recentemente espresso Petersen: «Assistiamo a un cambiamento nella politica della classe elitaria, da quegli intellettuali che disdegnano snobisticamente tutta la cultura popolare bassa, plebea o di massa, a quegli intellettuali che consumano in modo onnivoro una vasta gamma di forme d’arte popolari oltre che intellettuali». (...)

La cultura liquido-moderna non ha "persone" da "coltivare", piuttosto dei clienti da sedurre. E diversamente dal suo predecessore "solido-moderno", non desidera più fare in modo, alla fine ma il prima possibile, di terminare il lavoro. Il suo lavoro consiste ora nel rendere la propria sopravvivenza permanente, rendendo temporali tutti gli aspetti della vita dei suoi vecchi pupilli, ora rinati come clienti.


Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Titolo:

Testo del messaggio:
(Per creare dei paragrafi separati, lascia semplicemente delle linee vuote)

Link ipertestuale (opzionale)
(Se il tuo messaggio si riferisce ad un articolo pubblicato sul Web o ad una pagina contenente maggiori informazioni, indica di seguito il titolo della pagina ed il suo indirizzo URL.)
Titolo:

URL:

Chi sei? (opzionale)
Nome (o pseudonimo):

Indirizzo email: