Poster un message

En réponse à :
LEZIONE DI CIVILTA’ : CAMMINARE SULLA STRADA DEL RISPETTO E DELLA PACE....

IL LANCIO DELLE SCARPE E LA TRACOTANZA DEL POTERE. A BAGDAD, IL GIORNALISTA MUNTAZAR AL ZAIDI CONDANNATO A TRE ANNI. Ma la sua lezione ha avuto grande successo. In Iran anche Mahmoud Ahmadinejad è stato obiettivo di un lancio di scarpe - a cura di pfls

"Questa sentenza non è in armonia con la legge, faremo ricorso" dice Dhiaa al-Saadi, a capo del gruppo di avvocati che difende il giornalista.
jeudi 12 mars 2009 par Federico La Sala
[...] Secondo ’Urumiye News’, a provocare il gesto di rabbia contro il presidente iraniano e’ stato il fatto che le auto del corteo hanno colpito un vecchio che cercava di avvicinarsi ad Ahmadinejad per consegnargli una lettera. Non e’ comunque la prima volta che Ahmadinejad deve fare i conti con quello che nella cultura islamica viene considerata il massimo dell’offesa : nel 2006 gli era stata gia’ tirata una scarpa durante una protesta all’universita’ Amir Kabir di Teheran [...] (...)

En réponse à :

> IL LANCIO DELLE SCARPE E LA TRACOTANZA DEL POTERE. ---- Lode alla scarpa ribelle e rivoluzionaria da Krushov all’Onda... Resto con Lei, caro Lodato, in fiduciosa attesa del poeta che giustamente, prima o poi, canterà le lodi della scarpa come monumento alla ribellione (di Andrea Camilleri e Saverio Lodato).

dimanche 22 mars 2009

Lo chef consiglia di Andrea Camilleri e Saverio Lodato

Lode alla scarpa ribelle e rivoluzionaria da Krushov all’Onda *

Camilleri, tutto iniziò a Baghdad, quando un audace giornalista iracheno, Montazer al-Zaidi, scagliò non una, ma tutte e due le scarpe, contro Bush. L’autore del gestaccio dovrà scontare tre anni di prigione, ma nella Storia è entrato con tutte e due le scarpe. Grazie a lui, nel mondo, la scarpa è diventata il simbolo di una democrazia - diciamo così - calzaturiera. Simboli analoghi : la stampella di Enrico Toti, o Brenno, capo dei Galli, che dà inizio al sacco di Roma non prima di aver tirato la barba a un anziano senatore. Si va a manifestare, l’Onda lo ha già fatto, con la scarpa in mano. O tempora, o mores ! Ce la scrive un’ode alla scarpa ?

La storia della scarpa come simbolo di protesta iniziò, se non vado errato, con Nikita allora numero 1 dell’Urss che se la tolse durante una drammatica seduta dell’Onu e cominciò a sbatterla furiosamente sul banco. Prosegue, sempre con Bush, quando il presidente degli Usa ordinò che le bare dei soldati morti in Iraq fossero sepolte quasi in modo clandestino per far credere agli americani che la guerra procedeva trionfalmente. Allora le madri e le mogli dei caduti allinearono per terra, lungo un marciapiede una fila interminabile di scarpe militari. E proprio in questi giorni gli studenti dell’ Università di Roma hanno reagito alle cariche della polizia con un nutrito lancio di scarpe. Le quali, secondo il delirio mentale del ministro Brunetta, sarebbero le pericolosissime armi chimiche dei guerriglieri. Credo che gettare la scarpa contro qualcuno, in segno di protesta, sia sostitutivo di un altro gesto che le circostanze impediscono di fare, e cioè di prendere a calci nel sedere quel qualcuno. Resto con Lei, caro Lodato, in fiduciosa attesa del poeta che giustamente, prima o poi, canterà le lodi della scarpa come monumento alla ribellione.

* l’Unità, 22.03.2009


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :