Poster un message

En réponse à :
Memoria della libertà....

A FREUD (Freiberg, 6 maggio 1856 - Londra, 23 settembre 1939), GLORIA ETERNA !!! IN DIFESA DELLA PSICOANALISI. Federico La Sala risponde a Dario Antiseri. E lo scontro piace. La loro dialettica è tutta da gustare - lo scritto è del prof. Federico La Sala

A seguire, i testi di riferimento
vendredi 16 mai 2008 par Emiliano Morrone
[...] "anche se il futuro riplasmerà o modificherà questo o quel risultato delle sue ricerche, mai più potranno essere messi a tacere gli interrogativi che Sigmund Freud ha posto all’umanità ; le sue scoperte scientifiche non si possono né negare, né occultare (...) e se mai alcuna impresa della nostra specie umana rimarrà indimenticabile, questa sarà proprio l’impresa di Sigmund Freud" (Thomas Mann) [...]
Costituzione dogmatica della chiesa "cattolica"... e costituzione dell’Impero del Sol (...)

En réponse à :

>“Sigmund Freud-Anna Freud 1904-1938”. --- Quella lunga storia d’amore tra Anna e Dorothy (di Delia Vaccarello).

mercredi 5 juin 2013

Anna Freud con il celebre padre

Quella lunga storia d’amore tra Anna e Dorothy

Il libro di Roberta Calandra sulla relazione tra la figlia di Freud e la sua amica

Oggi la presentazione

di Delia Vaccarello (l’Unità, 05.06.2013)

IN UNA CASA LONDINESE UNA DONNA ANZIANA MOLTO FAMOSA TRASCORRE LE SUE GIORNATE lottando con le forze che a poco a poco l’abbandonano. A riempire di « presente » le sue stanze saranno due ventenni con il loro carico di rabbie, dolori, segreti. Hanno bisogno di lei per trovarsi. Ad aiutarle sarà anche un’immagine. « A circa metà della sequenza scura di scaffali, troneggia una foto di Anna e Dorothy, ormai visibilmente anziane, entrambe vestite di chiaro e con un buffo cappello in testa ». Sono Anna Freud e la sua amica.

Narrando gli ultimi giorni di vita della celebre figlia del padre della psicanalisi, Roberta Calandra nel suo romanzo L’eredità di Anna Freud (edizioni Controluce) indaga la relazione di oltre mezzo secolo che la unì ad una donna e legge in questo rapporto un lascito, un messaggio per le nuove generazioni che ognuna raccoglie a modo proprio come segnala il successo a Cannes del film La vie d’Adele.

« Un giorno mi è capitato in mano un link ad un assurdo pamphlet che parlava delle “dieci lesbiche che hanno cambiato il mondo" e mischiava grossolanamente Cristina di Svezia, Maria Antonietta e Anna Freud. Sapere che Anna ha vissuto 54 anni con la sua migliore amica e che accanto a lei ha voluto essere sepolta mi ha toccato : il padre di tutte le nostre presunte idee di normalità e anormalità aveva una figlia che viveva comunque in una situazione così particolare ? Mi sono documentata e ho scoperto questa storia che ha risvolti commoventi e sorprendenti », dice l’autrice.

Il libro ripercorre la vita relazionale di Anna Freud, e lo fa attraverso il personaggio di una giovane studentessa di psicologia, Judith, tendente all’autolesionismo, a vivere l’amore come un assoluto, alla distruttività ma che con lucida determinazione vuole « salvarsi » e strappare ad Anna confidenze e racconti. Introducendosi con maniacale voracità nella vita di Anna, la studentessa altera l’equilibrio un po’ sonnolento che si era creato tra la psicoanalista e la giovane badante Sarah. Veniamo a sapere così che Sigmund Freud sostenne la relazione tra la figlia e Dorothy, arrivando a dire di Anna che con Dottie si era « sistemata ».

Ancora : « Ho scoperto che Freud faceva trattenere a Budapest in analisi da Ferenczi Robert, il marito pazzo di Dorothy poi morto suicida, per lasciare tranquilla sua figlia e l’amica » aggiunge Calandra. Eppure Anna Freud considerava “anormale” l’omosessualità : « Anna non era tenera con gli omosessuali e non voleva essere confusa con loro, io però credo, come cito in un passo, che ne disprezzava soprattutto il vittimismo e l’autocommiserazione. Ma la sua amicizia con Dottie, la gelosia verso l’unico tentativo di un interesse al maschile, la richiesta di condivisione di un’urna mi fanno pensare all’amore, forse sì asessuato, perché una delle chiavi di Anna mi appare la sublimazione ».

Il romanzo (sarà presentato oggi a Roma alle 19.30 alla Libreria del cinema in Trastevere) si muove tra realtà e finzione, ma resta fedele alla biografia di Anna, della quale Calandra ha già scritto traendone il monologo Anna Freud, un desiderio insaziabile di vacanze insignito del premio europeo Tragos. « Se per la storia di Anna mi rifaccio alle fonti, Judith e Sarah sono nate come contrappunto al tema del padre : Anna è stata molto dipendente da Sigmund Freud, Sarah ha un padre stupratore e Judith uno suicida : queste tre figlie dove si fanno ombra, dove si rispecchiano ? Mi piaceva suggerire che se Anna avesse avuto l’età di Judith negli anni 80 sarebbe stata simile a lei. E anche che una qualsiasi Judith può applicarsi e diventare Anna Freu »”, aggiunge l’autrice.

Il libro calamita dentro camere segrete : nella biblioteca e nello studio di Freud i misteri delle due giovani donne affiorano e spingono all’azione. Judith e Sarah, prima acerrime rivali si espongono a un contatto con le proprie parti oscure che trasformerà il loro rapporto.

L’autrice riesce a farcele « vedere » grazie a un uso felice dei dialoghi che offre a chi legge l’illusione di stare insieme a loro. Passando al monologo, Roberta Calandra sa restituire la voce interiore di ciascuna, nonché il carattere forte e insieme debole, per l’età, la malattia, le fragilità di sempre, di Anna Freud.

C’è in questa tensione sapientemente resa un desiderio profondo dell’autrice : « È prima di tutto una storia di maestro e discepolo ma declinata al femminile. Queste dimensioni vengono sempre descritte tra uomini. A me le professoresse che amavo hanno quasi salvato la vita ».


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :