Poster un message

En réponse à :
MESSICO, STATI UNITI : FEBBRE SUINA. OMS : IL VIRUS PUO’ DIVENTARE MOLTO PERICOLOSO... VERSO MASSIMO LIVELLO DI ALLARME.

PESTE SUINA. Una nuova variante sconosciuta del virus animale si starebbe trasmettendo da uomo a uomo mietendo vittime.

Allarme febbre suina. Domande e risposte : alcune informazioni utili agli abitanti delle zone colpite dal virus , a cura del Centro per la prevenzione.
lundi 27 avril 2009 par Federico La Sala
[...] Che cos’ è l’influenza suina ?
La “febbre suina” è un problema respiratorio tipico dei maiali causato da un tipo particolare di virus influenzale (tipo A). Episodi di questa malattia sono piuttosto frequenti tra i suini, Le persone normalmente non vengono contagiate ma un’infezione di questo tipo è comunque possibile. Le probabilità di contrarre la malattia sono più alte nel caso di persone che lavorano a contatto stretto con gli animali ma, dopo il primo malato, il virus (...)

En réponse à :

> PESTE SUINA. --- 81 I MORTI IN MESSICO,1.300 CASI SOSPETTI. CONTAGIO NON CONTENIBILE.... NUOVA ZELANDA,PROBABILE CONTAGIO STUDENTI.

dimanche 26 avril 2009

Ansa » 2009-04-26 12:34

INFLUENZA SUINI : NUOVA ZELANDA, SEGNALATI CASI

ROMA - "Nessun caso di influenza da suini é stato registrato in Europa", informa in una nota il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) con sede a Stoccolma. "La situazione attuale richiede una particolare attenzione" e l’Ecdc "continua a seguire la situazione e le sue potenziali implicazioni per la sanità pubblica". L’organizzazione europea sta lavorando a stretto contatto con i partner della Commissione Europea, con gli Stati membri e inoltre con l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) e i Centri americani per il controllo delle malattie (Cdc). E’ nel frattempo attivo il sistema di allerta precoce Ewrs (Early Warning and Response System).

FRANCIA : DUBBI SU DUE CASI SOSPETTI Le autorità francesi annunciano di avere "dubbi non confermati" su due casi sospetti legati all’infezione suina. "I dubbi riguardano due persone rientrate dal Messico", ha precisato oggi il direttore generale della Sanità Didier Houssin. A Marsiglia, le autorità sanitarie hanno reso noto che una donna incinta di ritorno dal Messico è stata sottoposta a test che hanno dato esisti negativi, escludendo ogni rischio di contagio.

ROMA : NEGATIVO CASO SOSPETTO E’ risultato negativo ai test virologici per l’influenza da suini il paziente proveniente dal Messico che ieri si è presentato all’Istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani di Roma. Secondo quanto si è appreso da fonti sanitarie, la persona accusava sintomi simili all’influenza ma era in condizioni non gravi. Per la provenienza dal Messico il paziente è stato sottoposto per motivi precauzionali ad accurata visita medica e al test della Pcr (reazione della polimerasi a catena) in grado di rilevare la eventuale presenza di materiale genetico virale del tipo H1N1. Gli esami clinici e di laboratorio sono proseguiti per tutta la notte ma per fortuna hanno dato esito negativo.

FARNESINA : NON ANDATE NELLE ZONE A RISCHIO Si sconsigliano viaggi che non siano improrogabili nelle zone del Messico dove sono stati registrati i casi di febbre che sui media viene indicata come influenza da suini. E’ quanto è scritto nella sezione Avvisi particolari del sito della Farnesina ’Viaggiare sicuri’. "Nelle ultime settimane si è registrato in Messico un aumento di casi di influenza acuta di origine non ancora definita particolarmente concentrati nella capitale Città del Messico", si rileva nel sito ’viaggiare sicuri’, precisando che "casi isolati dell’infermità si sono registrati anche negli stati di Sonora, Baja California, Stato del Messico e Oaxaca". "A meno di motivi improrogabili si consiglia ai viaggiatori che intendano recarsi nelle zone sopra indicate di rinviare i propri programmi di viaggio in attesa che la situazione sanitaria locale torni alla normalità", sottolinea ancora il sito, rilevando infine che "per evitare il contagio, alla popolazione è stato raccomandato di evitare la frequentazione di luoghi pubblici, di porre particolare attenzione nella cura dell’igiene personale e di accede a strutture sanitarie in presenza di sintomi influenzali".

NUOVA ZELANDA,PROBABILE CONTAGIO STUDENTI WELLINGTON - Dieci liceali neozelandesi che erano stati in Messico per una settimana sono stati probabilmente contagiati dalla influenza da suini, di cui presentano i sintomi. Lo ha detto oggi il ministro della sanità neozelandese Tony Ryall "Responsabili del ministero mi hanno detto che non è certo che si tratti di influenza da suini, ma che è molto probabile", ha detto I dieci facevano parte di un gruppo di 25 persone - 22 studenti e tre insegnanti del collegio Rangitoto du Aukland - che erano state per tre settimane in Messico e che, rientrate in patria, erano state messe in quarantena.

81 I MORTI IN MESSICO,1.300 CASI SOSPETTI L’ultimo bilancio dell’influenza da suini in Messico è salito a 81 morti sospette dal 13 aprile ad oggi. Lo ha dichiarato il ministro messicano della salute, José Angel Cordova in una conferenza stampa, precisando che 20 di queste sono state attribuite con certezza al virus e che i malati sotto osservazione sono al momento 1.324. Predisposto l’isolamento delle persone colpite dall’infezione.

Cordova ha confermato la chiusura delle scuole e delle università della capitale, megalopoli con 20 milioni di abitanti, in atto da venerdì scorso. La riapertura è ora prevista per il prossimo 6 maggio. Le misure di sicurezza sono state estese al vicino stato di San Luis Potosì, particolarmente toccato dal virus. Il ministro ha poi chiesto la collaborazione degli organizzatori per la "sospensione totale" di ogni manifestazione pubblica prevista, al chiuso e all’aperto, inclusi i luoghi di culto. Intanto, la polizia messicana ha arrestato due persone per aver venduto mascherine sanitarie a prezzi maggiorati di 25 volte.

Il governo del Messico ha stanziato 450 milioni di dollari nelle ultime ore per fronteggiare l’emergenza finanziaria.

Intanto a Citta’ del Messico, l’arcivescovo della capitale messicana ha annunciato la sospensione delle messe fino a nuova comunicazione.

USA : CDC, CONTAGIO NON CONTENIBILE Secondo le autorità sanitarie americane la febbre suina che ha ucciso decine di persone in Messico e contagiato otto negli Usa si è largamente diffusa e non può essere contenuta. Lo ha detto Anne Schuchat dei Centers for Disease Control and Prevention. "E’ chiaro che è diffusa e che non possiamo contenere la diffusione del virus", ha detto la Schuchat che dirige ad interim i programmi di scienza e sanità pubblica dei Cdc. La responsabile americana ha detto che le autorità Usa stanno collaborando strettamente con Messico, Canada e con l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il portavoce della Casa Bianca Red Cherlin ha detto che l’amministrazione Obama sta seguendo da vicino la situazione.

* Ansa (ripresa parziale - per aggiornamenti, cliccare sul rosso).


Ce forum est modéré à priori : votre contribution n'apparaîtra qu'après avoir été validée par un administrateur du site.

Titre :

Texte de votre message :
(Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.)

Lien hypertexte (optionnel)
(Si votre message se réfère à un article publié sur le Web, ou à une page fournissant plus d'informations, veuillez indiquer ci-après le titre de la page et son adresse URL.)
Titre :

URL :

Qui êtes-vous ? (optionnel)
Votre nom (ou pseudonyme) :

Votre adresse email :